-

RIMANI SEMPRE IN CONTATTO CON LATOOSCURO-TRADING.COM TWITT

venerdì 25 agosto 2017

Report dei mercati



Wall Street chiude in calo, Guess e Abercrombie in vetta
La Borsa di New York ha aperto la chiuso in leggero calo nel primo giorno del meeting dei bancheri centrali a Jackson Hole. Il Dow Jones ha perso lo 0,13%, l'S&P 500 lo 0,21% e il Nasdaq Composite lo 0,11%.
Sul fronte macroeconomico le nuove richieste di sussidi di disoccupazione nella settimana terminata il 18 agosto si sono attestate a 234 mila unità, inferiori alle attese (238 mila) ma superiori al dato della settimana precedente (232 mila). Il numero totale di persone che richiede l'indennità di disoccupazione si attesta a 1,954 milioni, pari alla rilevazione precedente.
La National Association of Realtors ha reso noto che a luglio le vendite di abitazioni esistenti sono diminuite dell'1,3% rispetto a giugno, a 5,44 milioni di unità. Il dato è risultato inferiore al consensus fissato su un incremento dello 0,9%. A giugno le vendite di case erano diminuite del 2%.
Tra i titoli in evidenza HP Inc +3,02%. Il produttore di pc e stampanti ha chiuso il terzo trimestre fiscale con profitti netti in calo a 0,41 dollari per azione da 0,45 dollari dello stesso periodo di un anno prima. Escluse le poste straordinarie l'Eps si è attestato a 0,43 dollari, un centesimo in più delle attese. I ricavi sono cresciuti del 10% a 13,1 miliardi.
Guess +19,07%. Il gruppo di abbigliamento ha annunciato una trimestrale superiore alle attese. Nel secondo trimestre l'utile per azione adjusted si è attestato a 0,19 dollari su ricavi per 573,7 milioni. Gli analisti avevano previsto un Eps a 0,10 dollari su ricavi per 559 milioni.
PVH +5,34%. Il proprietario dei marchi Calvin Klein e Tommy Hilfiger ha rivisto al rialzo la stima sull'utile per l'esercizio in corso dopo un secondo trimestre più forte del previsto. L'utile per azione adjusted è ora atteso tra 7,60 e 7,70 dollari contro i 7,40-7,50 dollari della precedente guidance. Nel secondo trimestre l'Eps adjusted si è attestato a 1,69 dollari su ricavi per 2,07 miliardi. Gli analisti avevano previsto un Eps a 1,64 dollari su ricavi per 2,03 miliardi.
Abercrombie & Fitch +17,07%. Il rivenditore di abbigliamento ha chiuso il secondo trimestre con una perdita per azione adjusted inferiore alle attese a 0,16 dollari contro i 33 centesimi del consensus. Meglio del previsto anche i ricavi a 779,3 milioni (consensus 759 milioni).
Sears Holdings -0,23%. Il colosso della distribuzione ha annunciato la chiusura entro fine anno di altri 28 punti vendita a marchio Kmart oltre ai 105 negozi che la società prevede di chiudere nel terzo trimestre. Nel secondo trimestre la perdita è calata più del previsto a 2,34 dollari per azione contro i 2,48 dollari del consensus. Meglio del previsto anche il giro d'affari a 4,37 miliardi (consensus 4,21 miliardi).
MERCATI ASIATICI
Borse asiatiche positive. Tokyo +0,51%
Prevalenza di segni positivi questa mattina sui mercati azionari asiatici in attesa delle parole del Presidente della FED, Janet Yellen, attese oggi al Simposium di Jackson Hole. Interesse anche per quanto dirà il Governatore della BCE Mario Draghi, anch'esso in programma per oggi.
Sul fronte macroeconomico da segnalare che in Giappone il Ministero degli Affari Interni e delle Comunicazioni ha reso noto che a Luglio il dato relativo all'inflazione globale è stato pari a +0,4% su base annuale, in linea con le attese degli analisti. L'Inflazione Core, che esclude i prezzi degli alimentari è invece cresciuta dello 0,5% anch'essa in linea con le attese. Nella regione di Tokyo lo stesso dato ha fatto segnare un progresso dello 0,5% ad agosto, superiore alle stime degli analisti pari a +0,3%.
Sempre in Giappone la Bank of Japan ha reso noto che a Luglio i Prezzi alla Produzione sono risultati in crescita dello 0,6% su base annuale. Il dato è inferiore alle attese degli analisti che avevano stimato un valore pari a +0,8% ed inferiore anche alla rilevazione di Giugno pari a +0,7. Su base mensile i Prezzi alla Produzione sono invece cresciuti dello 0,3%.
A Singapore il Board di Sviluppo Economico ha reso noto che a luglio la Produzione Manifatturiera ha fatto segnare il maggior rialzo degli ultimi sette mesi attestandosi a +21% su base annuale. Il dato è nettamente superiore alle attese degli analisti che avevano stimato un incremento del 12,9%.
Tokyo ha chiuso con il Nikkei in crescita dello 0,51% grazie soprattutto alla stabilità del cambio Usd/Yen che non ha subito variazioni di rilievo rispetto a ieri, circostanza che ha attratto l'interesse degli operatori verso i titoli delle società esportatrici. Stabile la borsa australiana mentre quella cinese appare in netto rialzo (+1% circa) così come l'Hang Seng di Hong. Praticamente invariata Seoul mentre Singapore arretra dello 0,1%.
Servizio CFD, il tuo capitale è a rischio
MERCATI EUROPEI
Borse europee in leggero rialzo
Le principali Borse europee hanno aperto l'ultima seduta della settimana in leggero rialzo. L'indice Stoxx Europe 600 guadagna lo 0,1%, il Dax30 di Francoforte lo 0,1%, il Cac40 di Parigi lo 0,2% e il Ftse100 di Londra lo 0,2%.
Oggi al forum di Jackson Hole sono attesi gli interventi del numero uno della Fed Janet Yellen e del presidente della Bce Mario Draghi. Quest'ultimo non dovrebbe affrontare il tema del "Qe" e delle prossime mosse della banca centrale.
Sul fronte macroeconomico in Germania, l'Ufficio Federale di Statistica (Destatis) ha pubblicato i dati definitivi del Pil relativo al secondo trimestre 2017: l'economia tedesca continua a crescere. Il dato ha evidenziato infatti un incremento dello 0,6% su base trimestrale confermando la lettura preliminare e in linea con il trimestre precedente. Su base annuale la crescita si e' attestata al +0,8%. I prezzi alle importazioni nel mese di luglio sono diminuiti dello 0,4% su base mensile e sono cresciuti dell'1,9% su base annuale, in ulteriore rallentamento rispetto alla lettura di giugno. Le attese degli analisti erano fissate su un incremento mensile pari allo 0,1% e su una crescita del 2,4% su base annua.
Tra i titoli in evidenza Volkswagen +0,5%. Secondo indiscrezioni, il gruppo tedesco e la rivale Fiat Chrysler Automobiles avrebbero avviato trattative per la produzione di utilitarie.
Lufthansa +0,1%. L'agenzia Moody's ha alzato il rating della compagnia aerea tedesca a "Baa3" da "Ba1". L'outlook è stabile.
Stada +1%. Il fondatore del fondo attivista Elliott detiene il 10% del capitale del produttore di farmaci generici passata recentemente sotto il controllo di Bain Capital e Cinven
APERTURA MERCATO ITALIANO

Borsa italiana in lieve calo: Ftse Mib -0,13%.

Il Ftse Mib segna -0,13%, il Ftse Italia All-Share -0,16%, il Ftse Italia Mid Cap -0,29%, il Ftse Italia Star +0,09%.
Mercati azionari europei poco mossi. DAX -0,4%, FTSE 100 +0,1%, CAC 40 -0,3%, IBEX 35 -0,2%.
Future sugli indici azionari americani poco sotto la parità. Le chiusure dei principali indici della seduta precedente a Wall Street: S&P 500 -0,21%, Nasdaq Composite -0,11% Dow Jones Industrial -0,13%.
Mercato azionario giapponese positivo: l'indice Nikkei 225 stamattina ha terminato a +0,51%. Borse cinesi in netto rialzo: l'indice CSI 300 di Shanghai e Shenzhen ha chiuso a +1,64%, l'Hang Seng di Hong Kong al momento segna +1,1% circa.
Non si placano le indiscrezioni aventi per oggetto FCA (+0,2% a 12,51 euro), tanto che questa mattina, su richiesta della Consob, il gruppo italoamericano ha precisato "di non avere altro da aggiungere a quanto già dichiarato in risposta a voci di mercato il 21 agosto 2017", e cioè che "riceve talvolta contatti in merito a possibili operazioni strategiche e valuta tali contatti conformemente ai suoi doveri verso gli stakeholder". Nelle ultime settimane si è parlato di un'offerta dalla Cina, con Great Wall Motors che alla fine è venuta allo scoperto con un interesse per il marchio Jeep (o per tutto il gruppo, su questo punto non c'è chiarezza). Più recentemente è emersa l'ipotesi di spin-off degli asset della componentistica (Magneti Marelli e Comau) ed eventualmente anche di Alfa Romeo e Maserati, con l'obiettivo di giungere entro fine 2018 all'azzeramento dell'indebitamento e quindi a incrementare fortemente il valore di FCA: quest o metterebbe il CEO Marchionne nella condizione di affrontare l'eventuale trattativa per una fusione da una posizione di forza. Infine ieri il Wall Street Journal ha citato fonti vicine alla situazione secondo cui il Lingotto e Volkswagen hanno avviato negoziati per una partnership nella produzione di veicoli leggeri (light-utility vehicles). FCA e la casa di Wolfsburg hanno mezzi di questo tipo in diretta concorrenza: i pick up medi Fullback e Amarok e i più piccoli Doblo (Ram ProMaster nella versione USA) e Caddy. Possibile quindi un'ipotesi di condivisione delle piattaforme.
Avvio positivo per Banco BPM (+1,1%): l'istituto ha annunciato che Aviva ha comunicato l'avvenuto esercizio dell'opzione di vendita dell'intera quota dalla stessa detenuta in Avipop Assicurazioni. Secondo recenti indiscrezioni Cattolica Assicurazioni (-0,8%) è la favorita per divenire il nuovo partner di Banco BPM nella bancassurance.
In verde Azimut Holding (+0,9%): ieri l'annuncio dell'acquisizione di Farrow Hughes Mulcahy Financial Services tramite AZ Next Generation Advisory. Confermato l’obbiettivo di AZ di consolidare realtà di consulenza finanziaria in Australia che offrono servizi di asset allocation a clienti retail, HNW e istituzionali locali.
Ritraccia Brembo (-0,9%) dopo il +3,16% di ieri favorito dai rumor che riguardano FCA: il gruppo attivo nel settore degli impianti frenanti beneficia della possibilità di spin-off di Magneti Marelli e Comau da FCA, con conseguente emersione di valore "nascosto" nel comparto della componentistica automotive all'interno del colosso italoamericano.
Luxottica (-0,6% a 47,85 euro) in leggera flessione. Morgan Stanley ha confermato la raccomandazione overweight ma ha ridotto il target da 65 a 60 euro
Servizio CFD, il tuo capitale è a rischio
TITOLI DEL GIORNO
In netto rialzo giovedi' Brembo che si avvantaggia dei rumor che riguardano FCA. Il gruppo attivo nel settore degli impianti frenanti beneficia della possibilità di spin-off di Magneti Marelli e Comau da FCA, con conseguente emersione di valore "nascosto" all'interno del colosso italoamericano. Brembo si e' spinto fino a quota 13,43 euro per poi stabilizzarsi poco al di sotto di quei livelli dopo avere terminato la seduta di mercoledi' a 12,96 euro. I prezzi superando il picco del 16 agosto a 13,02 euro hanno completato il doppio minimo che si era disegnato sul grafico dall'11 agosto in area 12,65 euro. Superati anche la media mobile a 50 giorni, ora supporto in transito a 13,15 circa, e il lato alto del canale ribassista che parte dal top di maggio. Target del doppio minimo, calcolato come proiezione della sua ampiezza dal punto di rottura, a 13,42, quindi gia' centrato nelle ultime ore. Al superamento di area 13,42/43 il target si sposterebbe a 13,85/90 euro, massimo del 13 luglio e 50% di ritracciamento del ribasso dai massimi di maggio. Resistenza successiva a 14,20 (61,8% retracement). Solo ritorni al di sotto di area 13,15 farebbero temere uno sgonfiarsi del rimbalzo esponendo il titolo al rischio di ritorni in area 12,47, sui minimi di giugno.
Molto bene Enel nella seduta di giovedì. Le utility approfittano del recupero dei BTP dopo che un portavoce della Commissione Europea ha risposto a una richiesta di chiarimenti di Reuters affermando che l'euro, in base all'articolo 128 del trattato sul funzionamento dell'UE, è la sola valuta avente corso legale nell'eurozona e che non ci sono eccezioni a questa regola. La richiesta di chiarimenti è stata inviata dopo le affermazioni dei giorni scorsi di Silvio Berlusconi in merito all'ipotesi di introduzione di una doppia valuta per rivitalizzare la domanda. Il titolo preme dalla scorsa ottava contro i massimi dal 2008 a 5,12 euro. Il superamento di questo ostacolo permetterebbe di guardare a obiettivi a 5,45, lato alto del canale ipotizzabile da aprile, e 5,60/5,70, importante riferimento statico nel 2008. Discese sotto il minimo dell’11 agosto, a quota 4,88, vanificherebbero invece i recenti sforzi aprendo la via a cali verso l'importante suppor to di medio termine a 4,64 (minimo di luglio). 
Non si placano le indiscrezioni aventi per oggetto FCA, tanto che questa mattina, su richiesta della Consob, il gruppo italoamericano ha precisato "di non avere altro da aggiungere a quanto già dichiarato in risposta a voci di mercato il 21 agosto 2017", e cioè che "riceve talvolta contatti in merito a possibili operazioni strategiche e valuta tali contatti conformemente ai suoi doveri verso gli stakeholder". Nelle ultime settimane si è parlato di un'offerta dalla Cina, con Great Wall Motors che alla fine è venuta allo scoperto con un interesse per il marchio Jeep (o per tutto il gruppo, su questo punto non c'è chiarezza). Più recentemente è emersa l'ipotesi di spin-off degli asset della componentistica (Magneti Marelli e Comau) ed eventualmente anche di Alfa Romeo e Maserati, con l'obiettivo di giungere entro fine 2018 all'azzeramento dell'indebitamento e quindi a incrementare fortemente il valore di FCA: questo metterebbe i l CEO Marchionne nella condizione di affrontare l'eventuale trattativa per una fusione da una posizione di forza. Infine ieri il Wall Street Journal ha citato fonti vicine alla situazione secondo cui il Lingotto e Volkswagen hanno avviato negoziati per una partnership nella produzione di veicoli leggeri (light-utility vehicles). FCA e la casa di Wolfsburg hanno mezzi di questo tipo in diretta concorrenza: i pick up medi Fullback e Amarok e i più piccoli Doblo (Ram ProMaster nella versione USA) e Caddy. Possibile quindi un'ipotesi di condivisione delle piattaforme. L'analisi del grafico di FCA evidenzia l'accelerazione delle ultime otto sedute culminata ieri con il nuovo record storico a 12,92 euro, record che manda in archivio il precedente a 12,32 circa risalente a quasi 31 anni fa (settembre 1986). Le quotazioni sembrano proiettate verso 14,50 almeno. Concreti segnali di debolezza solo a seguito di discese sotto area 10,50/11,00 con appoggio successivo a 8,80.
DATI MACRO ATTESI

Venerdì 25 Agosto 2017

01:30 GIA Inflazione lug;
01:50 GIA Indice prezzi servizi imprese lug;
08:00 GER PIL finale trim2;
08:45 FRA Indice fiducia consumatori ago;
10:00 GER Indice IFO (fiducia imprese) ago;
14:30 USA Ordini beni durevoli preliminare lug;
16:00 USA Intervento Yellen (Fed).
Servizio CFD, il tuo capitale è a rischio
HEADLINES
Giappone. Inflazione a Luglio +0,4%
In Giappone il Ministero degli Affari Interni e delle Comunicazioni ha reso noto che a Luglio il dato relativo all'inflazione globale è stato pari a +0,4% su base annuale, in linea con le attese degli analisti. L'Inflazione Core, che esclude i prezzi degli alimentari è invece cresciuta dello 0,5% anch'essa in linea con le attese. Nella regione di Tokyo lo stesso dato ha fatto segnare un progresso dello 0,5% ad agosto, superiore alle stime degli analisti pari a +0,3%.

Giappone. Prezzi alla Produzione in crescita dello 0,6% a Luglio
In Giappone la Bank of Japan ha reso noto che a Luglio i Prezzi alla Produzione sono risultati in crescita dello 0,6% su base annuale. Il dato è inferiore alle attese degli analisti che avevano stimato un valore pari a +0,8% ed inferiore anche alla rilevazione di Giugno pari a +0,7. Su base mensile i Prezzi alla Produzione sono invece cresciuti dello 0,3%.

Germania: Pil secondo trimestre 2017 +0,6% t/t
In Germania, l'Ufficio Federale di Statistica (Destatis) ha pubblicato i dati definitivi del Pil relativo al secondo trimestre 2017: l'economia tedesca continua a crescere. Il dato ha evidenziato infatti un incremento dello 0,6% su base trimestrale confermando la lettura preliminare e in linea con il trimestre precedente. Su base annuale la crescita si e' attestata al +0,8%.

Germania: in calo a luglio l'indice dei prezzi alle importazioni
L'Ufficio Federale di Statistica Destatis ha reso noto che i prezzi alle importazioni in Germania nel mese di luglio sono diminuiti dello 0,4% su base mensile e sono cresciuti dell'1,9% su base annuale, in ulteriore rallentamento rispetto alla lettura di giugno. Le attese degli analisti erano fissate su un incremento mensile pari allo 0,1% e su una crescita del 2,4% su base annua.

Singapore: produzione manifatturiera sui massimi da sette mesi a luglio
Secondo i dati comunicati dal Ministero del Commercio e dell'Industria, a Singapore la produzione manifatturiera è cresciuta al ritmo più elevato degli ultimi sette mesi. A luglio la produzione è aumentata del 21% su base annua nonostante la crescita mensile sia stata solo dell'1% (dal 9% di giugno).

Francia: scende ad agosto la fiducia delle imprese (Insee)
In Francia la fiducia degli imprenditori scende a luglio: l'indicatore sulla fiducia negli affari calcolato da Insee si attesta a 103 punti risultando inferiore alla rilevazione precedente(pari a 104 punti) seppur allineato alle attese degli analisti.
Disclaimer
Le presenti informazioni sono state redatte con la massima perizia possibile in ragione dello stato dell'arte delle conoscenze e delle tecnologie; la loro accuratezza e la loro affidabilità non sono comunque in alcun modo e forma fonte di responsabilità da parte di Financial Trend Analysis S.r.l. nè di alcuno. Questa analisi non costituisce in alcun modo un servizio di consulenza finanziaria, né offerta al pubblico: le informazioni pubblicate sono di natura standardizzata e generale e non costituiscono pertanto una precisa raccomandazione ad investire, ad acquistare o vendere alcuno degli strumenti finanziari analizzati. FTA Online non è e non sarà responsabile di qualsivoglia perdita o danno in cui si possa incorrere in seguito all'affidamento sul contenuto dell'analisi. Si ricorda che le analisi fornite non costituiscono un'indicazione utile delle prospettive future degli strumenti finanziari esaminati; si ra mmenta inoltre, che i Mercati Finanziari sono estremamente volatili e gli investitori possono incorrere in elevate perdite che, nel caso di utilizzi di margini, possono uguagliare o superare l'investimento originario. FTA Online svolge ogni sforzo affinché le informazioni contenute in questo report siano accurate, ma non si assume la responsabilità per errori, ritardi o qualsiasi forma di imprecisione delle informazioni contenute. Eventuali decisioni di investimento che ne dovessero conseguire sono assunte, da parte dell'utente, in piena autonomia ed a proprio esclusivo rischio.
Servizio CFD, il tuo capitale è a rischio


Nessun commento:

Posta un commento

CALENDARIO RISULTATI UTILI SOCIETA' QUOTATE

............
Calendario Utili fornito da Investing.com Italia - Il Portale di Trading sul Forex e sui titoli di borsa.