-

RIMANI SEMPRE IN CONTATTO CON LATOOSCURO-TRADING.COM TWITT

giovedì 24 agosto 2017

Report dei mercati



Usa: Trump minaccia e Wall Street scende
La Borsa di New York ha aperto la seduta in calo alla vigilia del meeting dei banchieri centrali a Jackson Hole. Il Dow Jones ha perso lo 0,4%, l'S&P 500 lo 0,35% e il Nasdaq Composite lo 0,3%.
A pesare è stata la minaccia di Trump di fermare l'attività di Governo se il Congresso non approverà il finanziamento per la costruzione del muro al confine con il Messico.
Tra i titoli in evidenza Express +19,13%. Il rivenditore di abbigliamento ha chiuso il secondo trimestre con ricavi e profitti superiori alle attese. L'Eps adjusted si è attestato a 0,01 dollari su ricavi per 478,5 milioni. Gli analisti avevano previsto un Eps a -0,01 dollari su ricavi per 474 milioni.
Salesforce.com +0,25%. L'azienda di cloud computing ha rivisto al rialzo le stime per l'esercizio in corso dopo un secondo trimestre più forte del previsto. L'utile per azione è ora atteso tra 1,29 e 1,31 dollari su ricavi per 10,35-10,40 miliardi. Nel secondo trimestre l'utile per azione adjusted si è attestato a 0,33 dollari su ricavi per 2,56 miliardi. Gli analisti avevano previsto un Eps a 0,32 dollari su ricavi per 2,52 miliardi.
Cree -3,56% Il fornitore di soluzioni di illuminazione a LED prevede di chiudere il trimestre in corso (il primo dell'esercizio fiscale 2018) con un utile per azione adjusted compreso tra 0,02 e 0,06 dollari. Il dato è inferiore alle attese degli analisti (consensus 0,11 dollari).
Lowe's -3,65%. Il rivenditore di articoli per la casa ha pubblicato una trimestrale inferiore alle attese. Nel secondo trimestre l'utile per azione adjusted si è attestato a 1,57 dollari su ricavi per 19,49 miliardi. Gli analisti avevano previsto un Eps a 1,62 dollari su ricavi per 19,55 miliardi.
American Eagle Outfitters +7,67%. Il gruppo di abbigliamento ha chiuso il secondo trimestre con un utile per azione adjusted a 0,19 dollari su ricavi per 844,6 milioni. Gli analisti avevano previsto un Eps a 0,16 dollari su ricavi per 824 milioni. Meglio del previsto anche le vendite a perimetro costante, cresciute del 2% contro il -0,4% del consensus.
La-Z-Boy -20,16%. Ricavi e profitti del rivenditore di mobili hanno deluso le attese nel primo trimestre fiscale. L'Eps si è attestato a 0,24 dollari contro i 29 centesimi del consensus mentre i ricavi sono cresciuti meno del previsto a 357,1 milioni (consensus 358 milioni).
Sul fronte macroeconomico Markit ha reso noto che nel mese di agosto l'Indice PMI Manifatturiero (stima flash) e' sceso a 52,5 punti dai 53,3 punti del mese precedente. La rilevazione di agosto evidenzia un rallentamento del ritmo di crescita del comparto manifatturiero, con livelli di produzione su livelli minimi da due mesi. Solida crescita invece per il settore privato, salito a 56,9 punti dai 54,7 punti della lettura precedente, su livelli massimi da 27 mesi.
Il Dipartimento del Commercio degli Stati Uniti (congiuntamente al Census Bureau) ha comunicato che le vendite di nuove abitazioni sono crollate del 9,4% a luglio rispetto al mese precedente, attestandosi a 571 mila unita' (consensus 612 mila), in netto calo rispetto alle 630 mila unità della rilevazione precedente. Le attese erano per un incremento mensile dello 0,3%.
MERCATI ASIATICI
Borse asiatiche contrastate. Tokyo sotto la parità
Borse asiatiche contrastate questa mattina con Tokyo che ha chiuso sotto la parità. L'andamento negativo di ieri a Wall Street ha contribuito all'incertezza di questa mattina, soprattutto dopo le minacce di Trump di far cadere il governo nel caso in cui il Congresso non approvasse i fondi per la costruzione del muro lungo il confine con il Messico. Gli addetti ai lavori guardano con attenzione anche al meeting dei banchieri centrali che inizierà oggi a Jackson Hole nel Wyoming.
Sul fronte macroeconomico da segnalare che in Giappone l'Ufficio di Gabinetto ha reso noto questa mattina il dato finale relativo all'Indice Anticipatore. Tale rilevazione, che misura l'attività economica futura del paese, è apparsa in crescita a Giugno a 105,9 punti dai 104,7 di Maggio ma è stata rivista al ribasso rispetto alla stima preliminare pari a 106,3 punti. Si tratta comunque del miglior risultato da giugno 2015. Il Coincident Index che riflette l'andamento attuale dell'economia è salito a Giugno a 117,1 dai 115,8 punti del mese precedente.
La borsa nipponica ha chiuso la seduta in calo dello 0,42%, penalizzata dal rafforzamento dello yen che ha influito negativamente sui corsi delle società esportatrici. In difficoltà il settore dei produttori di acciaio dopo che il Nikkei ha riportato la notizia secondo la quale Toyota starebbe cercando di abbassare il prezzo dell'acciaio ai fornitori per il periodo ottobre-marzo.
Positiva la borsa australiana dopo un avvio debole. Le buone trimestrali presentate da alcuni big del listino stanno sostenendo il mercato. L'indice ha chiuso comunque poco oltre la parità con i titoli del comparto minerario come BHP Billiton e Rio Tinto in bella evidenza. Bene anche il settore aurifero e quello energetico in scia al rialzo dei corsi dell'oro e del petrolio di questa notte.
Per quanto concerne gli altri principali indici asiatici bene Seoul che ha guadagnato qualche decimo di punto percentuale e Taiwan in rialzo dello 0,8% circa, mentre la borsa cinese è apparsa sotto tono. Stabile infine l'Hang Seng di Hong kong.
Servizio CFD, il tuo capitale è a rischio
MERCATI EUROPEI
Borse europee positive, crolla Dixons Carphone
Le principali Borse europee hanno aperto la seduta in rialzo nel giorno del simposio di Jackson Hole, incontro annuale dei banchieri centrali. L'indice Stoxx Europe 600 guadagna lo 0,2%, il Dax30 di Francoforte lo 0,2%, il Cac40 di Parigi lo 0,4% e il Ftse100 di Londra lo 0,2%.
Ieri Wall Street ha chiuso in calo a causa della minaccia di Trump di fermare l'attività di Governo se il Congresso non approverà il finanziamento per la costruzione del muro al confine con il Messico.
Sul fronte macroeconomico in Francia aumenta la fiducia dei consumatori nelle attività economiche. L'Insee ha comunicato che ad agosto l'indice si e' attestato a 111 punti, superiore sia alle attese che alla rilevazione precedente entrambe fissate su un indice di 108 punti.
Continua a crescere l'economia spagnola nel secondo trimestre. Il Pil è cresciuto dello 0,9% rispetto al trimestre precedente, in linea con la precedente stima. Rispetto allo stesso periodo del 2016 il Pil è cresciuto del 3,1%, in linea con le attese.
Tra i titoli in evidenza Dixons Carphone -2%. Il rivenditore di elettronica ha lanciato un profit warning. Per l'esercizio fiscale 2018 la società prevede un utile ante imposte tra 360 e 440 milioni di sterline, contro i 501 milioni di un anno prima.
CRH +2,5%. Il gruppo dei materiali per costruzioni ha chiuso il primo semestre con profitti in crescita del 27% a 517 milioni di euro ed ha annunciato la vendita delle attività di distribuzione americana a Beacon Roofing Supply per 2,63 miliardi di dollari in contanti.
ABB +0,7%. Secondo indiscrezioni, General Electric avrebbe riavviato le negoziazione per cedere la propria divisione industriale al gruppo svizzero.
APERTURA MERCATO ITALIANO

Borsa italiana in verde: Ftse Mib +0,37%.

Il Ftse Mib segna +0,37%, il Ftse Italia All-Share +0,35%, il Ftse Italia Mid Cap +0,21%, il Ftse Italia Star +0,16%.
Mercati azionari europei poco mossi. DAX +0,1%, FTSE 100 +0,1%, CAC 40 +0,2%, IBEX 35 +0,3%.
Future sugli indici azionari americani in parità. Le chiusure dei principali indici della seduta precedente a Wall Street: S&P 500 -0,35%, Nasdaq Composite -0,30% Dow Jones Industrial -0,40%.
Mercato azionario giapponese debole: l'indice Nikkei 225 stamattina ha terminato a -0,42%. Borse cinesi incerte: l'indice CSI 300 di Shanghai e Shenzhen chiude -0,57%, l'Hang Seng di Hong Kong al momento segna +0,5% circa.
FCA (+1,4% a 12,30 euro) estende il rally di ieri e tocca il nuovo record storico a 12,47 euro, superando i 12,32 dell''86. Secondo indiscrezioni de La Stampa il Lingotto punta a scorporare Magneti Marelli, un'operazione che permetterebbe al gruppo di centrare entro fine 2018 l'azzeramento dell'indebitamento e quindi incrementare fortemente il valore di FCA, in modo affrontare la trattativa per una fusione da una posizione di forza.
Bene le utility Enel (+1,3%), A2A (+0,4%), Snam (+0,5%) grazie al recupero dei BTP dopo che un portavoce della Commissione Europea ha risposto a una richiesta di chiarimenti di Reuters affermando che l'euro è la sola valuta avente corso legale nell'eurozona, dopo le affermazioni dei giorni scorsi di Silvio Berlusconi in merito all'ipotesi di introdurre una doppia valuta per rivitalizzare la domanda.
Tonica Banca Intermobiliare (+2,3%). Secondo indiscrezioni di stampa domani si chiude la data room per l'istituto controllato da Quaestio SGR tramite Veneto Banca in liquidazione. Warburg Pincus, Attestor, JC Flowers e Barents Re sono i fondi internazionali impegnati nell'analisi dei conti dell'istituto. Si passera' poi alla fase delle offerte non vincolanti. Veneto Banca detiene l'80,5% di Banca Intermobiliare.
Servizio CFD, il tuo capitale è a rischio
TITOLI DEL GIORNO
Seduta negativa ieri per Intesa Sanpaolo (-1,46% a 2,8340 euro), coinvolta nella debolezza del settore: l'indice Ftse Italia Banche ha infatti chiuso a -1,66%, contro il -1,01% dell'EURO STOXX Banks. Intesa ha annunciato di aver raggiunto un accordo con gli azionisti di Morval Vonwiller Holding SA per l'acquisizione del gruppo svizzero, compresa Banque Morval SA. L'operazione si inserisce nel disegno strategico volto a rafforzare il presidio sui mercati internazionali nel private banking. La presenza del gruppo Morval Vonwiller sulla piazza di Ginevra permetterà alla Divisione Private Banking di Intesa Sanpaolo, già operativa a Lugano, Londra e in Lussemburgo, di espandere ulteriormente il proprio raggio d’azione fuori dai confini nazionali. L'analisi del grafico di Intesa Sanpaolo evidenzia l'indebolimento delle ultime sedute con i prezzi scesi a mettere pressione sul supporto statico a 2,82/2,83 euro. L'eventuale violazione confermata in ch iusura di seduta di questo riferimento darebbe probabilmente il via a un movimento correttivo più ampio con obiettivi a 2,76 e 2,69 circa, limite superiore del gap rialzista lasciato a fine giugno. La tenuta di 2,82/2,83 creerebbe invece le premesse per un attacco ai recenti massimi allineati a 2,9460: in caso di successo in questa operazione verrebbe riattivata la tendenza ascendente partita nel giugno 2016 verso 3,10 e 3,30.
Debole Iren nella seduta di mercoledi' dopo le dichiarazioni dell'a.d. Massimo Bianco al Sole 24 Ore. L'utility punta ad altre acquisizioni dopo quella di Acam (La Spezia), in contanti o azioni. Bianco ha aggiunto che sono in corso negoziati con Amiu di Genova per una partnership industriale sugli impianti. Dopop le parole di Biano Banca Imi ha confermato il target price a 2,5 euro e il rating "add" sul titolo. I prezzi hanno toccato un minimo intraday a 2,252 euro dopo avere terminato martedi' a 2,292 euro. Il grafico si mantiene comunque per ora al di sopra del primo supporto rilevante, la media mobile a 20 giorni passante a 2,21 euro circa. Solo sotto quei livelli si incorrerebbe nel rischio di ulteriori cali che troverebbero comunque gia' a 2,13 un altro supporto rilevante, la base del canale crescente disegnato dai minimi di febbraio. La tenuta di questi supporti e la rottura del picco del 17 agosto a 2,32 euro dovrebbero permettere il test del lato alto del canale cit ato, a 2,42 circa. Resistenza successiva in area 2,70 euro.
In ottima forma Salini Impregilo. Il Sole 24 Ore ieri ha scritto che il gruppo delle infrastrutture ha migliorato l'obiettivo dei ricavi negli USA, portandolo a 2,2 miliardi di euro nel 2017 e a 3 miliardi nel 2018, in linea con il target strategico di concentrare negli States circa un terzo dei ricavi complessivi. Gli investitori hanno sfruttato la notizia passando agli acquisti ma il titolo non riesce ancora a riprendere i 3 euro. Solo il ritorno sopra questo livello, punto di passaggio della media mobile a 50 sedute più volte battuto nel corso dell’anno, permetterebbe di allentare le tensioni ribassiste degli ultimi mesi. Segnali di forza giungerebbero poi oltre 3,10 circa, per target in prima battuta a 3,17/3,19 poi in area 3,38/3,42 (massimi di maggio). Al contrario, la violazione del supporto strategico a 2,80 circa, dove si posizionano i minimi di agosto allineati a quelli di febbraio, comporterebbe un deterioramento del quadro grafico di fondo prospetta ndo un affondo sui minimi dello scorso autunno in area 2,45.
DATI MACRO ATTESI

Giovedì 24 Agosto 2017

08:45 FRA Indice fiducia imprese ago;
09:00 SPA PIL finale trim2;
10:30 GB PIL 2a stima trim2;
12:00 GB Indice CBI (settore distributivo) ago;
14:30 USA Richieste settimanali sussidi disoccupazione;
16:00 USA Vendite abitazioni esistenti lug.
Servizio CFD, il tuo capitale è a rischio
HEADLINES
Giappone. Indice Anticipatore inferiore rispetto alla stima preliminare
In Giappone l'Ufficio di Gabinetto ha reso noto questa mattina il dato finale relativo all'Indice Anticipatore. Tale rilevazione, che misura l'attività economica futura del paese, è apparsa in crescita a Giugno a 105,9 punti dai 104,7 di Maggio ma è stata rivista al ribasso rispetto alla stima preliminare pari a 106,3 punti. Si tratta comunque del miglior risultato da giugno 2015. Il Coincident Index che riflette l'andamento attuale dell'economia è salito a Giugno a 117,1 dai 115,8 punti del mese precedente.
Kaplan, Fed: elevato debito impedisce crescita futura
Negli Stati Uniti elevati livelli di debito pubblico rappresentano un ostacolo alla crescita futura. Lo ha dichiarato ieri il presidente della Federal Reserve di Dallas Robert Kaplan. Nel corso di un discorso presso la banca Permian Basin Petroleum Association a Midland, in Texas, Kaplan - che quest'anno è membro votante del congresso - ha suggerito di essere pazienti e di aspettare ulteriori conferme prima di alzare nuovamente i tassi di interesse.
Venezuela: Maduro scrive a Trump per allentare tensioni
Il presidente venezuelano Nicolás Maduro ha dichiarato alla stampa che intende inviare una lettera al presidente degli Stati Uniti per promuovere il dialogo e cancellare tensioni e conflitti. La notizia è arrivata dopo la minaccia da parte di Trump di un intervento militare. 
Regno Unito: aumentata la produzione di automobili a luglio
Nel Regno Unito l'associazione di categoria per l'industria automobilistica SMMT (Society of Motor Manufacturers and Traders) ha dichiarato che a luglio le società automotive hanno aumentato la produzione del 7,8%, a 136.397 unità, dopo sette mesi consecutivi di riduzione. Sebbene i livelli di produzione nel settore siano diminuiti dell'1,6% su base annua, l'output supera il milione i pezzi.
Spagna: Pil 2T in crescita +0,9% t/t, +3,1% a/a
Continua a crescere l'economia spagnola nel secondo trimestre. Il Pil è cresciuto dello 0,9% rispetto al trimestre precedente, in linea con la precedente stima. Rispetto allo stesso periodo del 2016 il Pil è cresciuto del 3,1%, in linea con le attese.
Francia: cresce ad agosto la fiducia dei consumatori, 111 punti
In Francia aumenta la fiducia dei consumatori nelle attività economiche. L'Insee ha comunicato che ad agosto l'indice si e' attestato a 111 punti, superiore sia alle attese che alla rilevazione precedente entrambe fissate su un indice di 108 punti.
Disclaimer
Le presenti informazioni sono state redatte con la massima perizia possibile in ragione dello stato dell'arte delle conoscenze e delle tecnologie; la loro accuratezza e la loro affidabilità non sono comunque in alcun modo e forma fonte di responsabilità da parte di Financial Trend Analysis S.r.l. nè di alcuno. Questa analisi non costituisce in alcun modo un servizio di consulenza finanziaria, né offerta al pubblico: le informazioni pubblicate sono di natura standardizzata e generale e non costituiscono pertanto una precisa raccomandazione ad investire, ad acquistare o vendere alcuno degli strumenti finanziari analizzati. FTA Online non è e non sarà responsabile di qualsivoglia perdita o danno in cui si possa incorrere in seguito all'affidamento sul contenuto dell'analisi. Si ricorda che le analisi fornite non costituiscono un'indicazione utile delle prospettive future degli strumenti finanziari esaminati; si ra mmenta inoltre, che i Mercati Finanziari sono estremamente volatili e gli investitori possono incorrere in elevate perdite che, nel caso di utilizzi di margini, possono uguagliare o superare l'investimento originario. FTA Online svolge ogni sforzo affinché le informazioni contenute in questo report siano accurate, ma non si assume la responsabilità per errori, ritardi o qualsiasi forma di imprecisione delle informazioni contenute. Eventuali decisioni di investimento che ne dovessero conseguire sono assunte, da parte dell'utente, in piena autonomia ed a proprio esclusivo rischio.
Servizio CFD, il tuo capitale è a rischio


Nessun commento:

Posta un commento

CALENDARIO RISULTATI UTILI SOCIETA' QUOTATE

............
Calendario Utili fornito da Investing.com Italia - Il Portale di Trading sul Forex e sui titoli di borsa.