-

RIMANI SEMPRE IN CONTATTO CON LATOOSCURO-TRADING.COM TWITT

martedì 29 agosto 2017

Petrolio Analisi Fondamentale Giornaliera, Previsioni – Le riserve USA saliranno di 1,4 milioni di barili al giorno prima della rimessa in produzione delle raffinerie

Lunedì i future sul petrolio greggio statunitense, il West Texas Intermediate, hanno subito una batosta che ha spinto il prezzo in ribasso del 3% circa: l’uragano Harvey ha infatti provocato una grave inondazione in alcune zone della costa del Golfo del Texas, importante centro di raffinazione del petrolio.
I future sul petrolio greggio West Texas Intermediate con scadenza ottobre hanno chiuso a $ 46,57, in ribasso di $ 1,30 (-2,72%), mentre i future sul petrolio greggio Brent con scadenza a novembre hanno chiuso a $ 51,42, in ribasso di $ 0,56 (-1,08%).
Diverse raffinerie hanno chiuso a causa delle pessime condizioni meteorologiche; chiusi al traffico in entrata e in uscita anche i porti dell’area. L’inondazione è talmente estesa che i funzionari del Governo e delle compagnie petrolifere sostengono che passeranno giorni prima che gli operai riescano ad avere accesso alle strutture. Nella costa del Golfo risiede circa la metà della capacità di raffinazione del paese.
Il prezzo della benzina è schizzato in alto salendo ai massimi dalla fine del luglio 2015; l’interruzione dell’attività di raffinazione minaccia infatti di creare le condizioni per una carenza di offerta nel breve termine. Allo stesso tempo, il prezzo del petrolio greggio è crollato a causa della bassa domanda prevista. Il passaggio della tempesta dovrebbe continuare ad avere un effetto ribassista sul mercato del petrolio greggio; le raffinerie, infatti, non riusciranno a lavorare agli alti ritmi osservati a luglio e agosto, con un conseguente calo della domanda di petrolio.
WTI ottobre grafico giornaliero

Previsioni

Martedì a inizio giornata, prese di beneficio e azioni di copertura short stanno contribuendo a spingere in leggero rialzo il prezzo del WTI – in assenza però di variazioni significative sul fronte delle notizie economiche. Si rimane in attesa che la pioggia finisca e che l’inondazione si ritiri per poi valutare i danni eventuali alle infrastrutture. In mancanza di danni, le raffinerie potranno riaprire ma potrebbe essere necessario altro tempo prima che i lavoratori abbiano la possibilità di ritornare al lavoro.
Secondo Reuters, Motiva deciderà martedì mattina se chiudere o meno la raffineria di Port Arthur; con una capacità di produzione di 603.000 barili al giorno, è la più grande del paese.
Goldman Sachs sostiene in una nota ai clienti che “i dati per ora disponibili lasciano presagire importanti interruzioni alla produzione delle raffinerie “.
In questa fase, prima che le raffinerie ritornino a lavorare a pieno regime l’offerta di petrolio greggio negli USA dovrebbe aumentare di circa 1,4 milioni di barili al giorno. Alla luce di quanto appena detto, eventuali guadagni probabilmente saranno limitati e le perdite potrebbero essere estese, in base a quanto tempo sarà necessario per il recupero delle raffinerie.
Dal punto di vista del trading, non appena si diffonderanno notizie sui tempi della ripresa delle attività di raffinazione osserveremo un rimbalzo del petrolio greggio. Per ora, gli investitori hanno scontato un periodo di sospensione nell’attività di raffinazione di pochi giorni. I prezzi scenderanno ulteriormente se, anziché giorni, saranno necessarie settimane.
Brent novembre grafico giornaliero
This article was originally posted on FX Empire

Nessun commento:

Posta un commento

CALENDARIO RISULTATI UTILI SOCIETA' QUOTATE

............
Calendario Utili fornito da Investing.com Italia - Il Portale di Trading sul Forex e sui titoli di borsa.