-

RIMANI SEMPRE IN CONTATTO CON LATOOSCURO-TRADING.COM TWITT

lunedì 28 agosto 2017

Petrolio Analisi Fondamentale Giornaliera, Previsioni – Si prevede un calo della domanda con la chiusura delle raffinerie

Lunedì a inizio giornata i future sul petrolio greggio hanno aperto in rialzo per poi invertire direzione. L’azione di prezzo in questa fase è contrastante poiché l’industria del petrolio non sa ancora con certezza in quale misura l’uragano Harvey, abbattutosi nel fine settimana sulla costa del Texas, abbia influenzato la produzione di greggio.
Alle ore le 2.46 GMT, i future sul petrolio greggio West Texas Intermediate con scadenza a ottobre vengono negoziati a $ 47,71, in ribasso di $ 0,16 (-0,31%). A inizio sessione il contratto era salito a quota $ 48,20.
Per avere una misura dei danni provocati dalla tempesta potremmo dover aspettare che faccia giorno negli Stati Uniti, perciò il mercato probabilmente è in attesa e per questo l’azione di prezzo e perlopiù piatta. Ad ogni modo, se le raffinerie della regione dovessero essere costrette alla chiusura per delle settimane, l’impatto potrebbe avere ripercussioni a livello globale.
Secondo Reuters, domenica in tarda giornata il Centro nazionale uragani degli Stati Uniti ha dichiarato che Harvey si stava allontanando dalla costa del Texas ma chedovrebbe rimanere vicino al litorale per tutta la giornata di lunedì, provocando forti piogge e inondazioni.
Secondo il Bureau of Safety and Environmental Enforcement, domenica pomeriggio circa il 22% della produzione nell’area del Golfo (379.000 barili) sarebbe stata interrotta a causa della tempesta.
Brent novembre, grafico giornaliero

Previsioni

Come già detto, nelle principali aree produttive attorno a Houston, in Texas, e nella regione circostante pioggia e inondazioni dovrebbero continuare nel corso della settimana. Pertanto prima di poter conoscere per intero l’impatto della tempesta sulle infrastrutture del petrolio e del gas potrebbero essere necessari giorni.
Nel frattempo sappiamo che a causa della tempesta sono stati chiusi 10 impianti di raffinazione di petrolio a Houston e a Corpus Cristi secondo, per una capacità di raffinazione che normalmente è di circa 2 milioni di barili al giorno.
Attualmente l’area pesa per circa 1/3 della capacità nazionale nella trasformazione di petrolio in gas, diesel e altri prodotti.
I mercati hanno reagito al disastro spingendo in rialzo il prezzo della benzina e vendendo petrolio greggio. Si tratta di una prima reazione del tutto normale. Con la chiusura delle raffinerie, viene interrotta la produzione di benzina con ripercussioni sull’offerta del prodotto. Allo stesso tempo, però, essendo interrotta l’operatività delle raffinerie, scende anche la domanda di petrolio greggio.
L’impatto dell’uragano sul mercato del petrolio greggio potrebbe essere limitato a causa dell’eccesso di offerta di petrolio greggio a livello globale. Con l’uscita dalla produzione di un numero sempre maggiore di raffinerie il settore, che dispone di scorte in abbondanza, sarà meno sotto stress. Questo suggerisce che, se è giacimenti di petrolio non verranno chiusi per settimane o mesi, potremmo non osservare un impatto rialzista sul mercato del petrolio.
WTI ottobre, grafico giornaliero
This article was originally posted on FX Empire

Nessun commento:

Posta un commento

CALENDARIO RISULTATI UTILI SOCIETA' QUOTATE

............
Calendario Utili fornito da Investing.com Italia - Il Portale di Trading sul Forex e sui titoli di borsa.