-

Class CNBC
Share Video
Share Video
-04:40Live-04:40
Live

PER MANTENERTI SEMPRE IN CONTATTO CON LATOOSCURO-TRADING.COM TWITT

lunedì 7 agosto 2017

Petrolio analisi fondamentale settimanale, previsioni – L’esito della riunione dell’Opec determinerà il tono in settimana

James Hyerczyk
La scorsa settimana i fondamentali misti hanno portato alla chiusura contrastante dei mercati del petrolio greggio: il petrolio statunitensi West Texas Intermediate ha chiuso in ribasso mentre lo standard internazionale, il Brent, ha concluso la settimana in rialzo.
I future sul petrolio greggio WTI con scadenza a settembre hanno infatti chiuso a $ 49,58, in calo di $ 0,13 (-0,26%) mentre il future sul petrolio greggio Brent con scadenza a ottobre hanno concluso la settimana a $ 52,42, in rialzo di $ 0,20 (+0,38%)
La settimana è iniziata su una nota positiva con un’impennata in chiusura di sessione che ha portato il prezzo del petrolio sopra la soglia psicologica dei $ 50 il barile. Il movimento è stato favorito da un forte calo nelle riserve di petrolio greggio USA e dall’impegno preso dall’Arabia Saudita di tagliare le esportazioni di petrolio nel mese di agosto. Si tratta delle stesse ragioni che la settimana precedente avevano spinto il prezzo del petrolio in rialzo di quasi l’8,6%.
Il rally si è concluso martedì con un tonfo dopo che il petrolio greggio WTI aveva toccato quota $ 50,43 e il Brent raggiunto $ 52,93, ai massimi dal 25 maggio. L’ondata di vendite è imputabile alla diffusione di notizie su un aumento della produzione dell’OPEC il mese scorso nonostante l’accordo per i tagli alla produzione.
WTI grafico settimanale
Secondo quanto riportato da Bloomberg News, la produzione Opec nel mese di luglio è salita di 210.000 barili al giorno. L’agenzia del monitoraggio del mercato Petrol Logistics ha dichiarato che il mese scorso la produzione del gruppo è salita di 145.000 barili al giorno, un dato che secondo Reuters implica un balzo di 90.000 barili al giorno da parte dei membri dell’Opec.
Mercoledì e giovedì il mercato ha consolidato in seguito alla pubblicazione del rapporto settimanale sulle scorte dell’agenzia di informazione sull’energia USA che ha segnalato un aumento della domanda di combustibile Usa superiore alle aspettative; nella settimana conclusasi il 28 luglio, infatti, le riserve non sono scese come previsto.
Secondo la EIA, le riserve di petrolio greggio sono scese di 1,5 milioni di barili, circa la metà del volume previsto dagli analisti. Il rapporto inoltre ha segnalato una domanda settimanale di benzina al massimo record di 9 842 milioni di barili.
Per finire, il prezzo del petrolio ha effettuato un balzo venerdì in seguito alla pubblicazione del rapporto sull’occupazione negli USA, dati che hanno contribuito ad alimentare speranze in un aumento della domanda di energia. Comunque il rally è andareto incontro a delle difficoltà a causa dei timori legati alle esportazioni in aumento da parte dell’Opec e alla forte produzione da parte degli Stati Uniti.
Tra le altre notizie del giorno, Baker Hughes ha riportato il conteggio settimanale sulle piattaforme petrolifere negli Stati Uniti, che per la seconda settimana nelle ultime tre settimane ha registrato una contrazione. Il conteggio è infatti sceso di uno attestandosi a 765 piattaforme.
Brent grafico settimanale

Nessun commento:

Posta un commento

CALENDARIO RISULTATI UTILI SOCIETA' QUOTATE

............
Calendario Utili fornito da Investing.com Italia - Il Portale di Trading sul Forex e sui titoli di borsa.