-

RIMANI SEMPRE IN CONTATTO CON LATOOSCURO-TRADING.COM TWITT

venerdì 4 agosto 2017

Mediobanca: sorprendono utile e cedola. Un buy da valutare?


La seduta odierna prosegue senza infamia e senza lode per Mediobanca che si muove sostanzialmente in linea con l'indice Ftse Mib. Il titolo, dopo aver chiuso la giornata di ieri con un progresso di circa un punto e mezzo percentuale, quest'oggi ha avviato gli scambi in salita, arrivando a guadagnare poco più dell'1%, salvo poi ritracciare e scendere poco al di sotto della parità.
Negli ultimi minuti Mediobanca viene scambiato a 8,985 euro, con un calo dello 0,28% e oltre 2,1 milioni di azioni transitate sul mercato fino ad ora, rispetto alla media giornaliera degli ultimi tre mesi pari a circa 3,8 milioni di pezzi.

I risultati dell'esercizio 2016-2017

Mediobanca non registra particolari reazioni dopo la diffusione dei conti dell'esercizio 20126-2017, archiviato con un utile netto in crescita del 24% a 750,2 milioni di euro, battendo le stime degli analisti che si erano preparati ad un dato pari a 720 milioni di euro.
I ricavi sono saliti del 7,3% a 2,196 miliardi di euro pur in una congiuntura di mercato caratterizzata dalla marcata riduzione degli spread di credito e tassi a breve stabilmente negativi.
Il risultato operativo è cresciuto del 16% a 855 milioni di euro, mentre le rettifiche su crediti sono calate del 24,4% a 316,7 milioni di euro, grazie al generalizzato miglioramento del profilo di rischio del portafoglio.


Gli impieghi alla clientela sono cresciuti da 34,7 a 38,2 miliardi di euro per effetto del consolidamento dei mutui ipotecari ex Barclays e di Banca Esperia, mentre la raccolta è salita da 46,7 a 49,1 miliardi di euro.
Sul fronte della qualità degli attivi il costo del rischio è sceso da 124 a 87 punti base, mentre con riferimento agli indicatori patrimoniali, al 30 giugno scorso Mediobanca aveva raggiunto un Common Equity Tier 1 ratio pari al 13,3% dal 12,08% precedente.

Il Total Capital si è rafforzato dal 15,3% al 16,9% e il Leverage ratio è rimasto stabile al 9,5%, con il Rote passato dal 7% al 9%.

Dividendo aumentato del 37%

Da segnalare che alla prossima assemblea annuale sarà proposta la distribuzione di un dividendo pari a 0,37 euro per azione, in crescita del 37% rispetto a quello dell'esercizio precedente, con un payout che passa dal 38% al 43%.
A tal proposito l'AD di Mediobanca, Alberto Nagel, ha dichiarato questa mattina che se il trend degli ultimi 12 mesi sarà confermato, anche per il prossimo esercizio l'istituto di Piazzetta Cuccia potrebbe confermare il payout oltre il 40% che rappresenta la guidance del piano.

I commenti delle banche d'affari e le indicazioni sul titolo

Con riferimento al quarto trimestre dell'esercizio chiuso il 30 giugno scorso, gli analisti di Equita SIM parlano di risultati migliori delle attese con particolare riferimento al margine di interesse.

Al di sotto delle previsioni le commissioni, ma solo a causa della contabilizzazione di un pagamento triennale per 23 milioni di euro effettuato da Compass per il rinnovo pluriennale di contratti di distribuzione. 
Confermata la view neutrale su Mediobanca che per Equita SIM è da mantenere in portafoglio, con un prezzo obiettivo a 9,7 euro.
Cauti anche i colleghi di Banca Akros che sul titolo ribadisco il rating "neutral", con un target price a 9,2 euro.
Gli analisti definiscono sostanzialmente in linea con le attese i conti di Mediobanca, richiamando l'attenzione sulla sorpresa positiva relativa al payout del dividendo.
Non diversa la strategia di Kbw che sul titolo ribadisce la raccomandazione "market perform", con un fair value a 8,85 euro, pur riconoscendo che l'istituto di Piazzetta Cuccia ha diffuso risultati forti, con un utile netto e un common equity tier 1 superiori alle stime.
A puntare con convinzione sul titolo è Merrill Lynch che invita ad acquistare con un prezzo obiettivo a 10,5 euro sulla scia dei risultati positivi presentati questa mattina.
A consigliare lo shopping di Mediobanca è anche Banca IMI con un target price in revisione.

Gli analisti parlano di una trimestrale migliore delle previsioni a livello di utile netto, puntando l'attenzione sulla positiva evoluzione del net interest income e sul miglioramento del costo del rischio.
Fonte: News Trend Online

Nessun commento:

Posta un commento

CALENDARIO RISULTATI UTILI SOCIETA' QUOTATE

............
Calendario Utili fornito da Investing.com Italia - Il Portale di Trading sul Forex e sui titoli di borsa.