-

RIMANI SEMPRE IN CONTATTO CON LATOOSCURO-TRADING.COM TWITT

giovedì 24 agosto 2017

Ferrari cala dopo nuovi record. Analisti: il rialzo non è finito


Ancora una seduta con il segno meno per Ferrari che, dopo il rally del 3% messo a segno nella giornata di martedì, già ieri aveva mostrato qualche incertezza che si è palesata in maniera più decisa oggi. Il titolo, dopo aver chiuso la sessione di ieri con un calo dello 0,15%, quest'oggi ha avviato gli scambi in salita, arrivando a segnare nell'intraday un nuovo massimo storico a 98,75 euro.
Da questo livello si è avuto un progressivo ritracciamento che ha portato ad una rapida accelerazione ribassista nelle ultime due ore di contrattazioni.

Ferrari ha infatti azzerato il vantaggio iniziale, scivolando in territorio negativo e chiudendo gli scambi sui minimi intraday, occupando la terz'ultima posizione nel paniere delle blue chips, con un movimento in controtendenza rispetto all'indice di riferimento.
A fine giornata Ferrari viene fotografato a 96,65 euro, con un calo dell'1,28% e circa 730mila azioni scambiate, sostanzialmente in linea con la media giornaliera degli ultimi tre mesi.

Da segnalare che il titolo da inizio anno mostra uno spettacolare trend ascendente, basti pensare che ad oggi vanta un rialzo di oltre il 75%, con una evidente sovraperformance rispetto all'indice di riferimento.

Sentiment positivo dopo la buona trimestrale

Nelle ultime giornate Ferrari ha allungato ulteriormente il passo, arrivando ad aggiornare i suoi massimi storici, sulla scia dell'euforia che sta interessando i principali titoli della galassia Agnelli a partire da Fca.   
Già da inizio mese il titolo ha proseguito la sua corsa al rialzo dopo la diffusione dei conti del secondo trimestre che hanno evidenziato un utile netto in rialzo del 43% a 182 milioni di euro, a fronte di ricavi in aumento del 17% a 1,7 miliardi di euro.

Allo studio il lancio di una nuova famiglia: la view di Equita

Proprio in occasione della diffusione dei numeri trimestrali, il numero uno Marchionne aveva confermato le speculazioni delle settimane precedenti, ammettendo che è allo studio il lancio di una nuova famiglia, visto che i volumi dei modelli esistenti sono difficilmente aumentabili, volendo preservare l'esclusività del brand che rimane la priorità assoluta.
All'indomani dei risultati del secondo trimestre gli analisti di Equita SIM avevano deciso di confermare la raccomandazione "buy" su Ferrari, con un prezzo obiettivo alzato da 82 a 85 euro, senza includere scenari sulla nuova famiglia, in attesa di approfondire il potenziale della stessa.         

La strategia di Mediobanca sul titolo

A scaldare le quotazioni del titolo è intanto la crescente attesa per il nuovo piano industriale del Cavallino rampante che sarà svelato nel primo trimestre del prossimo anno.


Nel frattempo diverse banche d'affari mantengono una view bullish su Ferrari a partire da Mediobanca Securities che ha reiterato oggi il rating "outperform" con un target price a 109 euro. Una conferma che giunge dopo la nota diffusa ieri in serata dalla società da cui si è appreso che la nuova Gran Turismo V8 Ferrari Portofino farà il proprio debutto ufficiale al Salone dell'auto di Francoforte del prossimo settembre.

Berenberg punta su Ferrari: la Formula 1 è sottovalutata

A puntare su Ferrari è anche Berenberg che a metà del mee in corso ha lasciato invariata la raccomandazione "buy" sul titolo, con un fair value alzato da 90 a 110 euro.


Il broker ritiene che la Formula 1, solitamente considerata come un costo di marketing della Ferrari, sia in realtà una chance. Gli analisti ritengono che siano diverse e sottovalutate le opportunità per raggiungere il breakeven di questo business di Ferrari, con il mercato che di fatto non stima adeguatamente l'upside legato alla Formula 1.
Fonte: News Trend Online

Nessun commento:

Posta un commento

CALENDARIO RISULTATI UTILI SOCIETA' QUOTATE

............
Calendario Utili fornito da Investing.com Italia - Il Portale di Trading sul Forex e sui titoli di borsa.