-

RIMANI SEMPRE IN CONTATTO CON LATOOSCURO-TRADING.COM TWITT

giovedì 3 agosto 2017

Alert Borse: correzione alle porte. I consigli degli esperti


A dispetto di quanto solitamente accade durante i mesi estivi, quando la volatilità tende a salire, quest'anno i mercati azionari non stanno registrando particolari movimenti nè al rialzo nè al ribasso. Del resto l'indice Vix, che misura la volatilità implicita delle azioni, si mantiene su livelli decisamente bassi, basti pensare che nella seconda metà di luglio ha segnato nuovi minimi storici poco sotto quota 9 euro, mentre oggi viaggia a poca distanza dai 10,5 punti.

Volatilità quasi assente e indici azionari sui massimi

La quasi totale assenza di volatilità permette agli indici azionari di mantenersi a poca distanza dai massimi, in alcuni casi storici, come accade in America dove il Dow Jones sta aggiornando il suo top di sempre al di sopra dei 22.000 punti, dopo essere rimasto più indietro rispetto al Nasdaq Composite e all'S&P500 in precedenza.
In Europa invece i principali listini hanno frenato dai recenti massimi, basti pensare che il Dax30 ha stornato di circa il 6%-7% dai suoi top di sempre, complice il forte apprezzamento dell'euro nei confronti del dollaro, che ha pesato principalmente su quei mercati maggiormente esposti alle esportazioni come quello tedesco.

Correzione ormai imminente a Wall Street

I livelli raggiunti dalle principali Borse mondiali sembrano però preoccupare e non poco analisti e gestori che nelle ultime giornate hanno lanciato diversi allarmi, invitando ad uscire dai mercati.


Stanto a quanto emerso da un'indagine condotta dalla CNBC prima di fine luglio, diversi economisti, analisti e gestori prevedono un'imminente fase di correzione per l'azionario statunitense. 
L'idea è che il mercato sia troppo compiacente e che i prezzi dell'equity siano ora decisamente sopravvalutati e questo crea le condizioni per uno storno anche rilevante.

Il rialzo della Borsa Usa è ormai al capolinea: le strategie da seguire

Gli strategist di Russell Investment credo che la salita di Wall Street sia ormai prossima al capolinea, motivo per cui il consiglio è di uscire dall'azionario statunitense e di spostare gli investimenti altrove.

Dopo oltre otto anni in cui si è avuta una salita quasi ininterrotta, è meglio ora iniziare ad intascare i profitti e riequilibrare le posizioni.  
Da qui il suggerimento che giunge da diversi gestori interpellati dalla CNBC, di aumentare il cash in portafoglio, in vista di una correzione che appare sempre più probabile visti i livelli raggiunti dall'azionario.

Pictet invita a ridurre l'esposizione agli asset rischiosi

La minaccia di uno storno non è valida solo per Wall Street, visto che a rifiatare dovrebbe essere l'equity in generale dopo l'ultimo rialzo messo a segno nella prima metà di quest'anno.


Secondo gli esperti di Pictet Asset Management Strategy Unit è giunto il momento di ridurre l'esposizione agli asset rischiosi, visto che ci sono evidenti segnali di una probabile battuta d'arresto delle azioni nelle prossime settimane. Si fa riferimento alla frenata dell'economia globale e allo stop della crescita degli utili aziendali, senza dimenticare la possibilità, peraltro piuttosto reale, di politiche monetarie più restrittive da parte delle Banche Centrali.
A detta degli strategist di Pictet c'è un ottimismo eccessivo sui mercati, le valutazioni azionario sono decisamente elevate e la volatilità molto contenuta.

Per questo motivo gli esperti hanno cambiato strategia sulle Borse, passando dal sovrappeso ad una posizione neutrale sull'equity, a fronte di una sovraesposizione alla liquidità, da sfruttare eventualmente per nuovi ingressi sul mercato azionario su livelli più bassi di quelli correnti.  
Fonte: News Trend Online

Nessun commento:

Posta un commento

CALENDARIO RISULTATI UTILI SOCIETA' QUOTATE

............
Calendario Utili fornito da Investing.com Italia - Il Portale di Trading sul Forex e sui titoli di borsa.