-

Class CNBC
Share Video
Share Video
-04:40Live-04:40
Live

PER MANTENERTI SEMPRE IN CONTATTO CON LATOOSCURO-TRADING.COM TWITT

venerdì 11 agosto 2017

A Piazza Affari arriva un primo segnale di debolezza: e ora?

A Piazza Affari arriva un primo segnale di debolezza: e ora?
anche la seduta di ieri si è conclusa con il segno meno per le Borse europee che non sono riusciti a trovare gli spunti giusti per risalire la china, arretrando ulteriormente. A fine sessione il Ftse100 e il Dax30 sono scesi rispettivamente dell'1,44% e dell'1,15%, mentre il Cac40 si è difeso meglio con un ribasso più contenuto dello 0,59%.
Ftse Mib ancora in calo, ma nessun dramma per ora
Conclusione negativa anche a Piazza Affari dove il Ftse Mib è stato fotografato a fine sessione a 21.681 punti, in calo dello 0,76%, dopo aver segnato nell'intraday un massimo a 21.867 e un minimo a 21.647 punti. 
L'indice ha tentato inizialmente di difendere l'area dei 21.800 punti corrispondente ai precedenti massimi dell'anno segnati a maggio, salvo poi violare i minimi di ieri e scendere fino alla soglia dei 21.650 punti.
La struttura rialzista del mercato non è ancora in discussione, ma l'arretramento al di sotto di area 21.800 rappresenta un primo segnale di debolezza che, se confermato nelle prossime ore, potrebbe aprire le porte ad ulteriori ripiegamenti nel breve.
Il prossimo supporto da monitorare è quello dei 21.500 punti, la rottura del quale spingerà il Ftse Mib verso il sostegno dei 21.200/21.150 punti prima e in seguito in direzione della soglia psicologica di area 21.000.
La rottura di quest'ultima alimenterà ulteriori vendite con target a 20.800/20.700 prima e a 20.550/20.500 punti in un secondo momento.
Se il Ftse Mib riuscirà a mantenersi al di sopra dei 21.500 punti potrà tentare da subito un recupero che troverà un primo ostacolo in area 21.800, superata la quale si avrà un nuovo test dei 22.000/22.050 punti.
Solo con la rottura confermata di quest'ultima resistenza si potrà assistere ad una prosecuzione della tendenza rialzista in essere con obiettivo a 22.400/22.500 punti.
Consigliamo ora un po' di cautela a Piazza Affari in attesa di capire quale sarà l'evoluzione delle prossime, con lo sguardo sempre rivolto alle tensioni geopolitiche al momento rappresentano il principale market movers. 
I market movers in America e in Europa
In chiusura si settimana sul fronte macro Usa si conoscerà il dato relativo all'inflazione di luglio che dovrebbe mostrare una variazione positiva dello 0,1%, in linea con la lettura precedente, mentre la versione "core" è vista in salita dallo 0,1% allo 0,2%.
In calendario un discorso di Robert Kaplan, presidente della Fed di Dallas, oltre al quale parlerà Neel Kashkari, a capo della Fed di Minneapolis. 
Tra i vari titoli da seguire J.C. Penney che alzerà il velo sui conti degli ultimi tre mesi, dai quali ci si attende una perdita per azione di 0,05 dollari.
In Europa si guarderà nuovamente alla Germania dove è atteso il dato finale dell'inflazione di luglio vista in rialzo dello 0,4% rispetto allo 0,2% di giugno, e anche quella armonizzata dovrebbe salire dello 0,4%.
In Francia il dato finale dell'inflazione di luglio è atteso in contrazione dello 0,4% dopo la lettura invariata del mese precedente, mentre lo stesso dato in Italia è visto in rialzo dello 0,1%, senza alcuna variazione rispetto a giugno.
I titoli sotto la lente a Piazza Affari
A Piazza Affari saranno diffusi i risultati del primo semestre di Banca Monte Paschi.

Nessun commento:

Posta un commento

CALENDARIO RISULTATI UTILI SOCIETA' QUOTATE

............
Calendario Utili fornito da Investing.com Italia - Il Portale di Trading sul Forex e sui titoli di borsa.