-

RIMANI SEMPRE IN CONTATTO CON LATOOSCURO-TRADING.COM TWITT

mercoledì 9 agosto 2017

6 miliardari temono un crash di mercato da un momento all'altro


Mentre il mercato sperimenta oggi la nuova escalation delle tensioni tra Stati Uniti e Corea del Nord, con la corsa ai beni rifugio dopo che Trump ha minacciato di colpire il Paese asiatico con "fuoco e una furia che il mondo non ha mai visto prima", continuano a circolare in queste ore report che esprimono preoccupazione sulle attuali condizioni delle borse azionarie.
Ne ha diffuso in queste ore uno il sito finanziario MarketWatch, del gruppo Wall Street Journal, che ha messo insieme i profili di alcuni celebri investitori di Wall Street convinti che entro pochi mesi una brusca correzione potrebbe colpire i listini. Ecco chi sono.

Carl Icahn

Non prospetta ad esempio scenari confortanti Carl Icahn, che ha avvertito del pericolo legato alla eccessiva sopravvalutazione dei titoli azionari: dopo aver fatto abbondanti previsioni rialziste negli ultimi anni anche contro il mercato - MarketWatch ricorda la scommessa vincente su Herbalife - il noto investitore ritiene adesso che gli indici abbiano corso troppo e vede in questo momento scarse opportunità di trovare valore nel mercato.

Howard Marks

Che ci si trovi in un "territorio troppo rialzista" ('too-bullish territory') è convinto anche Howard Marks, il miliardario fondatore di Oaktree Capital, che in una nota ai clienti di fine luglio ha avvertito della possibilità di un brusco arretramento in un prossimo fututo.

Nel suo ragionamento l'investitore si lancia in una disamina di processi di formazione di bolle e cicli di mercato, ma sostiene in sintesi che gl investitori aggressivi “si stanno assumendo delle volontariamente dei rischi" e creano "condizioni di mercato pericolose": una situazione che si è già vista prima delle fasi di downturn del passato. 

Warren Buffett

E tra coloro che hanno lanciato un monito sullo stato di salute del mercato azionario c'è anche Warren Buffett: per le difficoltà nel trovare una buona occasione d'investimento, la sua Berkshire Hathaway ha adesso accumulato un'enorme montagna di liquidità, cresciuta dai 40 miliardi del 2013 ai quasi 100 miliardi alla fine di giugno di quest'anno.

Un fatto che è rivelatore: il guru di Omaha ama ripetere i vantaggi del comprare azioni a un prezzo equo. Ma la cosa in questo momento non è semplice.

George Soros

Se c'è però un miliardario con una vera e propria visione da "orso" del mercato azionario, quello è il miliardario-filantropo George Soros, che ha recentemente venduto azioni e e comprato oro perché convinto che ci si stia avvicinando a un crash di mercato.

Già all'indomani dell'elezione di Trump Soros aveva lanciato un duro avvertimento sulle difficoltà dei mercati globali, per la verità non avveratosi. Ma Soros è pur sempre Soros, e se adesso raddoppia la sua scommessa c'è almento da riflettere.

David Tepper

Dichiara dal canto di stare con le orecchie bene aperte e "in guardia" David Tepper, guru degli hedge fund cui è legato il destino di Appaloosa Management.

Pur non collocandosi tra i più pessimisti, avvertono da MarketWatch, il gestore ha marcatamente rivisto le sue considerazioni rialziste di qualche mese fa. E ultimamente, ha persino suggerito agli investitori più inquieti di destinare una parte del proprio portafoglio al cash se non vogliono affrontare le valutazioni problematiche di Wall Street.
Tepper ha lanciato un avvertimento in particolare rispetto agli interventi della Fed degl ultimi anni, che hanno provocato distorsioni nel mercato obbligazionario e influenzato i titoli azionari in un modo che potrebbe rivelarsi molto problematico.

Paul Singer

Infine, manifesta preoccupazione anche Paul Singer, che ha da poco lanciato i suoi strali contro gli investimenti passivi:  il gestore ha certo un interesse nel farlo, visto che la nuova tendenza verso gli ETF sta recando danni proprio alle gestioni attive dellla sua società Elliott Management.

In ogni caso, però, le parole che ha usato per indicare il pericolo di un sell-off legato all'uso eccessivo di fondi a basso costo meritano anch'esse qualche riflessione. In una situazione in cui viene a mancare il ruolo di stabilizzatore dei grandi fondi attivi, è l'idea, un repentino mutamento del sentiment del mercato comporterebbe esiti drammatici. 
Fonte: News Trend Online

Nessun commento:

Posta un commento

CALENDARIO RISULTATI UTILI SOCIETA' QUOTATE

............
Calendario Utili fornito da Investing.com Italia - Il Portale di Trading sul Forex e sui titoli di borsa.