-

RIMANI SEMPRE IN CONTATTO CON LATOOSCURO-TRADING.COM TWITT

giovedì 17 agosto 2017

5 azioni che hanno qualcosa che tutti vorrebbero avere


"Cash is king": il contante regna. Dlle pagine di InvestorPlace, Vince Martin rispolvera un vecchio adagio molto di moda all'indomani della crisi del 2009 per dire come buoni livelli di liquidità siano per un'azienda un segnale di buona salute, molto spesso sottovalutato dagli investitori quando analizzano azioni potenzialmente da comprare: società con grandi disponibilità di cassa e assenza o bassi livelli di indebitamento non soltanto corrono in molti casi meno rischi dei loro concorrenti indebitati, ma hanno anche più ampi margini di manovra per mettere a frutto quel denaro.

Con acquisizioni. Oppure restituendo valore agli azionisti mediante programmi di riacquisto di azioni proprie o in forma di dividendi. Ecco allora 5 dei titoli che Martin segnala come "campioni del cash". 

AVX Corporation (NYSE:AVX) 

Liquidità e investimenti: 1,1 miliardi di dollari
La lista si apre con il produttore di condensatori e altri componenti elettronici AVX Corporation (NYSE:AVX), che ha già recentemente impiegato parte della sua liquidità con l'acquisizione da 155 milioni di una divisione di Electronics plc annunciata a luglio.

Anche a deal concluso, segnala però Martin, AVX ha in cassa ancora oltre 1 miliardo da poter impiegare in qualche modo, e altre operazioni di M&A potrebbero esserci all'orizzonte. Tra l'altro, molta parte delle disponibilità del gruppo sono depositate fuori dagli Stati Uniti, il che ne farebbe uno dei beneficiari nel caso dell'atteso piano di rientro agevolato dei capitali all'estero.
Quanto agli usi possibili del denaro in cassa, Martin segnala la possibilità di un ritocco del dividendo, che rende attualmente il 2,6%; che AVX ne tenga un po' da parte per affrontare eventuali questioni legali; e che soprattutto abbia di mira qualche altro merger per rafforzare ancora la sua posizione in vista di una domanda dei suoi prodotti che crescerà sempre di più di pari passo con lo sviluppo dell'Internet of Things e dell'elettronica per l'automotive.

Facebook Inc (NASDAQ:FB) 

Cassa: 35,5 miliardi.
Una macchina che sforna flussi di cassa impressionanti è anche Facebook Inc (NASDAQ:FB), che ha terminato il suo secondo trimestre fiscale con 35 miliardi di cash e zero debiti: una delle ragioni principali per cui il titolo continua a risultare attraente agli occhi degli investitori nonostante scambi a poca distanza dai suoi massimi storici. Per cosa Zuckerberg e compagnia spenderanno tutto quel denaro, spiega Martin, non è ancora chiaro: Facebook ha annunciato a fine dell'anno scorso un programma di buyback da 6 miliardi di dollari, ma continua nel frattempo ad accrescere di trimestre in trimestre i livelli della sua liquidità, cresciuta di altri 8 miliardi solo nella prima metà del 2017. Questo significa che potrebbero arrivare nuovi rialzi del dividendo, ma non mancano le aspettative anche su possibili nuove acquisizioni, specialmente se il colosso dei social vuole migliorare la sua presenza nel mercato dei video. 

First Solar, Inc.

(NASDAQ:FSLR) 

Cassa: 2,2 miliardi
Un titolo con un profilo di rischio più elevato, ma anche con un promettente potenziale per generare ottimi ritorni è invece per Martin l'azienda di pannelli solari First Solar, che nonostante una certa pressione sperimentata da tempo dal settore per gli alti livelli di competizione e il calo dei prezzi fornisce più di una ragione per essere ottimisti nel breve termine. In ogni caso, un disponibilità di quasi 2 miliardi di dollari fornisce a First Solar un buon cuscinetto contro fasi poco favorevoli in un'industria costituzionalmente ciclica, dove molti dei suoi concorrenti sono andati in bancarotta.

E presto, segnala tra l'altro Martin, il gruppoo metterà altro denaro in cassa con la probabile cessione delle sue quote in 8Point3 Energy Partners LP.

Netgear, Inc. (NASDAQ:NTGR) 

Cassa: 305 milioni
Cambiando ancora area di mercato, può gestire discreti livelli di liquidità anche Netgear, che resta saldamente profittevole ma ha pagato ultimamente in borsa la convinzione che il suo attuale modello di business sia nel lungo periodo destinato a un intesorabile declino: le vendite di router a provider come Comcast Corporation subiscono già pressione, e nuova ne aggiunge la mossa di Alphabet-Google nel mercato dei network wi-fi di tipo "mesh".

Nel frattempo però il management di Netgear non è rimasto a guardare, e lo dimostrano la buona crescita dei suoi router di fascia alta Nighthawk, il buon andamento della sua propria rete mesh, che sta già sovraperformando Google, e le ottime attese per le sue camere smart della serie Arlo, che potrebbe consentire al gruppo di generare nel 2018 un eps superiore a 3 dollari per azione.
Tutto cash, suggerisce Martin, che potrebbe fare della società un interessante target per un takeover. 

Inter Parfums, Inc. (NASDAQ:IPAR) 

Disponibilità per 241 milioni ha infine il gruppo di profumi Inter Parfums, proprietario dei brand Bebe, Coach, Jimmy Choo e Mont Blanc. Il tentativo della società di recuperare un buon passo di crescita con lanci di nuovi prodotti o acquisizioni procede abbastanza lentamente, spiega Martin, tranne che per la recente acquisizione di Rochas da Procter & Gamble.

La buona notizia però, suggerisce, è che il suo portafoglio prodotti sta mettendo a segno in questo momento buone performance: la guidance del 2017 indica un eps tra 1,25 e 1,27 dollari, che implica una crescita del 18% anno su anno. Nel frattempo, il management ha cash in abbondanza per poter pensare ad inglobare nella sua struttura, con pochi costi, qualche altro brand. Una prospettiva che potrebbe riportare il titolo nei pressi dei massimi storici raggiunti il mese scorso.
Fonte: News Trend Online

Nessun commento:

Posta un commento

CALENDARIO RISULTATI UTILI SOCIETA' QUOTATE

............
Calendario Utili fornito da Investing.com Italia - Il Portale di Trading sul Forex e sui titoli di borsa.