-

RIMANI SEMPRE IN CONTATTO CON LATOOSCURO-TRADING.COM TWITT

lunedì 24 luglio 2017

Telecom I.: negativa l'uscita dell'AD, ma vari motivi per un buy


In una giornata caratterizzata da un andamento incerto a Piazza Affari, non passa certo inosservata la buona performance di Telecom Italia che conquista il primo posto tra le blue chips. Il titolo, dopo aver chiuso la sessione di venerdì scorso con un ribasso di quasi mezzo punto percentuale, quest'oggi ha imboccato da subito la via dei guadagni, accelerando progressivamente al rialzo.
Negli ultimi minuti Telecom Italia passa di mano a 0,834 euro, con un rialzo del 2,65% e oltre 63 milioni di azioni transitate sul mercato fino ad ora, rispetto alla media giornaliera degli ultimi tre mesi pari a quasi 85 milioni di pezzi.

Quadro più incerto con l'uscita di Cattaneo

Telecom Italia catalizza gli acquisti sulla scia della notizia diffusa venerdì scorso a mercati chiusi, da cui si è appreso che oggi si riunisce il comitato Nomine e Remunerazione per decidere relativamente all’uscita del CEO Cattaneo a partire dal prossimo 27 luglio, giorno in cui saranno diffusi i conti del secondo trimestre del gruppo.
Se non ci saranno sorprese all'ultimo minuto, il nuovo direttore generale di Telecom Italia dovrebbe essere Amos Genish, attuale CCO di Vivendi, affiancato al vertice da Arnaud de Puyfontaine come presidente e da Giuseppe Recchi quale Amministratore Delegato.
Secondo gli analisti di Equita SIM l'uscita di Cattaneo dall'ex monopolista italiano è una notizia negativa per diversi motivi.

In primis in quattro trimestri sotto la sua guida Telecom Italia ha invertito la rotta dell’EBITDA domestico, agendo sui costi e risvegliando l’attività commerciale.
In secondo luogo Vivendi pare confusa sulla guida del gruppo telefonico, visto che una volta licenziato Patuano dopo pochi mesi, adesso allontana Cattaneo dopo 16 mesi di lavoro eccellente.

La SIM milanese segnala inoltre che non essendo note le cause dell’avvicendamento, emerge un’ombra sulla convinzione di Vivendi e di Cattaneo circa l’esecuzione del business plan 2019. L’incentivo all’uscita, pari a 25-30 milioni di euro per 16 mesi secondo le indiscrezioni, non è così distante da quello per la realizzazione del piano industriale al 2019.

Equita ottimista sul titolo in attesa della trimestrale

Secondo gli analisti i motivi elencati spingerebbero a considerare oggi lievemente più incerti i flussi di Telecom Italia, riducendo quindi il target e l’upside sul titolo.

Gli esperti però aspettano i risultati del prossimo 27 luglio per avere un quadro più completo.
Equita SIM in ogni caso è convinta che il gruppo telefonico sia una azienda fortemente migliorata nella infrastruttura di rete, nella struttura di costi, nel trend di top line e con un’attesa di free cash flow dal prossimo anno superiore a 1,5 miliardi di euro.
Anche Il mercato di riferimento è in deciso miglioramento, come espresso nel corso del week end dai risultati del primo trimestre di Vodafone e dalle ipotesi di voucher governativi per famiglie e imprese che adotteranno banda larga.
Per quanto non si escluda una limatura di stime e di valutazione, Telecom Italia tratterebbe comunque con multipli 2018 ancora in un’area di decisa sottovalutazione.
Per questi motivi gli analisti di Equita SIM mantengono una view bullish sul titolo, con una raccomandazione "buy" e un prezzo obiettivo a 1,3 euro.

Mediobanca: Telecom Italia beneficerà dell'eredità di Cattaneo

Non diversa la posizione di Mediobanca Securities secondo cui l'uscita di Cattaneo è motivo di preoccupazione considerando l'efficace ristrutturazione da lui portata avanti.


Secondo gli analisti però il gruppo riuscirà a beneficiare della sua eredità, specie sul fronte del taglio dei costi. Mediobanca conferma così una view improntata all'ottimismo anche in vista della trimestrale che dovrebbe rivelarsi forte, lasciando così invariato il rating "outperform", con un target price a 1,34 euro.

Bernstein vede diversi motivi per puntare sul titolo

La stessa raccomandazione viene ribadita da Bernstein con un fair value a 1,1 euro dopo le ultime notizie relative all'AD Cattaneo.

Il broker ritiene che il titolo resti un'opportunità interessante visto che c'è molto altro oltre la leadership.
In primis Telecom Italia scambia a sconto del 25% rispetto al settore di riferimento, inoltre sono considerati eccessivi i timori legati all'arrivo di Iliad in Italia e ad Open Fiber.

Da non escludere inoltre che il successore di Cattaneo potrebbe avere rapporti migliori con il Governo, offrendo così spunti per un re-rating del titolo.

Bca Akros: notizie sull'AD già in gran parte scontate

A scommettere su Telecom Italia è anche Banca Akros che invita ad accumularlo in portafoglio, con un prezzo obiettivo a 1,15 euro.

Al pari di altri colleghi, gli analisti definiscono negativa nel breve termine la notizia dell'uscita di Cattaneo, ma ritengono che la stessa sia stata in buona parte già metabolizzata dal mercato in quanto attesa per molti versi. 
Al pari di Bernstein, anche Banca Akros ritiene possibile un rapporto migliore con il Governo, convinta al contempo che le azioni sul taglio dei costi e la crescita dei ricavi dovrebbero proseguire.
Fonte: News Trend Online

Nessun commento:

Posta un commento

CALENDARIO RISULTATI UTILI SOCIETA' QUOTATE

............
Calendario Utili fornito da Investing.com Italia - Il Portale di Trading sul Forex e sui titoli di borsa.