-

RIMANI SEMPRE IN CONTATTO CON LATOOSCURO-TRADING.COM TWITT

mercoledì 19 luglio 2017

S&P 500 e Nasdaq su nuovi massimi. Ibm appesantisce il Dow


Dopo la positiva seduta dei mercati asiatici e i rialzi segnati anche dai listini europei (tutti in progresso di circa lo 0,50% a eccezione di Francoforte che si muove sulla parità), in avvio Wall Street si allinea alla tendenza anche grazie a un cambio di passo in questa tornata di trimestrali. Morgan Stanley ha presentato risultati che hanno evidenziato, come fatto in precedenza da Jp Morgan, Citigroup, Bank of America e soprattutto Goldman Sachs, una debolezza nelle attività di trading.

Come gli altri big di Wall Street, anche Morgan Stanley ha battutto le attese del mercato, ma la sua flessione delle entrate dal trading (3,2 miliardi di dollari nel secondo trimestre, contro i 3,3 miliardi di un anno prima) è stata decisamente meno netta e il titolo guadagna oltre il 2% piazzandosi tra i migliori dell'S&P 500.
Risultati trimestrali che condizionano invece ancora in negativo il Dow Jones Industrial Average.
Se martedì era stata proprio Goldman Sachs (in calo del 2,60%) ad appesantire l'indice delle blue chip Usa, la palma di peggior performer passa a Ibm. Big Blue perde oltre il 4% su risultati contrastati: utili sopra il consensus, ma ricavi sotto e, oltre tutto, in declino per il ventunesimo trimestre consecutivo.

Sotto i riflettori c'è però anche l'M&A. In vetta all'S&P 500 con un balzo del 25% (per altro già registrato in after market martedì) c'è Vertex Pharmaceuticals. La biotech di Boston, miglior performer anche del Nasdaq, ha comunicato risultati positivi dagli studi clinici relativi ai suoi trattamenti per la fibrosi cistica.
Il che, come nota Geoffrey Porges, analista di Leerink citato da MarketWatch, aumenta le probabilità che Vertex diventi obiettivo di buyout. A ruota seguono Scripps Networks Interactive (in progresso di oltre il 15%) e Discovery Communications (5% il suo guadagno), dopo che Reuters ha riportato che i due big della pay-tv sarebbero tornati a trattare una fusione dopo il fallito tentativo di tre anni fa.
Un'ora dopo l'avvio degli scambi, il Dow Jones, appesantito appunto da Ibm, si muove appena sopra la parità.

Mentre S&P 500 e Nasdaq Composite guadagnano lo 0,20% e lo 0,40% rispettivamente, su nuovo massimi, dopo i record segnati martedì. Ad aiutare Wall Street, contribuisce anche l'assestamento del dollaro, scivolato ai minimi dal mese di agosto nella precedente seduta soprattutto in scia al flop della riforma sanitaria voluta da Donald Trump (definitivamente abortita, per lo meno nella sua forma attuale), e ai dubbi che ciò comporta per l'agenda economica del presidente Usa.
Sul fronte macroeconomico, secondo quanto comunicato dallo U.S. Department of Commerce, i nuovi cantieri residenziali sono cresciuti dell'8,3% mensile in giugno, a quota 1,215 milioni, contro gli 1,122 milioni di maggio e gli 1,155 milioni attesi dagli economisti.
(RR - www.ftaonline.com)
Autore: Financial Trend Analysis Fonte: News Trend Online

Nessun commento:

Posta un commento

CALENDARIO RISULTATI UTILI SOCIETA' QUOTATE

............
Calendario Utili fornito da Investing.com Italia - Il Portale di Trading sul Forex e sui titoli di borsa.