-

Class CNBC
Share Video
Share Video
-04:40Live-04:40
Live

PER MANTENERTI SEMPRE IN CONTATTO CON LATOOSCURO-TRADING.COM TWITT

lunedì 3 luglio 2017

Prezzi delle case ancora giù: -1% nel secondo trimestre 2017


I dati dell’ultimo rapporto sui prezzi delle case di seconda mano di idealista mostrano un calo delle quotazioni in tutto il Paese per il secondo trimestre di fila. I valori nazionali di “listino” a giugno sono calati dell'1% toccando 1.850 euro al metro quadro.
Valutando i dati in prospettiva annuale, i prezzi sono scesi del 6,5% negli ultimi 12 mesi facendo intravedere segnali di rallentamento della discesa.
Secondo Vincenzo De Tommaso, dell’ufficio studi di idealista:
La tendenza attuale rispecchia la capacità di spesa delle famiglie e l’andamento dei salari reali, ma anche un’offerta ampia e spesso poco qualificata, con la conseguenza che  i prezzi continuano a scendere nonostante la ripresa delle compravendite.

Regioni

Il trend negativo dei valori immobiliari investe tutte le regioni italiane a eccezione di Valle d’Aosta (1,4%), Calabria (1,3%), Marche (0,4%) e Sardegna (0,3%).

Stabili i prezzi in Basilicata (1.194 euro/m²), le regioni che scontano i maggiori ribassi sono Friuli Venezia Giulia (-4,6%), Molise (-3,7%) e Umbria (-2,9%).
La Liguria è sempre la regione top a una media di 2.622 euro al metro quadro, seguita dalla Valle d’Aosta (2.522 euro/m²) e Lazio (2.464 euro/m²).
La Calabria, con 930 euro al metro quadro, è la regione più economica davanti a Molise (1.035 euro/m²) e Sicilia (1.166 euro/m²).

Province

ll 70% dei mercati provinciali - 71 aree sulle 107 monitorate -, chiudono il secondo trimestre in saldo negativo. I macro ambiti che hanno fatto registrare le variazioni maggiori sono Novara (-6,7%), Caserta (-6,6%) e Belluno (-6,6%), all’opposto sono Latina (3,9%) Bergamo (3,2%) e Prato (3,1%) a segnare gli incrementi più sensibili.
Sul fronte dei prezzi di listino Savona (3.337 euro/m²) è sempre la provincia più cara, davanti a Bolzano (3.051 euro/m²), mentre Biella chiude la graduatoria con soli 672 euro/m².

Città

Mercati cittadini ancora dominati dalle svalutazioni dopo i mesi primaverili, anche se  calano da 79 a 70 i capoluoghi in segno negativo rispetto al primo trimestre dell’anno su 103 centri monitorati da idealista.
L’andamento dei prezzi nei centri minori è caratterizzato ancora da oscillazioni più ampie rispetto ai grandi mercati, come dimostrano i rimbalzi di Brescia (5,8%), Crotone (4,6%) e Viterbo (4,5%) da un lato e, all’opposto, i tonfi di Frosinone (-10,2%), Novara (-9,3%) e Agrigento (-9,1%).
L’andamento è ancora piuttosto contrastato nei grandi mercati, ma i rialzi iniziano a consolidarsi anche per la graduale tendenza a rivalutare l'immobile come investimento nelle città più grandi come Bologna (1,6%), Milano (1,4%), Torino (1,3%) e Napoli (0,6%).

Prezzi giù invece a Venezia (-1%), Firenze (1,1%), Bari (1,8%), Cagliari (-2,1%), Genova (-2,2%), e Roma (-2,6%).
Il ranking delle città più care vede Venezia (4.357 euro/m²) sempre al top su Firenze (3.403 euro/m²) e Bolzano (3.393 euro/m²). Nella parte bassa del ranking stazionano Agrigento (851 euro/m²), Caltanissetta (797 euro/m²) e Biella, la più economica, con 722 euro al metro quadro.
Autore: Pierpaolo Molinengo Fonte: News Trend Online

Nessun commento:

Posta un commento

CALENDARIO RISULTATI UTILI SOCIETA' QUOTATE

............
Calendario Utili fornito da Investing.com Italia - Il Portale di Trading sul Forex e sui titoli di borsa.