-

RIMANI SEMPRE IN CONTATTO CON LATOOSCURO-TRADING.COM TWITT

lunedì 31 luglio 2017

Italia: l'analisi tecnica sui listini nostrani

Conclusosi il mese di luglio – atteso di massimo vista la chiusura al 30 giugno della barra trimestrale e della barra semestrale – il derivato domestico non ha in ogni caso soddisfatto il target di questo rialzo partito con il minimo del 27 giugno 2016 di 14990 e reso manifesto grazie al setup del 07 dicembre con il superamento del top di settembre dell’anno scorso di 17405.
Abbiamo sempre sostenuto in questa sede – dopo il setup di venerdì 21/lunedì 24 aprile 2017 che ha cambiato la direzionalità del prezzo rispetto a quanto accaduto 6 anni fa – che la struttura poneva un target fino all’area 23500/23895 con punto centrale a 23790, e dato che ancora non è stato raggiunto, ecco che la prossima data per il raggiungimento di tale livello si pone per il 19 agosto del 2017.
Vediamo il perché.
Dopo il minimo storico del 24 luglio del 2012 di 12270 di future perpetual, il minimo successivo è quello del 05 aprile del 2013 fatto al prezzo di 14755.

Visto che generalmente un rialzo dura quanto è già avvenuto precedentemente, e dato che sappiamo che dal minimo storico del 23 ottobre del 1995 di 12905 abbiamo avuto 1597 giorni – numero di della sequenza di Fibonacci – di bull-market fino al top storico del 07 marzo 2000 al prezzo di 51335, ecco che aggiungendo 1597 giorni solari dal 05 aprile del 2013 arriviamo al 19 agosto del 2017.
Osserviamo il grafico:
E’ importante sottolineare alcune cose su questa trend-line fatta inizialmente solo per far vedere la durata dei 1597 giorni solari.
Questa retta arriva al 19 agosto del 2017 al prezzo di 22635 – poi spiegheremo come questo prezzo sia importantissimo – e per arrivare fino a lì passa per il minimo del 16 ottobre del 2014 di 17500 e per quello del 16 dicembre – sempre del 2014 – al prezzo di 17735 fungendo in entrambi i casi da supporto.

Tuttavia è interessante notare come con il minimo del 16 dicembre del 2014 al prezzo di 17735 siano passati 620 giorni solari ovvero il 38,20% esatto dell’intero tempo di 1597.
Osservare il grafico:
Questo giustifica come mai nonostante il prezzo avesse già intercettato la trend-line il 16 ottobre del 2014 al prezzo di 17500,  abbia dovuto 2 mesi dopo – quindi il 16 dicembre – ritornarci, ossia per essere preciso con l’inverso della proporzione divina del 61,80%.
Si osservi poi un’altra cosa.
Dal minimo di partenza del 05 aprile del 2013 e fino a quello del 16 ottobre del 2014 intercorrono 559 giorni solari.

Ebbene se noi poi contiamo 559 giorni solari dal minimo del 16 dicembre del 2014 – quello che collima alla perfezione con il 38,20% dell’intero tempo di 1597 giorni – arriviamo esattamente al minimo del 27 giugno del 2016 di 14990.
Osserviamo il grafico:
E’ stupefacente notare come la figura sia speculare ovvero che è come si specchiasse, basti pensare che anche il prezzo è perfetto.

Infatti dal livello di 14755 – minimo 5 aprile 2013 – al livello di 17500 – minimo del 16 ottobre del 2014 – abbiamo 2745 punti. Partendo ora dal minimo di 17735 del 16 dicembre del 2014 e sottraendo 2745 punti, arriviamo esattamente al minimo di 14990 del 27 giugno 2016.
Pertanto dal minimo del 27 giugno del 2016 e fino al massimo atteso del 19 agosto del 2017 passano 418 giorni solari – praticamente 60 settimane che sono 1/6 del cerchio di 360 – che sono gli stessi che dal minimo del 16 ottobre del 2014 – quando scadono i 559 giorni dal 05 aprile 2013 così come il 27 giugno del 2016 scadevano i 559 dal 16 dicembre del 2014 – intercettano il massimo del 03 dicembre del 2015 di 22850 ultimo massimo prima del crollo fino a febbraio del 2016.
Osserviamo il grafico:
Abbiamo citato il massimo del 1/3 dicembre del 2015 al prezzo di 22850 da dove poi è iniziato il ribasso fino al forte setup mensile del febbraio del 2016 e successivo minimo il 27 giugno al prezzo di 14990.

Ebbene tale ribasso dura esattamente 209 giorni solari praticamente la metà dei 418 attesi per risalire dal minimo del 27 giugno 2016 fino al 19 agosto 2017.
Si capisce subito come nella discesa il prezzo abbia assunto una velocità doppia rispetto al rialzo, o viceversa come nel rialzo il prezzo si stia muovendo ad una velocità dimezzata rispetto al ribasso.
Ed è proprio così anche per il semplice fatto che su scala settimanale il prezzo si è mosso con i veri angoli della Gann-Theory scendendo con il 2×1 e salendo con l’1×1.
Osserviamo il grafico:
Ecco perché all’inizio si parlava di livello importante quello di 22635, sia perché il derivato domestico ritornerebbe nel doppio del tempo della discesa sulla resistenza di 22850, sia perché la salita avrebbe rispettato alla perfezione l’angolo della vita ossia quel 1×1 tanto caro a William Delbert Gann, e sia perché il derivato domestico ritornerebbe sulla resistenza di 22575 top del 09 giugno 2014 che ricordo essere stato anno di triplo setup yearly in cui il prezzo è ancora sotto scacco.
Inoltre il tempo – t minuscola – che intercorre dal 09 giugno 2014 al 19 agosto del 2017 corrisponde a 1167 giorni solari che rapportati in settimane corrispondono ad un armonica del quadrato del Tempo – T maiuscola – del massimo storico di 51335.
Osserviamo il grafico:
Si aggiunge anche che un rialzo da 14990 fino a 22635 è pari a 7645 punti che non è altro che il 61,80% del bottom storico fatto martedì 24 luglio 2012 al prezzo di 12270.

7645:12270×100 = 62,30% quindi 61,80%.
E’ indubbio che in questa sede abbiamo sempre parlato di target fino a 23790 ovvero con ritorno sui massimi dell’aprile/maggio del 2015 cosa fattibile soprattutto se ci considera che da quei massimi e fino al minimo del 27 giugno 2016 di 14990 passano sempre 420 giorni solari circa – quindi sempre 60 settimane – che sono quelle che dal minimo poi del 27 giugno 2016 portano al 19 agosto del 2017.
Osserviamo il grafico:
Tale eventualità è subordinata al superamento di 22850 – o comunque dell’area 22575/22850 con punto centrale a 22635.

In ogni caso il livello di quest’area sarà fondamentale per la prima decade di ottobre di quest’anno dove avremmo una concomitanza di cicli come i 30 anni o 360 mesi dal crollo del lunedì nero del 19 ottobre 1987, i 19 anni dal bottom del 09 ottobre del 1998 fatto a seguito fallimento del fondo LTCM, i 15 anni – o 180 mesi – dal bottom del 10 ottobre del 2002, i 10 anni dal top dell’11 ottobre del 2007 sul Dow Jones Industrial Average e i 9 anni dal crollo a seguito del fallimento Lehman Brothers del 2008, ciclo che ci riserverà delle sorprese ma che ne parleremo più avanti.
Non dimentichiamo che siamo nel millennio con il numero 17 – ostile a Pitagora – il quale asseriva che al suo livello più profondo la realtà è la matematica della natura.
Autore: Claudio Zanetti Fonte: News Trend Online

Nessun commento:

Posta un commento

CALENDARIO RISULTATI UTILI SOCIETA' QUOTATE

............
Calendario Utili fornito da Investing.com Italia - Il Portale di Trading sul Forex e sui titoli di borsa.