-

RIMANI SEMPRE IN CONTATTO CON LATOOSCURO-TRADING.COM TWITT

mercoledì 19 luglio 2017

Borse molto caute alla vigilia della BCE. STM spicca a Milano


La seduta odierna è stata sostanzialmente speculare a quella della vigilia per la piazza azionaria nipponica. Dopo il frazionale calo di ieri, l'indice Nikkei 225 è salito dello 0,1% oggi, beneficiando della frenata dell'euro nei confronti del dollaro e della sostanziale stabilità del cambio dollaro-yen che si mantiene appena sopra quota 112.

La cautela comunque ha avuto la meglio tra gli operatori in attesa del meeting della BCE in agenda domani.
Poco convinte le Borse europee che dopo un avvio in salita hanno subito frenato il passo, tanto che il Dax30 si è riportato a ridosso della parità dopo un breve passaggio in negativo, mentre il Ftse100 mostra un frazionale rialzo dello 0,13%, preceduto dal Cac40 che sale dello 0,22%.
Per oggi non sono previsti dati macro in Europa, dove l'attenzione è rivolta all'appuntamento di domani quando la BCE annuncerà la sua decisione sui tassi di interesse.

Il ritracciamento dell'euro nei confronti del dollaro ha regalato solo un fugace entusiasmo agli investitori che dopo qualche acquisto iniziale sull'azionario sono tornati subito in una posizione difensiva.
A passo di gambero anche Piazza Affari dove il Ftse Mib, dopo aver tentato un recupero verso i 21.450 punti è tornato indietro e si presenta poco sotto i 21.400 punti, con un lieve rialzo dello 0,11%.
Tra le blue chips in evidenza troviamo STM che sale di oltre il 2% conquistando la prima posizione nel paniere del Ftse Mib.


In positivo Terna e Snam che avanzano dello 0,91% e dello 0,67%, seguiti da Enel che sale dello 0,28%, mentre A2A arretra dello 0,84%, complice la bocciatura di Banca IMI che ha ridotto il rating sul titolo da "add" a "hold", con un prezzo obiettivo a 1,55 euro.
Tra i bancari spicca Banco BPM con un progresso dello 0,58% sulla scia di rumors secondo cui la società starebbe approntando la cessione di 2 miliardi di euro di sofferenze.

Il segno più precede anche Ubi Banca e Bper Banca che crescono dello 0,46% e dello 0,17%, mentre Unicredit e Intesa Sanpaolo cedono lo 0,11% e lo 0,35%, lasciando più indietro Mediobanca con un rosso dello 0,73%.
Ancora vendite su Saipem che perde l'1,86% e viaggiano in rosso anche Tenaris ed ENI che flettono dello 0,57% e dello 0,3% in attesa del report sulle scorte strategiche Usa in arrivo nel pomeriggio. 
Sul fronte macro Usa si segnala l'indice settimanale relativo alle richieste di mutui ipotecari.

In agenda anche i nuovi cantieri edili che a giugno dovrebbero salire da 1,092 a 1,18 milioni di unità, mentre le licenze di costruzione, sempre con riferimento a giugno, sono attese in rialzo da 1,168 a 1,21 milioni di unità.
Da seguire prima dell'avvio degli scambi a Wall Street i risultati del secondo trimestre di Morgan Stanley e di US Bancorp con un eps atteso di 0,76% e di 0,84 dollari, mentre a mercati chiusi si guarderà ai conti di Alcoa, ma saranno resi noti anche i numeri di American Express e di Qualcomm che per non deludere le attese dovranno centrare l'obiettivo di un utile per azione pari rispettivamente a 1,44 e a 0,81 dollari.
Fonte: News Trend Online

Nessun commento:

Posta un commento

CALENDARIO RISULTATI UTILI SOCIETA' QUOTATE

............
Calendario Utili fornito da Investing.com Italia - Il Portale di Trading sul Forex e sui titoli di borsa.