-

RIMANI SEMPRE IN CONTATTO CON LATOOSCURO-TRADING.COM TWITT

giovedì 8 giugno 2017

Piazza Affari cauta in attesa del Super Giovedì. Quali scenari?

Davide Pantaleo
 
Nuovo segno meno per le Borse europee che hanno perso terreno per la terza seduta consecutiva, dopo aver fallito il tentativo di recupero compiuto nel corso della mattinata. A fine sessione il Ftse100 è rimasto più indietro di altri con un calo dello 0,62%, mentre il Dax30 e il Cac40 sono scesi rispettivamente dello 0,14% e dello 0,07%.
Ftse Mib al test di BCE (Toronto: BCE-PRA.TO - notizie) , elezioni UK e audizione Comey
Debole anche la chiusura di Piazza Affari dove il Ftse Mib, dopo una partenza in frazionale ribasso, ha imboccato la via dei guadagni, mantenendosi in positivo fino al pomeriggio, salvo poi sgonfiarsi nell'ultima ora di contrattazioni. L'indice si è fermato a 20.739 punti, in rosso dello 0,1%, dopo aver segnato nell'intraday un massimo a 20.966 e un minimo a 20.650 punti.
Quest'oggi il Ftse Mib ha aperto e chiuso le contrattazioni sostanzialmente sullo stesso livello, evidenziando quindi un'indecisione dettata dall'attesa per quello che è stato definito il Super Giovedì.
Domani si terranno le elezioni in Gran Bretagna, ma per avere le prime indicazioni sui risultati del voto bisognerà attendere le prime ore della notte, quindi l'esito della tornata elettorale sarà scontato dai mercati venerdì mattina.
Sempre domani è attesa la riunione della BCE e grande attenzione sarà riservata alle dichiarazioni del presidente Draghi, mentre in America il focus sarà sull'audizione al Senato dell'ex capo dell'FMI.
E' molto probabile che la giornata sia caratterizzata da un aumento di volatilità dettato proprio dalle indicazioni che giungeranno da questi tre eventi in agenda.
Dal punto di vista tecnico il Ftse Mib potrà tentare nuovi recuperi fino a quando si manterrà al di sopra dei 20.500 punti e il primo obiettivo nel breve è in area 21.000. Al superamento di questa soglia ci sarà un altro piccolo ostacolo a 21.200 punti, oltre cui si sposterà lo sguardo sull'area dei 21.500 prima di tornare a guardare ai massimi dell'anno a ridosso dei 21.800 punti.
Al ribasso, come segnalato poc'anzi, il primo livello chiave è quello dei 20.550/20.500, sotto cui sarà probabile assistere ad una discesa in direzione dei 20.000/19.930 punti, dove verrà chiuso un gap-up lasciato aperto lo scorso 24 aprile.
Vista l'importanza della prossima seduta consigliamo a chi è fuori dal mercato di rimanere in osservazione e valutare con calma le strategie da adottare, mentre chi è già posizionato farà bene a difendersi con adeguati stop loss in vista di un probabile aumento di volatilità.
I market movers in America e in Europa
Sul fronte macro Usa domani si guarderà alle nuove richieste di sussidi di disoccupazione che dovrebbero calare da 248mila a 240mila unità.  
Sul versante societario da segnalare i risultati del primo trimestre dell'esercizio 2017-2018 di Dell Technologies (Francoforte: 12D.F - notizie) che per non deludere le attese dovrà centrare l'obiettivo di un utile per azione pari a 0,93 dollari.
In Europa sarà diffuso il dato finale del PIL del primo trimestre che dovrebbe mostrare una variazione positiva dello 0,5%, in linea con l'indicazione preliminare.
In Germania si guarderà alla produzione industriale di aprile che dovrebbe evidenziare un rialzo dello 0,5% rispetto al calo dello 0,4% di marzo. 
Come detto prima l'evento clou sarà l'appuntamento con la BCE che non dovrebbe annunciare alcuna modifica ai tassi e al piano di quantitative easing, ma il presidente Draghi potrebbe fornire indicazioni sulle mosse future in materia di politica monetaria.
Sotto la lente i titoli oil
A Piazza Affari consigliamo di monitorare i titoli del settore oil visto il ribasso del petrolio che sta mettendo sotto pressione anche l'area dei 46 dollari al barile.

Nessun commento:

Posta un commento

CALENDARIO RISULTATI UTILI SOCIETA' QUOTATE

............
Calendario Utili fornito da Investing.com Italia - Il Portale di Trading sul Forex e sui titoli di borsa.