-

Class CNBC
Share Video
Share Video
-04:40Live-04:40
Live

PER MANTENERTI SEMPRE IN CONTATTO CON LATOOSCURO-TRADING.COM TWITT

giovedì 8 giugno 2017

La Bce conferma un (piccolo) segnale del cambio di rotta

Mario Draghi non smette di stupire: mentre tutti si aspettavano le prime avvisaglie di un vistoso cambio di rotta della politica di accomodamento monetario, politica che avrebbe dovuto diventare meno accomodante, il numero uno da Tallin, dove ha tenuto la consueta conferenza stampa, non ha esitato a confermare che, qualora le condizioni dell'economia europea fossero, il Quantitative Easing, dato ormai in via di esaurimento, verrebbe addirittura incrementato.

Poche le novità

Per quanto riguarda le decisioni di politica monetaria, rimane stabile, invece, il livello di tutti gli altri tassi di interesse che rimarranno a questi livelli anche per l'immediato futuro (ma a quanto pare non più bassi, il che è l'unico punto a favore di chi guarda all'inasprimento delle condizioni di credito) così come confermati sono anche i 60 miliardi di acquisti di asset mensili fino alla fine del 2017 o oltre se necessario.

Al centro delle preoccupazioni di Mario Draghi, ancora il livello di inflazione, quel costo della vita che con ogni probabilità potrebbe continuare ad aver bisogno di una mano per risollevarsi. Le ultime stime, infatti vedono un'inflazione per il 2017 all'1,5% (in calo rispetto al precedente dato dell'1,7%) dell'1,3% per il 2018 (prima era a 1,6%) e dell'1,6% (invece dell'1,7%) per il 2019.
Non molto diverso il quadro delle previsioni del Pil per l'Eurozona: la Bce ha infatti rivisto al rialzo le stime di crescita per i prossimi anni, ma solamente dello 0,1%. Numeri alla mano si parla di un 1,9% per questo 2017, dell'1,8% nel 2018 e dell'1,7% nel 2019. Una decisione, quella di un eventuale incremento del QE, che contrasta pienamente con la volontà di Jens Weidmann, numero uno della Bundesbank, che da tempo invoca invece di intraprendere la strada esattamente opposta e cioè quella di una normalizzazione che possa frenare i danni che i risparmiatori, in particolare quelli tedeschi, sono costretti a subire.
Fonte: News Trend Online

Nessun commento:

Posta un commento

CALENDARIO RISULTATI UTILI SOCIETA' QUOTATE

............
Calendario Utili fornito da Investing.com Italia - Il Portale di Trading sul Forex e sui titoli di borsa.