-

Class CNBC
Share Video
Share Video
-04:40Live-04:40
Live

PER MANTENERTI SEMPRE IN CONTATTO CON LATOOSCURO-TRADING.COM TWITT

martedì 6 giugno 2017

Col dollaro che arranca, lo scettro passa all'Oro

L’oro si è mantenuto costante dopo aver toccato il picco più alto delle ultime 6 settimane, incoraggiato dai deludenti dati sul lavoro degli Stati Uniti che sembravano abbassare le prospettive di una serie aggressiva di aumenti dei tassi di interesse americani. La crescita degli impieghi statunitensi è stata rallentata nel mese di maggio e gli incrementi occupazionali nei due mesi precedenti non erano altrettanto forti come quelli precedentemente riportati, suggerendo che il mercato del lavoro sta perdendo slancio, nonostante il tasso di disoccupazione sia sceso a un tasso più basso degli ultimi 16 anni, 4,3%.
Con la settimana di trading abbreviata nei mercati statunitensi, non abbiamo realmente notizie importanti sui prezzi dell’oro, ad eccezione dei numeri sulla disoccupazione.

Tuttavia l’Oro non è rimasto piatto, ma ha continuato ad avanzare regolarmente, con un guadagno dello 0,78% venerdì per chiudere la settimana al rialzo.
I futures dell’oro americano in agosto sono aumentati dello 0,2 per cento a 1.283,3 / oncia. Il palladio ha raggiunto gli 843,10 dollari l’oncia, il prezzo più forte del metallo dal settembre 2014.
Probabilmente la spinta principale dell’Oro è stato il dollaro, che si muove inversamente metallo a causa dello stato del dollaro come valuta corrente di riserva e concorrente come bene di rifugio all’oro. Competono anche attraverso il costo delle opportunità, con l’offerta di dollari e oro che offrono una protezione contro l’inflazione, che però indebolisce il dollaro.
Ci aspettiamo che l’oro possa trovare un periodo di turbolenza mentre ci avviciniamo all’ipotetico rialzo dei tassi di giugno, ma le cose potrebbero aprire nuovi spiragli di salita per il prezioso metallo nel post-meeting, se le parole usate dalla FED sono di un calo strutturale dell’economia
ha dichiarato l’analista di INTL FCStone Edward Meir
Nel frattempo, dopo un attacco militante su un quartiere notturno di Londra questo fine settimana, il primo ministro britannico Theresa May riprenderà la campagna lunedì per le elezioni nazionali previste in tre giorni.

Il voto dovrebbe essere molto più stretto di quanto previsto in precedenza.
Dall’inizio dell’anno, l’indice del dollaro è sceso del 6%. L’incertezza circa la direzione degli Stati Uniti sotto l’amministrazione Trump continuano a sopprimerlo. I fondamentali degli Stati Uniti non sembrano molto solidi, ci sono coinvolgimenti con la Russia, le tensioni geopolitiche sembrano pesare sul dollaro dopo ogni notizia postata sui giornali, e proprio questa settimana abbiamo avuto notizia che Trump si è ritirato dall’accordo sul clima di Parigi.

Tutti questi fattori hanno contribuito al declino del dollaro.

Trump e il fattore tassi di interesse

Il principale fattore, tuttavia, è stata la debole politica del dollaro di Trump. Dalla discussione con i giornalisti su cosa pensa sul fatto che il dollaro sia troppo forte, ha accusato la Germania di manipolare l’euro, la Cina lo yuan, e i i giapponesi di svalutare lo yen contro il dollaro.
Non possiamo dire che Trump non sia stato attivo nel discutere il dollaro. Ma bastano questi punti per rendere il dollaro debole? Pensiamo di No. Ci sono altri fattori importanti.
I futures dei Fed Funds hanno abbassato le loro aspettative per tre escursioni di tassi quest’anno, nonostante la le parole del presidente della FED, Janet Yellen, che pensa che i numeri negativi del Q1 siano “transitori”.

Secondo lo strumento FedWatch Tool del Gruppo CME, il mercato pensa che nel corso di una riunione di giugno si prevede un aumento del tasso di interesse del 94,6%, nonostante tutti i dati economici bassi. Credo che avremo un’escursione nel mese di giugno e non ci sarà una sorpresa perché i funzionari federali stanno ancora parlando di tre aumenti di tassi di interesse quest’anno.

I macroeconomici del lavoro non sono così eccezionali

A maggio negli Stati Uniti sono stati creati meno posti di lavoro del previsto (138.000) e la crescita dei salari è rimasta contenuta (+0,2% mensile) ma il tasso di disoccupazione è sceso ai minimi del maggio 2001 ed è oggi pari al 4,3%.
Un dato che dipende dal fatto che molte persone lasciano il lavoro senza cercare nuova occupazioni più che da un aumento di quelle che trovano un lavoro nuovo.

Questi numeri non dovrebbero pesare sulla decisione della Federal Reserve di alzare i tassi nella riunione di giugno.
E’ iniziato tuttavia il dibattito su quando e se ci sarà la terza stretta del 2017 messa in conto dalla banca centrale Usa e attesa dal mercato a settembre. Quel mese sarà infatti politicamente molto intenso: il Congresso dovrà aumentare il tetto al debito e approvare i finanziamenti per l’anno fiscale che inizierà il primo ottobre.
Autore: Dominosolutions.it Fonte: News Trend Online

Nessun commento:

Posta un commento

CALENDARIO RISULTATI UTILI SOCIETA' QUOTATE

............
Calendario Utili fornito da Investing.com Italia - Il Portale di Trading sul Forex e sui titoli di borsa.