-

RIMANI SEMPRE IN CONTATTO CON LATOOSCURO-TRADING.COM TWITT

lunedì 22 maggio 2017

Piazza Affari in modalità correzione? Le blue chips da comprare

 
Di (KSE: 003160.KS - notizie) seguito riportiamo l’intervista sull’indice Ftse Mib e su alcune delle blue chips quotate a Piazza Affari, con domande rivolte a Roberto Scudeletti, trader indipendente e titolare del sito www.prtrading.it .

Nelle ultime sedute il Ftse Mib è salito sulle montagne russe, riuscendo comunque a chiudere gli scambi sugli stessi livelli dell’ottava precedente. Ritiene ci siano le condizioni per nuovi allunghi nel breve?
Dopo aver toccato un nuovo massimo a 21829 punti, l'indice Ftse Mib, sulla scia del Russiagate, ma a mio avviso in realtà per una fisiologica presa di profitto dopo gli ennesimi massimi storici a Francoforte e soprattutto a Wall Street, ha innestato la retromarcia. Si è avuta così una perfetta correzione sul secondo supporto giornaliero della media a 24 periodi a 20830 circa, sulla cui tenuta ha rimbalzato verso 21572 punti.
Sul mancato superamento di questa quota, complice anche lo stacco dividendi di lunedì, potremo assistere ad un ritorno negativo verso la media di cui sopra, che ora si trova a 20960 punti, con eventuale accelerazione ribassista a 20764 (chiusura del gap up) e 20495 punti sulla media giornaliera a 50 periodi, che dovrebbe favorire una successiva ripresa.
Viceversa solo sopra 21575 ci sarà un primo tentativo di superamento del massimo relativo dell’anno a 21830 punti, con estensione a 22mila e 22500-22800 circa.
Venerdì scorso Unicredit si è spinto ancora in avanti, mentre si è mosso con più cautela Intesa Sanpaolo. Quali indicazioni ci può fornire per questi due titoli?
Unicredit dopo l’ennesimo crollo tipico del settore bancario su nuovi minimi ha costruito una base per un buon rimbalzo, seguito da una recente correzione e dall’attuale fase di crescita.
Infatti il titolo tra il 2015 e metà 2016 ha costituito una pavimento poco sopra 8.50 e 9.20 euro, da cui ha tentato una inversione percentualmente interessante, sino a 15.40 circa, con una correzione verso 12 euro e la presente nuova fase rialzista a 17.20-16.30 circa.
Entrare con una piccola quota sopra 17.25 euro, da accumulare a 16.60 e 16.20 euro, stop a 15.50 euro e profitto a 19-20 euro.
Intesa Sanpaolo dopo una importante fase positiva sino all'estate 2015 ha effettuato una profonda discesa, con recente nuova inversione rialzista testimoniata dall’attuale progressione di minimi e massimi crescenti.
Sulla tenuta di 1.52 euro a giugno 2016 ha formato una base poco sopra 1.55 euro, con rimbalzo a 2.20-2.28 e accelerazione a 2.588 euro, con recente correzione poco sopra 2.06 euro e attuale ripresa verso 2.89-2.78 circa.
Entrare con una piccola quota sopra 2.83 e 2.90 euro, da accumulare a 2.73 con stop sotto 2.60 e profitto a 3.15-3.35 euro.
Prima del week-end Fca e CNH Industrial hanno dato vita ad un bel rally, mettendo a segno le migliori performance nel Ftse Mib. Valuterebbe un acquisto di questi due titoli sui livelli attuali?
FCA dopo un folgorante rialzo ad inizio 2015 aveva innestato la retromarcia, con una profonda discesa culminata in una base e una successiva fase scoppiettante di ripresa, addirittura in maniera verticale, con recente fase di incertezza correttiva.
Dopo la falsa rottura dei 10 euro il titolo ha dimezzato il proprio valore, con un doppio minimo in zona 5-04-4.89 euro, forte accelerazione con seconda falsa rottura, questa volta degli 11 euro e attuale movimento laterale tra 9-9.75 in attesa di definizione. Entrare con una piccola quota prudente sopra 10 euro, da accumulare a 9.50 e 9 euro, con stop sotto 8.20 euro e profitto a 11-11.60 euro.
CNH Industrial dopo l’esordio nel 2013 aveva registrato un chiaro trend ribassista, intervallato da una forte rimbalzo, con recente nuovo minimo storico e attuale volo su massimi assoluti. Infatti dopo la forte risalita dal minimo precedente di 5.83 a poco sotto i 9 euro ha toccato un doppio minimo storico a 5.17-5.18 euro, con attuale volata e massimo storico a 10.46 non confermato dalla discesa a 9.205 e 10 euro.
Attendere eventuale correzione, altrimenti entrare con una piccolissima quota sopra 10.10 e 10.50 da accumulare a 9.80 e 9.40 euro con stop sotto 9 euro e profitto a 11.20-11.80 euro, su livelli inesplorati.
ENI si è riportato poco al di sopra di area 15 euro, mentre Saipem non è riuscito a riconquistare la soglia di 0,4 euro. Quali strategie ci può suggerire per questi due titoli?
Eni dopo la falsa rottura rialzista di un lungo e ampio movimento laterale ha segnato un nuovo minimo relativo, per poi riprendersi e accelerare con la recente fase di forte ripresa, seguita dall’attuale fase laterale correttiva.
Il titolo aveva infatti finto la rottura rialzista di 20 euro, dopo aver girovagato per mesi tra 12.80 e 18.60 circa, precipitando progressivamente intorno agli 11 a febbraio 2016 per poi effettuare una veloce salita poco sotto i 16 euro, con attuale ampio movimento tra 14.10 e 15.30 circa. Entrare sopra 15.15 euro con una piccola quota, accumulo a 14.80 euro, stop sotto 14.50 e profitto tra 16.60 e 17.40 euro.
Saipem è passata da un solido movimento crescente super redditizio ad un crollo, anche con gap down percentualmente massacranti, con recente lungo movimento laterale, con finta rottura al rialzo e attuale ritorno nel suo triste alveo, seppur con minimi crescenti.
Sulla base costruita dal titolo in area 2.828-3 euro abbiamo infatti assistito ad una lunga fare di incertezza tra 3.50 e 4.40-4.75 circa, rotta da poco con la salita verso 0.58 e l’attuale ritorno in un movimento laterale tra 3.85 e 4.08 circa. Entrare con una piccola quota sopra 4.10 euro, da accumulare a 3.90 con stop sotto 3.65 euro e profit tra 4.50 e 4.70 euro.
In caso di ulteriori rialzi del mercato, quali sono i titoli che potrebbero fare meglio nel breve? A quali consiglia di guardare ora?
Monitoriamo con attenzione: AZIMUT, GENERALI, UBI BANCA.

Nessun commento:

Posta un commento

CALENDARIO RISULTATI UTILI SOCIETA' QUOTATE

............
Calendario Utili fornito da Investing.com Italia - Il Portale di Trading sul Forex e sui titoli di borsa.