-

RIMANI SEMPRE IN CONTATTO CON LATOOSCURO-TRADING.COM TWITT

mercoledì 31 maggio 2017

Il toro è ancora in buona salute: quando inizierà a vacillare?


Davide Pantaleo
 
Di (KSE: 003160.KS - notizie) seguito riportiamo un'intervista realizzata a Enrico Malverti, Quant analyst di Cybertrader, con domande sull'indice Ftse Mib e su alcune blue chips.
Nell’ultima intervista aveva parlato di rischi a Piazza Affari e di fatto si sono materializzati con la discesa delle ultime giornate. Ritiene che il mercato abbia già raggiunto un livello da cui ripartire?
La discesa è stata abbastanza forte ed incisiva e come avevo sottolineato in precedenza mi aspetto una fase estiva più selettiva e difficile per i mercati europei, ma soprattutto per l’Italia. 
Tuttavia  mi aspetto un rimbalzo di breve sulla tenuta del supporto a 20400 punti. Finché rimarremo sopra a questo livello sono da escludere affondi con inversione del trend da rialzista a ribassista. Il cedimento dei 20.000 punti invece farebbe vacillare i tori.
Tra i bancari come valuta l’attuale impostazione di Unicredit (EUREX: DE000A163206.EX - notizie) e Intesa Sanpaolo (Amsterdam: IO6.AS - notizie) alla luce degli ultimi movimenti? Si può tornare ad acquistare questi due titoli?
Per Unicredit ed Intesa San Paolo si può pensare di replicare quanto affermato per l’indice. Sono entrambi arrivati vicino a supporti definiti di tipo statico, per cui mi aspetto che entrambi nel breve periodo possano rimbalzare e recuperare qualche punto percentuale dai livelli di questa mattina. 
Nel (Londra: 0E4Q.L - notizie) medio periodo sarei invece prudente sui bancari perché risentiranno maggiormente dell’incertezza politica che ricomincia a farsi sentire.
Nella seduta di ieri STM (Shenzhen: 000892.SZ - notizie) ha messo a segno un rialzo, mentre si è mosso in direzione opposta Telecom Italia (Amsterdam: TI6.AS - notizie) . Quali strategie ci può suggerire per questi due titoli?
Per Telecom Italia sarà fondamantale la tenuta nel breve periodo di 0,80 €, che dovrebbe fungere da soglia di rimbalzo verso 0,87 €. Il trend si girerebbe al ribasso sotto a 0,75 €, soglia abbastanza distante. 
STM invece ha ritrovato un po’ di smalto e credo sia ancora un titolo da privilegiare anche se non penso performerà così bene come negli ultimi 12 mesi.
Tenendo conto del rischio politico in Italia, consiglierebbe di puntare in questa fase su due utilities come A2A (EUREX: 928195.EX - notizie) ed Enel (Londra: 0NRE.L - notizie) ?
Sia A2A che Enel sono molto forti, tra i due priveligerei la prima, su Enel occorre fare attenzione ai 4,83 € che sono una soglia di resistenza molto forte. In caso di violazione di questo ostacolo il titolo potrebbe apprezzarsi salendo addirittura verso quota 6 €.
In caso di recuperi del mercato, quali sono i titoli che potrebbero fare meglio nel breve? A quali consiglia di guardare ora?  
Nel breve mi attendo dei buoni recuperi dalla galassia FCA, in particolar modo da Exor. Inoltre i bancari, come detto sopra per Intesa ed Unicredit, penso possano rimbalzare. Vale (Swiss: VALE.SW - notizie) anche per Ubi (Taiwan OTC: 6562.TWO - notizie) e Unipolsai (Amsterdam: UQ8.AS - notizie) tra gli assicurativi. Tra gli altri titoli segnalo la grande forza relativa di Campari (Milano: CPR.MI - notizie) .

Nessun commento:

Posta un commento

CALENDARIO RISULTATI UTILI SOCIETA' QUOTATE

............
Calendario Utili fornito da Investing.com Italia - Il Portale di Trading sul Forex e sui titoli di borsa.