-

PER MANTENERTI SEMPRE IN CONTATTO CON LATOOSCURO-TRADING.COM TWITT

lunedì 15 maggio 2017

Borse al top: le attese a Piazza Affari e i titoli buy e sell

Davide Pantaleo
 
Sia per questi ultimi mercati che si trovano quindi in territorio inesplorato, sia per l’indice Ftse Mib, è necessaria una conferma che si può ottenere solo con il consolidamento e il successivo superamento dei livelli raggiunti.
In pratica per la Borsa milanese urge un immediato balzo sopra 21.697 punti, pena una correzione verso 21.315 e il primo supporto giornaliero della media a 12 periodi a 21140 punti, con eventuale approfondimento sul massimo precedente a 20883 e sulle medie, sempre giornaliere, a 24 e 50 periodi, rispettivamente a 20600 e 20250 circa, prima della chiusura del gap up, al momento improbabile ma mai impossibile, a 19930 circa.
Viceversa sopra 21700 si aprono nuove autostrade al rialzo in atto, tra 22mila e 22590 punti e 22870 circa, massimo di ottobre 2015 sopra il quale si aprono ambizioni spazi di ulteriore crescita.
Tra i bancari Banco BPM si è spinto in avanti con vivacità dopo la trimestrale, mentre non è accaduto altrettanto per Bper Banca. Quali strategie ci può suggerire per questi due titoli?
Banco BPM dopo il crollo in comune con tutto il settore bancario sta effettuando un lungo e ampio movimento laterale rialzista, caratterizzato da minimi e massimi crescenti. Infatti dopo la mancata conferma sopra i 12 euro nell’estate 2015 abbiamo assistito ad un nuovo scivolone, con minimi poco sopra 1.77 euro ed estesa fibrillazione tra 1.83-2.30 e l’attuale doppio massimo in formazione poco sotto i 3 euro. Entrare con una piccola prudente quota sopra 3.05 euro, da accumulare a 2.75-2.63 e 2.47 con stop sotto 2.40 e profitto a 3.35-3.50 euro.
BPER Banca ha effettuato anch’essa, come la stragrande maggioranza delle sorelle bancarie, una discesa libera che poi si è tramutata in slavina, con recente minimo, inversione rialzista addirittura al raddoppio e attuale fase di incertezza, tra correzione e risalita. Sulla tenuta di 2.50 euro di luglio 2016 ha infatti rialzato la testa con recente accelerazione verso 5.80-5.30 euro e attuale nuova fase correttiva in zona 4.64-4.82 circa. Entrare con una quota sopra 4.96 e 5.05 euro da accumulare a 4.77-4.70 con stop sotto 4.45 euro e profitto a 5.50-5.75 euro.
Nel settore industriale Buzzi Unicem e Prysmian sono stati penalizzati dalle vendite dopo i numeri del primo trimestre. Consiglierebbe di sfruttare questa debolezza per nuovi acquisti?
Buzzi Unicem ha sofferto della lunga crisi immobiliare e bancaria con una lunga e profonda discesa che nel periodo 2007-2010 ha fatto soffrire i suoi azionisti, compensati dall’attuale inversione rialzista che ne ha quadruplicato i corsi abbondantemente rispetto al minimo del 2011.
Sulla tenuta di 5.50 euro infatti abbiamo assistito ad una potente inversione rialzista, con recente falsa rottura dei 25 euro e attuale fase di incertezza in zona 23.75-24.20 circa. Entrare con una piccola quota sopra 24.70 e 25.30 euro, da accumulare a 23.50-22.60 con stop sotto 22 e profitto tra 27.50 e 28.70 euro.
Prysmian è un titolo dalla doppia faccia, avendo prima sofferto di una fase di profonda discesa per poi costruire un solido trend rialzista, interrotto recentemente dopo un nuovo massimo relativo. Infatti dal massimo relativo del 2007 a 21.40 ha sofferto il crollo al minimo a 5.75 del 2009 dal quale si è risollevato, sino alla falsa rottura di 27 euro dei primi di maggio 2017 con correzione attualmente in corso verso 24.75-25.10 circa. Per i più coraggiosi entrare con una piccola quota sopra 26.40 e 27.10 da accumulare a 25.40 e 24.90 con stop sotto 23.30 e profit su nuovi massimi storici a 29.40-30.80 euro.
Tra le utilities A2A ha festeggiato i risultati del primo trimestre, mentre Enel non ha dato vita a particolari reazioni. Quali indicazioni operative ci può fornire per questi due titoli?
A2A dopo il mega crollo di oltre il 90% dal 2007 al 2012 ha effettuato un buon rimbalzo percentualmente proficuo, attualmente messo in discussione da una importante resistenza statica e psicologica. Infatti sulla tenuta di 0.28 ha intrapreso una decisa inversione di tendenza rialzista, con normali fasi correttive anche importanti e attuale indecisione dopo la tenuta del livello di 1.50 euro. Entrare sopra 1.51 euro con una piccola quota, accumulare a 1.42-1.39 con stop sotto 1.30 e profitto a 1.66-1.74 euro.
Enel negli ultimi anni stava effettuando un ampio movimento laterale senza una direzionalità precisa, ottimo quindi per trader e non per cassettista, se non per coloro che hanno avuto l’accortezza di accumulare sulle correzioni, con presente rottura della parte superiore.
Sul grafico giornaliero a tre anni possiamo infatti osservare un girovagare tra 4.46 e 3.56 circa, con attuale accelerazione intorno a 4.55 circa. Entrare sopra 4.60 euro con una quota, da accumulare a 4.50 e 4.42 con stop sotto 4.30 euro e profitto a 5-5.30 euro.
Quali sono i titoli che sta seguendo più da vicino in questa fase? A quali consiglia di guardare ora?
Monitoriamo con attenzione: ENI, SALVATORE FERRAGAMO, UNIPOLSAI, YOOX.

Nessun commento:

Posta un commento

CALENDARIO RISULTATI UTILI SOCIETA' QUOTATE

............
Calendario Utili fornito da Investing.com Italia - Il Portale di Trading sul Forex e sui titoli di borsa.