-

Class CNBC
Share Video
Share Video
-04:40Live-04:40
Live

PER MANTENERTI SEMPRE IN CONTATTO CON LATOOSCURO-TRADING.COM TWITT

giovedì 16 marzo 2017

Terna sale ancora. Le indicazioni dei broker dopo i numeri 2016


Anche la seduta odierna si è conclusa con il segno più per Terna che ha messo a segno la sesta giornata consecutiva in rialzo. Il titolo, dopo aver guadagnato ieri lo 0,3%, quest’oggi è riuscito a fare meglio, fermandosi sui massimi intraday a 4,45 euro, con un progresso dell’1,37% e oltre 7,1 milioni di azioni transitate sul mercato a fine sessione, un dato sostanzialmente in linea con la media giornaliera degli ultimi tre mesi pari a oltre 7 milioni di pezzi.

I principali risultati dell'esercizio 2016

Terna ha beneficiato quest’oggi della positiva intonazione di Piazza Affari, guadagnando terreno all’indomani della diffusione dei risultati dell’esercizio 2016.
Il periodo in esame è stato archiviato con un utile netto pari a 633,1 milioni di euro, in crescita tendenziale del 6,3%, mentre i ricavi sono saliti dell’1% a 2,103 miliardi di euro.
L’ebitda è migliorato lo scorso anno dello 0,4% a 1,545 miliardi di euro, mentre l’Ebit ha registrato una crescita ancora più consistente dell’1,3% a 1,036 miliardi di euro.

Grazie alla generazione di cassa l’indebitamento finanziario si è attestato a 7,959 miliardi di euro, in riduzione rispetto agli 8,003 miliardi della fine del 2015.

Il dividendo proposto e le previsioni per il 2017

Alla luce dei risultati conseguiti lo scorso anno, il Cda di Terna ha deciso di proporre all’assemblea la distribuzione di un dividendo pari a 0,206 euro per azione, di cui 7,29 centesimi già versati come acconto e 13,39 centesimi come saldo il 21 giugno prossimo.

La proposta del Cda è in linea con la politica di dividendo presentata al mercato che prevede una crescita media annua del 3% rispetto al valore del 2015.
Quanto all’outlook, Terna ha fatto sapere di attendersi quest’anno ricavi in ulteriore crescita a circa 2,25 miliardi di euro, di cui 1,91 miliardi relativi alla tariffa di trasmissione e dispacciamento già approvata dall’Aeegsi.
Sul fronte dell’Ebitda è atteso un miglioramento con un dato previsto a 1,58 miliardi di euro a fine anno, mentre l’utile per azione potrà raggiungere gli 0,34 euro per azione. 

Le banche d'affari commentano i dati del gruppo

Commentando i risultati di Terna, gli analisti di Equita SIM ricordano che l’Ebitda, le spese per investimenti e il debito erano già stati comunicati al mercato.

I risultati sono leggermente migliori delle attese a livello di utile netto, grazie ad un minor tax rate e minorities positive per milioni di euro.
Il debito netto è stato migliore di circa 60 milioni di euro rispetto alla stime, giustificati da minori spese per investimenti per circa 40 milioni di euro.
Gli analisti della SIM milanese confermano le loro stime, segnalando che Terna non è  caro, con un rapporto prezzo/utili di 13 volte, uno yield del 4,8% e un premio sull’equity Rab 2017 del 23% e un premio enterprise value/RAB del 13%.
Non cambia la strategia suggerita per il titolo, coperto con una raccomandazione “hold” e un prezzo obiettivo pari a 4,9 euro.
Lo stesso rating “hold” viene ribadito da Kepler Cheuvreux, con un target price invariato a 4,8 euro dopo i conti del 2016 che gli analisti hanno definito leggermente migliori delle attese.
Bullish la view di Banca Akros che invita ad accumulare Terna in portafoglio, con un fair value a 5 euro.
Alla luce dei numeri conseguiti dal gruppo lo scorso anno, gli analisti continuano ad apprezzare la qualità del management e la solidità della società.
Fonte: News Trend Online

Nessun commento:

Posta un commento

CALENDARIO RISULTATI UTILI SOCIETA' QUOTATE

............
Calendario Utili fornito da Investing.com Italia - Il Portale di Trading sul Forex e sui titoli di borsa.