-

Class CNBC
Share Video
Share Video
-04:40Live-04:40
Live

PER MANTENERTI SEMPRE IN CONTATTO CON LATOOSCURO-TRADING.COM TWITT

giovedì 16 marzo 2017

FIB: operatività valida per la giornata


Marco Benzoni
Trend Online
FIB: operatività valida per la giornata
 
Oscillatori: il RSI rimane in area neutrale e lascia inalterato il suo livello sensibile a 19320 punti; stessa situazione per lo stocastico con livello sensibile appena sotto, a 19280, e che, in aggiunta, sta cercando la costruzione di una divergenza ribassista ancora non confermata dai valori dell’oscillatore stesso né dai prezzi di mercato. Per entrambi i valori indicati riguardano la close serale ma già una discesa sotto area 19300 dovrebbe essere considerato come un primo e discreto campanello d’allarme.
Volumi: nessun segnale per la prossima seduta.
Operatività su base grafica
Nessuna rottura ribassista e, invece, il break si è verificato sui massimi dell’area indicata ma, purtroppo, solo nella fase finale della seduta, situazione che non ha permesso il raggiungimento del target minimo a 19840/19860 circa. Le possibilità che lo raggiunga la prossima ci sono ancora, seppure con minori probabilità ma la scadenza temporale dell’obiettivo imponeva un’uscita cautelativa in close praticamente sui valori di entrata. Rimango in attesa della formazione di nuovi pivot idonei a formulare la prossima analisi.
Operatività su base statica
Preciso il target di giornata così come identificato ( “…  ritorni sopra 19650 potrebbero invece favorire nuovi acquisti con obiettivi successivi a 19750/19760 circa”). Per la prossima seduta si rileva una fascia di prezzi (19895 – 20030) all’interno della quale si sviluppano tutta una serie di resistenze di brevissimo termine: 19895, 19950 e 20030 punti circa. Potenzialmente negativo un ritorno sotto 19430.
Per il medio termine vale quanto scritto di recente: “il mercato è riuscito a chiudere sopra la prima resistenza indicata da tempo a 17160, seppure di natura intermedia; in caso di nuove rotture i prezzi potrebbero spingersi verso area 18500 dove, presumibilmente, dovrebbero verificarne una media tenuta e costringere il mercato a un ritracciamento o a una fase di stallo intorno al livello stesso”. Il laterale stretto è durato solo tre sedute circa e, in seguito, il mercato ha ripreso la sua marcia verso il livello superiore (19500/19600). E’ possibile, tuttavia, che nell’imminente futuro proprio l’area tra 18500 e 19600 possa condizionare il mercato (trattandosi di analisi di medio termine le condizioni di mercato andrebbero valutate anche su base settimanale); in caso di ritracciamenti veloci e decisi, dunque, sarà ancora area 18500 che andrà valutata e, in caso di tenuta a oltranza, verrà ridefinito il target superiore che dai suddetti 19500/19600 potrebbe alzarsi a 20600/20700 circa.
Operatività su base dinamica
La risalita sopra 19660, livello perso nella seduta precedente, ha ridato speranze ai rialzisti per un potenziale break anche sopra i massimi di periodo per la continuazione verso area 20000/20100 almeno. Tuttavia, la mancata conferma entro tre giorni dal break iniziale, così come anticipato nei giorni scorsi, rende più rischiosa l’operatività. Supporto a 19550, la cui rottura potrebbe favorire ritorni a 19150/19200.
Trend presunto di breve termine e operatività su base ciclica
Trend grafico di brevissimo termine: flat e primo supporto ora a 19465.
Trend di breve termine:  flat e possibile entrata long su eventuali ritracciamenti.
Ciclico-prezzi: il Minor-Trend, long da 19500, è uscito in close a 19750; primo supporto a 19430 circa. Il Main-trend rimane flat e consolida il suo supporto di medio termine a 19285 punti.

Nessun commento:

Posta un commento

CALENDARIO RISULTATI UTILI SOCIETA' QUOTATE

............
Calendario Utili fornito da Investing.com Italia - Il Portale di Trading sul Forex e sui titoli di borsa.