-

RIMANI SEMPRE IN CONTATTO CON LATOOSCURO-TRADING.COM TWITT

venerdì 17 marzo 2017

Bond day: va sotto la pari il nuovo Btp inflation decennale


Viene definito decennale dal ministero dell’Economia e delle Finanze, ma in realtà ha scadenza 2028 il nuovo Btp€i, collocato nei giorni scorsi. Le sue caratteristiche - salvo il tasso cedolare - sono le stesse dell’intera categoria di questa tipologia di Btp: cedola 1,30% annua correlata all'indice dei prezzi al consumo Eurostat (quindi all’inflazione europea), scadenza 15/5/2028, Isin IT0005246134, importo 3 miliardi di euro e taglio minimo 1.000 euro.
Un bond giusto per proteggersi dall’aumento inflattivo, poiché caratterizzato dalla vita residua preferibile nella vasta gamma di scadenze proposte in tale ambito. I gestori professionali puntano infatti proprio sui decennali nella scelta dei cosiddetti “linker”. Lo dimostra il fatto che il 45,2% dell’emissione sia stato assegnato a fondi d’investimento e asset manager, mentre le banche si sono aggiudicate il 22,8% dell’ammontare complessivo.

Eppure il nuovo Btp€i stenta a decollare sul secondario (ieri ha chiuso a 98,4, perdendo uno 0,70%), il che costituisce motivo di interesse in più. Gli altri Btp indicizzati all’inflazione europea girano quasi tutti ben sopra 100, salvo i cortissimi e l’1,25% scadenza 2032 (Isin IT0005138828), che da fine gennaio è passato sotto la pari, navigando ormai sui 97 euro. 

L’effetto rialzo si sente già

Il motivo è presto spiegato.

Il nuovo Btp€i si assoggetta a un ventilato aumento dei tassi nel medio termine, che finirebbe per penalizzarlo – come sempre accade – nel caso la complessa relazione tassi/inflazione andasse a suo discapito. Occorre però ricordare naturalmente che l’incremento del costo della vita accumulato si immagazzina sul capitale, rendendo ancor più attraete un titolo che verrà comunque rimborsato a 100, con l’aggiunta del coefficiente di indicizzazione maturato.

E’ probabile che le quotazioni saranno molto volatili nei prossimi mesi per questa tipologia di obbligazioni, ma ciò non esclude che sia ora il momento per valutarne l’inserimento in qualsiasi portafoglio, a protezione – almeno parziale – dai fattori inflattivi. 

Il confronto dice che…

Rispetto ad altri “linker” europei il nuovo Btp€i ha il vantaggio di una quotazione nettamente più favorevole.
Lo Spagna 1,8% 2024 (Isin ES00000126A4 – quotato sul Mot) prezza sui 110,5, mentre l’Oati francese 3,4% 2029 (Isin FR0000186413 – quotato sul Mot) si ritrova sui 152 e il tedesco Bund€I 0,10% 2026 (Isin DE0001030567 – presente su Tlx) resta sopra i 110. Non solo! Alcuni di questi “inflation” devono essere acquistati preferibilmente sull’“Otc” per non subire penalizzazioni da “spread” denaro/lettera, poiché poco trattati sul mercato di casa nostra.

L’esordio del Btp€i va quindi seguito con attenzione, anche perché – occorre sottolinearlo di nuovo – indicizzato all’inflazione europea, che in prospettiva potrebbe crescere di più in confronto a quella domestica. 
Fonte: News Trend Online

Nessun commento:

Posta un commento

CALENDARIO RISULTATI UTILI SOCIETA' QUOTATE

............
Calendario Utili fornito da Investing.com Italia - Il Portale di Trading sul Forex e sui titoli di borsa.