-
.....................

PER MANTENERTI SEMPRE IN CONTATTO CON LATOOSCURO-TRADING.COM TWITT

giovedì 10 novembre 2016

Vittoria Trump molto temuta in Germania, di cosa hanno paura i tedeschi?

Trump inviso in Germania
Un’eventuale vittoria di Donald Trump alle elezioni presidenziali USA di oggi sarebbe molto invisa in Germania. Secondo il presidente della Commissione Affari esteri del Bundestag, il conservatore Norbert Roettgen, se il candidato repubblicano arrivasse alla Casa Bianca, tra USA e Germania si arriverebbe al punto più basso nei rapporti bilaterali dalla guerra in Vietnam. Voce isolata è stata in questi giorni quella del governatore della Baviera, anch’egli conservatore, Horst Seehofer, che in un’intervista alla Bild si è dichiarato pronto ad accogliere a Monaco chiunque vinca le elezioni, sostenendo la necessità di non interferire nel processo democratico di un altro paese.
Un sondaggio della Bild ha trovato che per il 77% dei tedeschi, un eventuale presidente Trump danneggerebbe i rapporti tra America e Germania, mentre per il 67% non cambierebbe sostanzialmente nulla sul piano relazionale, se a vincere oggi sarà Hillary Clinton. (Leggi anche: Vittoria Trump e dimissioni Yellen?)

Tedeschi ostili a Trump

Ma come mai i tedeschi detestano quasi all’unanimità il magnate? Semplice ostilità a un candidato dai tratti caratteriali molto diversi da quelli più pacati teutonici, nonostante il repubblicano abbia proprio origini tedesche? Non proprio.
Il programma di Trump sull’economia si fonda su una parola-chiave: protezionismo. L’uomo è convinto di proteggere meglio l’interesse degli americani e, in particolare, di lavoratori e imprese, sganciandosi da accordi di libero commercio, come il TTP (“Trans-Pacific Partnership”) e ponendo limiti al NAFTA, che lega l’economia USA a Messico e Canada. Simili, ma con minore veemenza, sono state le proposte elettorali della Clinton, nonostante da segretario di Stato abbia assecondato il commercio mondiale. (Leggi anche: Commercio mondiale, rischio protezionismo avanza)

Nessun commento:

Posta un commento