-
.....................

PER MANTENERTI SEMPRE IN CONTATTO CON LATOOSCURO-TRADING.COM TWITT

venerdì 18 novembre 2016

Ue, trovato l'accordo sul bilancio ma l'Italia si astiene

L'Italia ha scelto di astenersi nella votazione per dare il via libera all'accordo sul bilancio Ue 2017. È la prima volta che il nostro Paese non vota a favore.
ACCOLTE ALCUNE RICHIESTE ITALIANE. La proposta finale era stata presentata dalla Presidenza slovacca e accettata dal Parlamento europeo e aveva recepito alcune richieste della delegazione italiana, come il finanziamento aggiuntivo per i programmi Erasmus, Horizon 2020 e l'iniziativa Giovani per un totale di 700 milioni di euro.
DUBBI SUL QUADRO FINANZIARIO. Quest'apertura non è stata però considerata sufficiente per votare a favore, confermando di fatto la riserva dei giorni scorsi.
In particolare sulla revisione di medio termine del quadro finanziario complessivo per il periodo 2014-2020 e per gli stanziamenti per il quadrinennio 2017-2020.
RENZI: «ALCUNI PAESI NON AIUTANO SUI RIFUGIATI». Intervenendo a Rtl 102.5 il presidente del Consiglio Matteo Renzi ha ribadito l'intenzione di continuare il braccio di ferro con i Paese dell'Est Europa sulla questione dei migranti: «Diamo soldi all'Unione europea perché i Paesi in via di sviluppo dell'Ue crescano e quegli stessi Paesi non si preoccupano di un tema come l'immigrazione».
Per Renzi la questione non è dare meno soldi all'Unione ma un diverso modo di gestirli: «L'Italia è disponibile a mettere anche più soldi per un'Europa diversa a condizione che non ci lascino soli sulle politiche di immigrazione e che non continuino con le politiche di austerity».
ACCORDO RAGGIUNTO A TARDA NOTTE. L'accordo sul bilancio è arrivato a tarda notte dopo lunghe trattative fra Parlamento, Consiglio e Commissione europea. Il documento prevede 157,9 miliardi in impegni e 134,5 in pagamenti.
In particolare verranno aumentati i fondi per la gestione dei migranti e per i giovani: 5,91 miliardi in termini di impegni saranno disponibili per la crisi dei rifugiati e la sicurezza, pari a un aumento dell'11,3% rispetto al 2016.
NEL BILANCIO PIÙ FONDI PER IL LAVORO. Aumento di fondi anche per crescita e occupazione con un +12% rispetto all'anno in corso per un totale di 21,3 miliardi.
«Non abbiamo risparmiato nessuno sforzo per assicurare i soldi per un bilancio che andrà nel miglior interesse della nostra gente» ha detto la vicepresidente della Commissione Ue Kristalina Georgieva «Questi fondi aiuteranno contro gli shock, dando una spinta alla nostra economia e affrontando questioni come la crisi dei rifugiati».

fonte: http://www.lettera43.it/

Nessun commento:

Posta un commento