-
.....................

PER MANTENERTI SEMPRE IN CONTATTO CON LATOOSCURO-TRADING.COM TWITT

mercoledì 23 novembre 2016

Sotto La Lente Dell'Analisi Tecnica: attese e obiettivi sui principali titoli

La lista che segue è composta da alcuni dei titoli appartenenti al principale indice di benchmark italiano, il FTSE MIB, ritenuti tra i più significativi in base ai criteri di liquidità dell'analisi tecnica e tali da garantire una rappresentazione complessiva dei vari settori ICB italiani. L'analisi interpreta i valori di supporto e resistenza secondo un orientamento temporale di breve periodo (1-2 giorni).
D'Amico
D'Amico (+4,15%) rimbalza con decisione dopo il test di nuovi record negativi a 0,2411.

Eventuali movimenti fino a 0,2710, minimi del 2012, non modificherebbero comunque la tendenza al ribasso partita nel 2015. Oltre questo ostacolo il titolo dovrà affrontare la resistenza a 0,30/0,31 circa per inviare segnali convincenti di ripresa. Diversamente non si potranno escludere nuove accelerazioni al ribasso.
-Target: 0,31 euro
-Negazione: 0,2411 euro
-RSI (14): neutrale
*
Anima Holding*
Fase di consolidamento per Anima Holding (+2,88%) che resta nell'ombra della candela ad ampio range del'11 novembre, tra 4,312 e 4,898.

La permanenza dei prezzi al di sopra della media mobile a 100 giorni, a 4,39 circa, permette comunque di credere nella possibilità di recupero per obiettivi a 5,10 almeno. Obiettivi successivi a 5,60 e 5,84 almeno. Nella direzione opposta discese sotto i 4 euro potrebbero far piombare nuovamente le quotazioni in area 3,90 minacciando di proseguire il movimento verso i minimi del 2014 a 3,60 circa.
-Target: 5,10 euro 
-Negazione: 4 euro
-RSI (14): neutrale
Unicredit
Unicredit (+2,75%) resta aggrappata al supporto strategico dei 2 euro, dopo aver saggiato la consistenza del supporto dinamico a 1,90 circa, base del canale che contiene i movimenti dai minimi estivi.

La permanenza sopra questo riferimento appare dunque strategica per assicurare al titolo la possibilità di tentare una nuova reazione verso 2,06 almeno. Sviluppi positivi giungerebbero però solo oltre 2,40. Se invece area 1,90/2 dovesse saltare i corsi andrebbero a rivisitare i minimi di agosto a 1,74 circa, poi quelli di luglio a 1,704.
-Target: 2,40 euro 
-Negazione: 1,90 euro
-RSI (14): neutrale
Reply
Reply (+3,28%) rimbalza con decisione da 103,6, base del canale correttivo in cui i prezzi si muovono dai top di inizio anno.

Il ritorno sopra i 110 euro sarà in grado di scongiurare ulteriori ripiegamenti verso i 100 euro, minimo del 9 febbraio, e più in basso fino a 97 circa. Per cancellare la debolezza e inviare segnali di miglioramento sarà però necessaria la rottura della media mobile a 100 giorni, in transito a 117,90 circa.
-Target: 117,90 euro
-Negazione: 100 euro
-RSI (14): neutrale
Saras
Saras (+5,40%) si allunga oltre i massimi di ottobre, a 1,60, in direzione di 1,70, lato alto del canale che sale dai minimi di agosto.

L'eventuale rottura anche di questo ostacolo sposterebbe il target a 1,85 circa, quota pari al 50% di ritracciamento della discesa subita nell'ultimo anno. Nella direzione opposta il ritorno sotto 1,47 insinuerebbe dubbi sulla capacità di ripresa.
-Target: 1,70 euro
-Negazione: 1,47 euro
-RSI (14): neutrale
*Generali *
Generali (+3,47%) ha testato ancora una volta la linea che sale dai minimi di giugno, a 11,09, salvo poi reagire.
La tenuta di questo riferimento rappresenta una condizione necessaria ma non sufficiente per garantire un miglioramento del quadro grafico: sviluppi positivi giungerebbero infatti solo oltre area 12,20. La violazione di area 11 comporterebbe invece un deterioramento del quadro grafico di fondo per target negativi a 9,80 almeno.


-Target: 12,20 euro
-Negazione: 11 euro
-RSI (14): neutrale
(CC)
Autore: Financial Trend Analysis Fonte: News Trend Online

Nessun commento:

Posta un commento