-
.....................

PER MANTENERTI SEMPRE IN CONTATTO CON LATOOSCURO-TRADING.COM TWITT

martedì 8 novembre 2016

Snam: un buon affare dopo la scorporo di Italgas?

La seduta odierna prosegue nel segno della debolezza per Snam che cede il passo ad alcune prese di profitto dopo aver chiuso la giornata di ieri in rialzo di oltre il 4% rispetto al prezzo rettificato per lo spin-off di Italgas. Quest'oggi il titolo mostra una maggiore debolezza relativa rispetto all'indice di riferimento, passando di mano a 3,914 euro, con un ribasso dello 0,66% e volumi di scambio sempre elevati visto che fino ad ora sono transitate sul mercato oltre 12 milioni di azioni, già al di sopra della media giornaliera degli ultimi tre mesi pari a circa 10,2 milioni di pezzi.

L'analisi di Equita SIM dopo lo spin-off di Italgas

Lo spin-off di Italgas ha portato diverse banche d'affari a focalizzarsi su Snam, a partire da Equita SIM, i cui analisti ricordano che il business plan del grupo stand alone prevede investimenti per 3,4 miliardi di euro al 2020 e un incremento medio annuo della RAB dell'1%.


Dopo il riacquisto di bond per 2,75 miliardi di euro, il leverage del gruppo è del 53-54% e Snam avrà maggiore flessibilità per acquisizioni in asset regolati internazionali.
La società ha inoltre avviato la prima fase del buyback, fino a 500 milioni di euro, pari al 3,5% del capitale, che durerà fino ad un massimo di 4 mesi.
La politica del dividendo prevede una cedola di 0,21 euro nel 2016 ed un tasso annuo medio composto di crescita del 2,5% nel 2017-18.
Gli analisti di Equita SIM ricordano che il prossimo anno ci sarà la consultazione per la review regolatoria nel trasporto con riferimento al periodo 2018-2021, mentre l’Allowed Wacc sarà aggiornato l’anno successivo per il triennio 2019-2021.
La SIM milanese segnala che l'elevato dividend yield e il buy-back sul 3,5% del capitale sono due supporti importanti per Snam.

Gli analisti però mantengono una view neutrale sul titolo, considerata la fase di rialzo dei tassi di interesse e l’incertezza politica per il Referendum, motivo per cui il rating resta fermo a "hold", mentre il prezzo obiettivo è stato ridotto di quasi il 20% a 4,3 euro.

Anche Credit Suisse è cauta sul titolo

A rivedere la valutazione di Snam è stato anche il Credit Suisse che ribadisce la raccomandazione "neutral", con un target price ridotto da 4,7 a 4 euro dopo lo spin-off di Italgas.


Anche la banca elvetica crede che il buy-back possa sostenere Snam in Borsa e stima un tasso annuo medio di crescita dell'utile per azione nell'ordine del 5% con riferimento al periodo 2016-2019.  Gli analisti non mancano di evidenziare che il principale rischio per il titolo è legato all'eventuale crescita dei rendimenti dei titoli di Stato italiani.

Bullish la strategia di RBC e di Bca Akros

A scommettere su Snam è RBC che mantiene fermo il rating "outperform", con un fair value tagliato da 5,5 a 4,5 euro.

Alla luce del nuovo target price l'attuale valutazione del titolo in Borsa implica un 20% circa di total return, motivo per cui viene ribadisce una strategia bullish sullo stesso.
A promuovere Snam quest'oggi sono stati gli esperti di Banca Akros che hanno modificato la loro strategia da "neutral" ad "accumulate", con un prezzo obiettivo che scende da 5 a 4,3 euro per effetto dello spin-off.
Fonte: News Trend Online

Nessun commento:

Posta un commento