-
.....................

PER MANTENERTI SEMPRE IN CONTATTO CON LATOOSCURO-TRADING.COM TWITT

martedì 15 novembre 2016

Piazza Affari limita i danni, ma per ora non basta


Anche la seduta odierna si è conclusa con il segno più per le Borse europee che hanno visto il Cac40 e il Ftse100 terminare gli scambi in progresso dello 0,62% e dello 0,58%, seguiti dal Dax30 che si è apprezzato dello 0,39%.

Il Ftse Mib difende l'area dei 16.500

Non è andata altrettanto bene a Piazza Affari dove il Ftse Mib ha vissuto una giornata volatile, visto che dopo un avvio positivo è tornato sui suoi passi, perdendo progressivamente terreno, salvo poi risalire la china nel finale.

La giornata si è conclusa a 16.682 punti, con un frazionale calo dello 0,02%, dopo aver segnato un massimo intraday a 16.763 e un minimo a 16.545 punti.
L'indice è sceso nel corso della seduta ad un passo dall'area dei 16.500 punti, per poi avviare un recupero in direzione dei 16.700 punti.
La reazione dai minimi odierni è senza dubbio interessante, ma non è sufficiente di per sè a mettere al riparo dal rischio di nuove vendite. 
Un segnale un po' più convincente arriverebbe dal superamento dei 16.800 punti, preludio ad un test di area 17.000. Oltre questo livello si potrà avere una prosecuzione degli acquisti verso i 17.150/17.200 prima e in seguito in direzione dei recenti massimi di periodo in area 17.400.
Segnali di incertezza si avranno con ripiegamenti al di sotto dei 16.500 punti, visto che la perdita di questo livello costringerà a spostare l'attenzione verso i 16.300/16.200 prima e in seguito in direzione dei 16.000 punti.


Negativo sarà l'abbandono di quest'ultimo sostegno, evento che aprirà le porte ad approfondimenti ribassisti verso i 15.500 punti prima e successivamente verso i minimi dell'anno in area 15.000, il raggiungimento dei quali appare poco probabile almeno nell'immediato.
L'indice Ftse Mib al momento continua ad essere inserito in un movimento laterale sostanzialmente compreso tra i 16.000 e i 17.000/17.400 punti e fino a quando non sarà violato uno di questi due estremi non si potrà assistere ad un movimento direzionale più deciso e duraturo nel tempo.

I market movers in America e in Europa

Domani sul fronte macro Usa sarà diffuso l'indice settimanale relativo alle richieste di mutui ipotecari e ancor più rilevante sarà l'aggiornamento sui prezzi alla produzione che ad ottobre dovrebbero mostrare una variazione positiva dello 0,3%, in linea con la lettura precedente, mentre per la versione "core" si prevede un rialzo dello 0,2%, anche in questo caso in linea con la rilevazione di settembre.
Per la produzione industriale di ottobre le stime parlano di un progresso dello 0,2% contro lo 0,1% precedente, mentre la capacità di utilizzo degli impianti dovrebbe salire dal 75,4% al 75,5%.
In agenda anche l'indice Nahb che a novembre è visto in salita da 63 a 64 punti e nel pomeriggio sarà diffuso il consueto report sulle scorte strategiche di petrolio da parte del Dipartimento dell'energia statunitense.
In calendario un discorso di James Bullard, presidente della Fed di St.Louis, oltre al quale prenderà la parola Neel Kashkari, a capo della Fed di Minneapolis, ma è previsto anche un intervento di Patrick Harker, presidente della Fed di Filadelfia.
Sul versante societario segnaliamo i risultati trimestrali di Lowe's Companies e di Target Corp per i quali si prevede un utile per azione pari rispettivamente a 0,96 e a 0,83 dollari.
A mercati chiusi si sposterà l'attenzione sui conti degli ultimi tre mesi di Cisco Systems dai quali ci si attende un eps pari a 0,59 dollari.
In Europa non sono previsti dati macro di rilievo e si segnala solo l'asta dei titoli di Stato in Portogallo con scadenza a 6 e a 12 mesi per un ammontare compreso tra 1,25 e 1,5 miliardi di euro.

I titoli da seguire a Piazza Affari

A Piazza Affari da seguire i titoli del settore oil in vista del report sulle scorte strategiche Usa.


In calendario un'assemblea di Primi sui Motori per deliberare in merito alla modifica del regolamento del bond convertibile.
Fonte: News Trend Online
Canale: Primo Piano

Nessun commento:

Posta un commento