-
.....................

PER MANTENERTI SEMPRE IN CONTATTO CON LATOOSCURO-TRADING.COM TWITT

mercoledì 23 novembre 2016

Petrolio, quotazioni a 50 dollari sul "tutti a bordo": ma la risalita sarà stabile?

Quotazioni petrolio di nuovo a 50 dollari
In appena una settimana, le quotazioni del petrolio sono risalite dell’11,5%, arrivando nuovamente a ridosso dei 50 dollari al barile, il livello più alto da sette settimane. Al momento, i prezzi del Brent si attestano a 49,74 dollari, quelli del Wti americano a 48,86 dollari. E’ bastato che il delegato della Nigeria al vertice OPEC in corso a Vienna, preliminare a quello decisivo di fine mese, tale Ibrahim Waya, dichiarasse al termine della prima giornata di incontro tra i rappresentanti del cartello, che “tutti i paesi sono a bordo”, per sostenere un clima già di maggiore ottimismo sui mercati, rispetto alle settimane precedenti.
“Tutti a bordo” significa che finalmente, almeno a parole, nessun membro dell’OPEC si tirerebbe indietro rispetto alla proposta dell’Arabia Saudita di tagliare la produzione complessiva tra i 32,5 e i 33 milioni di barili al giorno dai 33,64 milioni del mese scorso. E che tali parole siano state proferite proprio dal rappresentate di uno dei paesi più riottosi, la Nigeria, aumenta le aspettative dei traders. (Leggi anche: Petrolio, prezzi sperano in Obama)

Russia aderisce all’accordo dall’esterno

Ad assecondare l’intesa c’è anche la Russia di Vladimir Putin, che dopo settimane di dichiarazioni alterne e incerte, starebbe puntando a mediare tra le posizioni saudite e quelle dell’Iran, parlando di “congelamento” della produzione e non di taglio per Teheran, che punta a tornare ai livelli pre-embargo, dopo il ritiro delle sanzioni occidentali contro le sue esportazioni a inizio anno.
A spingere per l’accordo ci sarebbe la percezione del rischio di una caduta vertiginosa delle quotazioni petrolifere, nel caso a fine mese non si arrivasse ad alcun risultato concreto. Goldman Sachs ha stimato un eccesso di offerta in aumento a 700.000 barili al giorno nei primi tre mesi dell’anno prossimo, in assenza di un intervento dell’OPEC. (Leggi anche: Petrolio, sauditi implorano accordo OPEC)

Nessun commento:

Posta un commento