-
.....................

PER MANTENERTI SEMPRE IN CONTATTO CON LATOOSCURO-TRADING.COM TWITT

lunedì 28 novembre 2016

Mercati azionari. Analisi intraday della giornata


MERCATI AZIONARI

La distribuzione dei flussi è in questo momento ribassista per entrambe le curve, rating -2. Si avvicina il referendum costituzionale italiano, che in caso di vittoria del NO porterà effetti molto negativi sui mercati azionari, soprattutto su quello italiano. Come dicevo la scorsa settimana, non è vero ciò che dicono i media che la vittoria del NO è già nei prezzi, per il semplice fatto che l'esito del referendum è ancora molto incerto, e oggi abbiamo un primo antipasto di ciò che sarà il movimento in caso di vittoria del NO.

I gossip della scorsa settimana davano un recupero del fronte del SI', e le prime congetture sul voto degli italiani all'estero, che sarà nettamente a favore del SI': i mercati hanno reagito con un movimento rialzista. Personalmente, per i dati in mio possesso, ritengo che vincerà il NO, e gli effetti di una vittoria del NO danno forma alla struttura operativa delineata per questa fase, che tradiamo in questo report.
Il 23 novembre abbiamo aperto una prima posizione tattica short sul FIB a 16.310 e l'abbiamo chiusa oggi in discreto guadagno. Cerchiamo entrate short come da tabella A. Alle 12,30 è iniziato un ciclo stocastico rialzista, al termine del quale cercheremo una prima entrata short per la giornata di oggi.

La convergenza spazio-tempo identifica una finestra temporale interessata allo short fra le 13,15 e le 13,30, in un'area di prezzo tra 16.315 e 16.345.

EURO-DOLLARO

Correlazione inversa EUR-USD / mercati azionari. Di sicuro la tendenza di medio è ribassista. Il dollaro ha motivi per rafforzarsi (rialzo dei tassi, prosecuzione della ripresa economica), mentre l'euro ha motivi per indebolirsi (stagnazione economica, referendum italiano).
EUR-USD è avviato alla parità entro giugno-settembre 2017. In questo momento però la tendenza di breve è rialzista, e noi ci concentriamo su altri fronti.

CRUDE OIL

A fine novembre ci sarà la riunione dell'OPEC che verosimilmente ratificherà la diminuzione di produzione dai 33,5 a 32,5 milioni di barili al giorno.

Non è detto che l'accordo trovato in settembre sarà mantenuto, ma nel frattempo il prezzo dovrebbe salire, proprio scontando la possibilità di accordo e il migliorato quadro generale. Sul gossip dei giorni scorsi, che parlava di un'OPEC fiduciosa di raggiungere l'accordo, c'è stata una forte presa di beneficio (di tipo "sell on news") e abbiamo chiuso le due posizioni long in trailing stop e in buon guadagno.
Il 23 novembre abbiamo riaperto una posizione long che però è andata in stop loss.

REFERENDUM

Avvicinandoci alla data per il voto, alcuni movimenti dei prezzi cominciano a considerare quello che ora è il focus dei mercati, ovvero il referendum costituzionale italiano.

I sondaggi ufficiali più accreditati danno in vantaggio il NO con il 53% e il SI' al 47%. E' stato fatto un sondaggio non ufficiale su Facebook, forse meno formale ma più aderente alla realtà: il NO è in vantaggio con il 78%. Una vittoria del NO farebbe scendere i mercati azionari: per quello italiano sarebbe un crollo, per gli altri una discesa poi recuperata.
Da lì in avanti il mercato italiano sottoperformerà i mercati azionari: nelle discese perderà di più, nelle salite guadagnerà di meno.

ANALISI DEL VALORE E DEL RISCHIO

Con l'elezione alla Casa Bianca di Donald Trump il rischio geopolitico è percepito in forte calo.
Questo nuovo scenario, lasciando invariata o leggermente migliorata la percezione della crescita degli utili U, ha compresso la percezione del rischio R.

Una dimostrazione implicita è stato il crollo repentino dell'oro. Aumenta così il valore della frazione che rappresenta ogni rata di utile futuro delle aziende. L'impatto nel medio termine è dunque rialzista per i mercati azionari. 
Fonte: News Trend Online

Nessun commento:

Posta un commento