-
.....................

PER MANTENERTI SEMPRE IN CONTATTO CON LATOOSCURO-TRADING.COM TWITT

lunedì 21 novembre 2016

Le 7 migliori scommesse sul mondo in Rete


Alibaba Group Holding Ltd (NYSE: BABA )

L'economia cinese, come sottolineato nell'analisi di Tom Taulli, è spesso sospettata di essere vittima di un generale rallentamento. Il che potrebbe essere anche vero, quello che però salva il titolo è che Pechino, in realtà, è al centro di una rivoluzione copernicana che sta cambiando le sue fondamenta spostandole verso l'ecommerce con proiezioni di crescita per questa voce, pari al 20% circa annuo fino al 2020.

E qui entra in scena Alibaba la quale, tra l'altro, sta investendo in modo aggressivo in altri mercati in crescita come il cloud computing, i pagamenti da mobile e il mondo dello spettacolo e dell'intrattenimento. A suo vantaggio anche i conti che recentemente hanno registrato un +55% nell'ultimo trimestre.
A frenare, invece, gli entusiasmi, sono le elezioni di Trump e le tensioni derivanti dalle possibili restrizioni sul commercio internazionale.

Facebook Inc (NASDAQ: FB )

In 12 anni la società di Mark Zuckerberg è riuscita ad arrivare ai vertici della finanza internazionale con una capitalizzazione di 330 miliardi did dollari.

Il successo passato non è certo garanzia anche per il futuro, ma il fatto di aver battuto rivali come MySpace e Friendster dimostra la forza intrinseca del format mentre la sua flessibilità sul fronte della privacy, conferma che la società può evolversi e correggersi visto che è riuscita a superare l'ostacolo della transizione su mobile. Zuck anche fatto acquisizioni lungimiranti come Instagram e WhatsApp.
Dagli ultimi dati, FB registra 1,79 miliardi di utenti di cui 1,09 attivi nell'ultimo trimestre. Il futuro del social, adesso, è sui video che verranno incrementati fino a divenire la prima voce.

SAP (ADR) (NYSE: SAP)

In questo caso ci si sposta verso la gestione aziendale.

Infatti il titolo rappresenta l'azienda leader nel settore del software di pianificazione delle risorse aziendali (ERP) ed affonda le sue radici al 1970 l'epoca in cui lo strumento base erano le schede perforate. La base di forza di SAP sono proprio i suoi clienti dal momento che l'ambiente di lavoro e soprattutto la materia trattata è particolarmente complessa e per questo motivo difficilmente si assiste all'abbandono in massa dei clienti i quali, spesso, preferiscono restare con la stesa azienda anche per decenni.

A conti fatti, il report ricorda che si parla di 300.000 clienti in tutto, sparsi in 190 paesi. L'evoluzione della società continua attraverso investimento nel cloud computing e nel settore della ricerca medica con la mappatura del genoma umano. La società, infine, è attiva anche nelle acquisizioni, come quelle di SuccessFactors , Concur e Ariba .


MercadoLibre Inc (NASDAQ: MELI )

Ci si sposta al Sud e in particolare l'attenzione cade sul leader dell'e-commerce del mercato sudamericano la cui vita ha avuto inizio durante l'era delle dot-com.

Da allora, l'azienda ha guadagnato vere e proprie roccaforti in 13 paesi, tra cui Argentina, Brasile, Cile, Messico e Panama. La diversificazione sia da un punto di vista geografico che di offerta, è stata la sua salvezza, infatti oltre alle classiche piattaforme, la società offre anche un servizio di pagamento, sistemi di pubblicità e promozione e un supporto logistico.
Tutti elementi che costituiscono alte barriere d'ingresso per la concorrenza. A questo vanno aggiunti anche 152 milioni di utenti registrati in un mercato che conta una popolazione di oltre 600 milioni di persone e che attualmente si trova nelle prime fasi dell'ecommerce.


Microsoft Corporation (NASDAQ: MSFT )

Missione compiuta: come da notare Tom Taulli, l'azienda, un paio d'anni fa aveva bisogno di una leadership coraggiosa.

E con l'arrivo di Satya Nadella si è avverato un sogno. Da quando è diventato amministratore delegato nel febbraio 2014, le azioni Microsoft hanno guadagnato il 50%. Come? Tagliando i rami secchi e puntando sul futuro con il cloud computing, intuendo che quello sarebbe stato il mega trend del futuro e che, due anni fa (e forse ancora adesso) era all'inizio dell'ascesa.
Secondo una ricerca di Morgan Stanley, la spesa globale per investimenti su questa voce, passerà da 70 miliardi dai 70 miliardi di dollari del 2015 ai 141 del 2019. A vantaggio di Microsoft anche il fatto di essere il punto di riferimento per il PC aziendale a livello mondiale mentre l'acquisizione, per molti versi discussa, da 26,2 miliardi di dollari di LinkedIn Corp (NYSE: LNKD ) dovrebbe fornire una valida piattaforma di 467 milioni di utenti.

PayPal Holdings Inc (NASDAQ: PYPL )

Circa l'85% di tutte le transazioni globali sono ancora fatto con il vecchio denaro contante ma questo è un potenziale vantaggio dal momento che la diffusione dei pagamenti da mobile è inarrestabile e ognuno ha un cellulare in tasca.

Seguendo questo trend, Paypal sarà uno dei maggiori beneficiari. A suo vantaggio lo status di pioniere del settore ma anche il fatto di essere il sito più affidabile contro le frodi, ma anche una politica di acquisizioni su società parallele come Xoom, il servizio permette di effettuare pagamenti a parenti e amici in tutto il mondo o Venmo una app che permette non solo i pagamenti ma anche la condivisione e quindi la presa di visione delle transazioni, poi diventata un must-have per i Millennials.

Anche per questo la società vanta una base di 192 milioni di clienti e volumi di transazioni che continuano a migliorare anche nell'ultimo trimestre con un +13%.

Intuit Inc. (NASDAQ: INTU)

Si tratta di un operatore leader in due rami, quello quello della contabilità e delle imposte per le piccole e medie imprese.
Due cose per la sicuerezza delle quali i clienti sono disposti a pagare in maniera costante. Per QuickBooks, il software per la contabilità delle piccole imprese, i ricavi hanno registrato i 2,3 miliardi di dollari e il reddito operativo è arrivato a 874 milioni di dollari nel corso degli ultimi 12 mesi.

Per quanto riguarda TurboTax, software specializzato nella gestione della fiscalità, i ricavi hanno raggiunto i 2 miliardi di dollari e l'utile operativo è stato pari a 1,3 miliardi mentre la fascia degli utenti a pagamento è passata da 25mila a 85mila nel corso degli ultimi 24 mesi.
Una nicchia molto importante quella degli utenti autonomi, spinti anche dalla diffusione dei servizi on demand. Il vero tesoro dell'azienda, però, sono i dati di cui è in possesso: recentemente ha stretto un accordo con American Express Company (NYSE: AXP ) per sfruttare proprio quei i dati contabili in modo da semplificare il processo per le erogazioni dei finanziamenti.
Fonte: News Trend Online

Nessun commento:

Posta un commento