-
.....................

PER MANTENERTI SEMPRE IN CONTATTO CON LATOOSCURO-TRADING.COM TWITT

martedì 8 novembre 2016

Investire in azioni con dividendi crescenti

Le azioni con dividendi crescenti dovrebbero essere inserite nei portafogli di coloro che desiderano crearsi una pensione integrativa, vista la loro track record di aumenti dei dividendi, senza precedenti, a prescindere dei mercati orso, delle preoccupazioni internazionali, o delle recessioni. Il 1° settembre, azioni o proprietà che posseggono fondi comuni di investimento immobiliare (REIT) sono stati istituiti come un settore separato del mercato azionario Standard and Poor.
Questo sarebbe dovuto essere una buona notizia, ma è in realtà non lo è ancora.
Il settore REIT ha guadagnato il 16% nel 2016 fino alla fine di luglio. Da allora, ha ritracciato ed ora è su solo del 2%. Ciò significa che le REIT sono diminuite del 14% negli ultimi tre mesi e molti investitori sono impauriti.

Se siete proprietari o desiderate avere delle REIT, questo potrebbe essere il momento giusto per sfruttare l’occasione ed avere azioni con dividendi.
In gran parte, questo autunno assomiglia molto a quello del 2015. I settori azionari, che sono visti come sensibili ai tassi di interesse, sono calati di valore sull’aspettativa di un rialzo dei tassi da parte della Federal Reserve.
L’anno scorso, la Fed ha aumentato i tassi nel mese di dicembre e il mercato ha corretto seriamente all’inizio del 2016. Quest’anno, con le REIT in calo mediamente del 12% dal picco di agosto, il mercato sta anticipando gli effetti di un rialzo dei tassi di interesse. Come spesso accade con le correzioni di mercato, sembra che i valori di queste azioni con dividendi siano scese anche troppo.

Diamo uno sguardo a ciò che è realmente accaduto ed accadrà con i tassi di interesse.
L’anno scorso, la Fed ha aumentato il tasso di sconto sui Fed Funds da zero fino allo 0,25%. Il tasso sui Fed Funds guida i tassi di interesse a breve termine, e lo 0,25% era ancora molto vicino allo zero.
E’ probabile che la Fed aumenti nuovamente il suo tasso di sconto dello 0,25% a dicembre. A quel punto, i tassi a breve saranno ancora a bassissimi a 0,50%. Questo livello di tassi non influenzerà i risultati di business di queste azioni con dividendi di qualità e non porterà gli investitori a vendere le loro azioni REIT con rendimenti molto più alti per comprare i certificati di deposito a un anno con tassi al di sotto dell’1%.
La curva dei rendimenti sul lungo termine, rende il tasso storico più interessante.

Un anno fa, decennale del Tesoro americano rendeva il 2,3%. Nel corso della prima metà del 2016, il rendimento a lungo termine è sceso al di sotto del 1,4%. Poi, nel corso degli ultimi mesi, il rendimento a 10 anni è salito di nuovo sopra 1,8%. Questo movimento del rendimento è relativamente grande, ma nel quadro più ampio, il tasso non è ancora molto al di sopra dei minimi record stabiliti all’inizio di quest’anno.
Anche in questo caso, un tasso di interesse a lungo termine a circa il 2% non influenzerà i risultati di business delle REIT in modo significativo.
Ecco alcuni titoli che meritano uno sguardo più da vicino:
Omega Healthcare Investors Inc.

(OHI)
 è una REIT del settore sanitario che aumenta il suo tasso di dividendo ogni trimestre. A metà ottobre, la società ha annunciato il suo 17° aumento di dividendo. Due mesi fa, OHI aveva uno yield del 6,3%. Ora, dopo il calo del prezzo delle azioni e l’annuncio di un dividendo più elevato, il titolo dà il 7,7%.
Realty Income Corp (O) è la REIT più popolare tra i singoli investitori.

Questa azienda ha pagato 555 dividendi mensili consecutivi e lo ha aumentato per 76 trimestri consecutivi. In occasione del recente picco del prezzo delle azioni, la società dava solo il 3,3%, ora cede il 4,14%.
EPR Properties (EPR) prima del calo aveva uno yield del 4,5% e ora rende il 5,4%.

EPR è stato un grande investimento sul lungo termine, e gli investitori devono essere pronti a comprare quando il prezzo delle azioni crollerà.
Azioni come Realty Income, Omega Healthcare e EPR Properties che non hanno tagliato i loro dividendi, pagano un elevato rendimento corrente, e hanno il potenziale di crescita del dividendo, dovrebbero essere parte integrante di un portafoglio costruito con una strategia di reddito, non prima però di essere ulteriormente analizzate da ogni investitore per capire se è il titolo giusto per lui.
Autore: Dominosolutions.it Fonte: News Trend Online

Nessun commento:

Posta un commento