-
.....................

PER MANTENERTI SEMPRE IN CONTATTO CON LATOOSCURO-TRADING.COM TWITT

giovedì 10 novembre 2016

Indici europei: la bussola Candle Model dopo le elezioni USA

La reazione scomposta della prima ora all’inatteso risultato delle presidenziali Usa hanno lasciato il posto alle intenzioni rialziste, ripristinate a stretto giro, in taluni indici europei: l’Eurostoxx 50 ed i principali indici Usa invece non hanno subito sbandate nella segnaletica operativa.
La situazione tecnica va comunque considerata relativamente fluida almeno sino a conclusione di ottava, alla rilevazione del bilancio settimanale, ed in rilevazione di eventuali ripensamenti rispetto all’ipotesi rialzista.

EUROSTOXX 50
Oggi iniziamo la nostra disamina della segnaletica Candle Model dall’Eurostoxx 50 che, diversamente dagli altri due indici qui osservati, non ha subito sbandate nella segnaletica operativa in corso, relativamente rialzista.
Partendo dalla traccia del Trend/segnale ricavato dal grafico a candele settimanali, proprio come per il Dax, l’ingresso nell’ultima parte di ottava trascorsa nello specchio di prezzi tra 2892 e 2951 aveva attivato un monitoraggio (sulle chiusure di sedute) per questa settimana che già con la chiusura di lunedì 7 novembre, a 3009, aveva reso effettiva la proposta di ripartenza del Modello di Boomerang superiore, con stop protettivo sin dall’inizio posto a 2890.
L’incursione ribassista della prima parte di ieri (9/11) non ha intaccato i parametri della proposta rialzista settimanale, così come ha resistito alla turbolenza il Trend/segnale di breve, ovvero ricavato dal grafico giornaliero dell’indice paneuropeo, che era tornato in proposta rialzista (anche qui in maniera concomitante al Dax) lunedì 7/11 alle 13:00, a 3006, in effettiva implementazione del Modello di StopTrend rialzista che la configurazione della candela del 4/11 con quella antecedente del  30/9 hanno individuato.
Stop protettivo (e revisione) dell’indicazione di breve rialzista attestato ancora a 2922, non intercettato dalla temporanea incursione ribassista di ieri.

DAX 
Per l’aggiornamento della segnaletica sull’indice tedesco va commentato il test con passaggio estemporaneo in area 10200 visto in apertura di seduta di ieri, 9/11.
Nella video-analisi di fine settimana scorsa avevamo individuato la presenza di un doppio monitoraggio in corso sull’indice tedesco, tanto del Trend/segnale giornaliero, quanto di quello settimanale, mancanti nella sostanza di rilevazioni in riavvio di contrattazioni settimanali idonee per considerare effettivo il ritorno in proposta rialzista. Tali evidenze (di momentum rispettivamente positivi) sono giusto arrivate in chiusura di lunedì 7/11 per il Trend/segnale settimanale, a metà giornata di lunedì stesso per quello giornaliero. Sono così scaturite due proposte rialziste nei due frame temporali del Dax, entrambe con protezione in area 10190.
Ieri mattina in apertura si è verificato uno dei due eventi che nell’analisi Candle Model suggeriscono di filtrare in modo minimo l’intercettazione di un livello che va a revisionare un Trend/segnale: l’apertura in significativo gap proprio nell’intorno del livello spartiacque.
Nel caso di ieri, già le evidenze a 5 minuti, e poi a salire nei frame superiori, hanno dato tempestivo responso circa la non effettività della violazione in debolezza di area 10190. In alternativa, ad un pedissequo abbandono di posizioni rialziste in area 10190 avrebbe  fatto seguito la raccolta di indicazioni/Modelli di rientro – a stretto giro − in proposta rialzista nel corso della giornata su tutti i frame intraday, sino a quello giornaliero, per dire che attualmente la lettura operativa di ricongiungerebbe comunque ad un Trend/segnale giornaliero rialzista, con stop sotto il minimo di ieri (9/11).
Eguale protezione è offerta al Trend/segnale settimanale del Dax, da considerare sopravvissuto all’incursione ribassista di ieri per le considerazioni suesposte, e comunque affiancato da una indicazione di rinnovo di indicazione rialzista con un eventuale passaggio al rialzo a 10830.
 
FTSE MIB
La nostra disamina della segnaletica Candle Model del Ftse Mib inizia con il Trend/segnale di breve, quello ricavato dal grafico a candele giornaliere dell’indice. Nella video-analisi di fine settimana trascorsa (https://www.youtube.co m/watch?v=mKPqvB0z3HM&index=30&list=PLea2j4q7ng3j-VUs7uP2Afmt8JRIxerQ3 ) avevamo ricavato l’opportunità di una presa di profitto in area 16250 rispetto ad una indicazione ribassista scaturita il 26 ottobre, con il proposito aggiuntivo di andare alla ricerca di nuove indicazioni direzionali che le candele/sedute successive avessero fornito.
Ebbene, una nuova indicazione direzionale è pervenuta in chiusura di ieri (9/11), con la formazione di un Modello di InverTrend rialzista (vedi figura qui sotto, che include l’indicazione della struttura A,B,C del Modello), con il contributo delle 3 sedute ultime, con stop (e revisione ribassista) appena sotto il minimo di ieri, cioè a 16220.
Il fatto interessante è che questa indicazione rialzista si innesta a questo punto con altri elementi depositati nel precedente Modello ribassista, un InverTrend con Boomerang inferiore (dal 26/10) che vede attivarsi a questo punto l’aspettativa collegata alla seconda parte del Modello medesimo, ovvero quella di un ritorno in area 17400, a completamento della traiettoria del Boomerang inferiore, per l’appunto, nel percorso di apprezzamento rappresentato nel grafico sottostante.
Si attiva a questo punto una considerazione conseguente, che investe il superiore Trend/segnale settimanale, divenuto ribassista dal 31/10 (in video-analisi del 5/11), che a questo punto viene declassato in FLAT/neutrale in virtù dell’indicazione rialzista di breve appena pervenuta, sopra commentata. Per il Trend/segnale settimanale, a questo punto si potrà dare o meno una nuova valorizzazione direzionale a partire dalle evidenze di chiusura della presente ottava.
 
 
Indice FTSE MIB: grafico giornaliero e settimanale – Trend/segnale in corso − fonte grafico: Visual Trader
 
Autore: Giacomo Moglie  www.selftrading.it/

Nessun commento:

Posta un commento