-
.....................

PER MANTENERTI SEMPRE IN CONTATTO CON LATOOSCURO-TRADING.COM TWITT

mercoledì 23 novembre 2016

Generali: target confermati. Cosa ne pensano gli analisti?

Il mercato reagisce male questa mattina alle novità venute dall'Investor Day di Generali (-4,215 alle 12:30), nel corso del quale l'amministratore delegato Philippe Donnet ha confermato l'intenzione di seguire, nel segno della continuità, le strategie industriali messe a punto un anno e mezzo fa dall'ex Mario Greco.
L'AD non ha nascosto, nel confermare gli obiettivi previsti nel piano 2015-2018, le difficoltà prodotte per il gruppo da "un contesto macroeconomico progressivamente peggiorato negli ultimi 18 mesi" e da "un elevato grado di incertezza sulle prospettive future dei mercati."
Restano comunque invariati i target strategici e finanziari al 2018 e si conferma la volontà di uscire da mercati poco "attrattivi” per concentrarsi sul consolidamento della posizione nei mercati in cui è già solida la presenza del gruppo.

I numeri

Generali conferma tanto l'obiettivo di 7 miliardi di euro di generazione di cassa previsti dal precedente piano, quanto gli oltre 5 miliardi di dividendi aggregati, a fronte di una previsione della redditività media sul capitale (Roe) superiore al 13%.
Circa un miliardo di euro di liquidità dovrebbe derivare inoltre dall’uscita da mercati poco redditizi, Guatemala e Lichtenstein, da programmi per aumentare del 15% la produttività e da risparmi dei costi operativi nei mercati maturi: si prepara un percorso di ristrutturazione e semplificazione, con l'obiettivo di una riduzione netta dei costi pari a 200 milioni di euro nel triennio 2016-2019.
Vengono comunque smentisce le voci circolate nelle scorse ore su un piano di tagli del personale per 8000 unità.

“Non ci sono esuberi," ha precisato Donnet, "non ci sono piani di ristrutturazione del personale e, peraltro, l'Italia ha già fatto la sua parte in quanto negli ultimi anni ha già compiuto il suo percorso di efficientamento."
"Il nostro obiettivo," ha annunciato, "è la leadership nei Paesi dove operiamo, misurata non sulla dimensione ma sulla profittabilita"
Sulla vicenda dei bond Mps, l'AD ha specificato che l'atteggiamento di Generali è "molto positivo" e che il gruppo intende "partecipare a una soluzione", ma che ogni mossa dipenderà comunque dai "termini della conversione". 

La view di Banca Akros

Giudicano positivamente le comunicazioni venute dal management di Generali gli analisti di Banca Akros, che confermano una raccomandazione "Accumulate" con target price a 13,4 euro. 
Secondo la casa d'affari, i target prospettati dal management superano le stime degli analisti ed è da considerare inoltre che il titolo Generali offre una valutazione migliore rispetto ai concorrenti.

Per Equita Sim il titolo resta Hold

Confermano la propria view sul titolo Generali anche gli analisti di Equita Sim, che mettono in evidenza stamane nella loro aggiornamento sul titolo la "assoluta continuita" sia nella strategia prospettata che dal punto di vista quantitativo.
Per la Sim milanese, la gestione operativa vedrà Generali impegnata nello sviluppo ulteriore di soluzioni innovative nel segmento "Danni", che possano confermare l'eccellenza nella gestione tecnica.
Quanto al ramo "Vita", il gruppo premerà maggiormente sulla promozione di prodotti a minor assorbimento di capitale, che prevedano minimi garantiti più bassi e "fee based".
Gli esperti optano dunque al momento per una conferma del rating 'Hold', mantenendo invariato il target price a 15 euro già fornito nella precedente stima.
Sul contesto di mercato concentrano infine la loro analisi gli esperti di Icbpi, secondo i quali la possibilità di un recupero delle quotazioni rispetto agli attuali livelli depressi dipenderanno in buona parte dal miglioramento dello scenario esterno, specie sul fronte dei rendimenti di mercato.
Per il resto Icbpi si associa ai colleghi nel giudicare i nuovi target sostanzialmente in linea con quelli prospettati dal piano industriale originario dell'ex AD Mario Greco. 

Fonte: News Trend Online

Nessun commento:

Posta un commento