-
.....................

PER MANTENERTI SEMPRE IN CONTATTO CON LATOOSCURO-TRADING.COM TWITT

martedì 22 novembre 2016

FIB: operatività valida per la giornata


Oscillatori: la condizione di ipervenduto grave del RSI ha contribuito a fermare la discesa in atto da alcuni giorni sul nostro mercato, permettendo una fase di recupero marginale in close per la seduta appena conclusa. Pericolosa, presumibilmente, una nuova discesa sotto i minimi di brevissimo termine, mentre un break sopra area 16400 potrebbe favorire qualche ulteriore allungo (in caso di gap-up la situazione andrà rivista su base intraday).
Lo Stocastico rimane incrociato al ribasso con la sua media mobile e sotto la sua mediana, avvicinandosi in modo deciso ai valori di ipervenduto lieve ma rimanendo, potenzialmente, in condizione di positività generale da area 16700 circa.
Volumi: si è attivata una vendita in close di seduta in area 16300 ma, essendo ad alto rischio operativo, ha uno stop cautelativo iniziale leggero appena sopra 16400/16450.

Operatività su base grafica

Il mercato ha raggiunto perfettamente l’obiettivo primario identificato a 16000-16050 punti.

Per la prossima seduta: 16150-16550 potrebbe ora essere la nuova area di riferimento e, in base all’apertura, l’eventuale rottura direzionale potrà identificare nuovi target a 15950/16000 al ribasso o, viceversa, a 16700/16750 al rialzo.

Operatività su base statica

Come atteso, la rottura sotto 16330/16340 ha favorito ulteriori affondi permettendo il raggiungimento dell’obiettivo minimo indicato a 16150 (anche minimo di periodo).
Ulteriori livelli inferiori, eventualmente, si rileveranno a 15915 e 15770 punti circa, mentre al rialzo le prime resistenze saranno valide a 16510 e 16740 punti.
Per il medio termine: la situazione rimane identica ormai da diversi mesi dopo la condizione di debolezza generatasi con il break ribassista di conferma anche sotto area 16900 punti (precedenti rotture consolidate sotto 21350 e 19600 punti).

Primo obiettivo a 15800/15900 circa, raggiunto con precisione e, qualora cedesse anche questo livello, a 14800 punti circa.

Operatività su base dinamica

La fascia di prezzi indicata tra 16160 e 16290 è stata centrata ancora una volta dai minimi intraday e, anche in questo  caso, i venditori non sono stati sufficientemente decisi per avere la meglio, situazione che ha portato a un rimbalzo in chiusura dopo aver sfiorato anche area 16000 punti.
Per la prossima seduta: un nuovo break direzionale ribassista potrebbe essere rischioso e portare a nuovi ribassi mentre in caso di apertura sopra 16310 l’eventuale break di area 16400/16450 potrebbe favorire un nuovo recupero, con supporto a 16150/16200, nel caso.

Trend presunto di breve termine e operatività su base ciclica

Trend grafico di brevissimo termine: flat; supporto a 16160 (perfettamente centrato) e resistenza a 16540.
Trend di breve termine: flat; supporto a 16160 e resistenza a 16755.
Ciclico-prezzi: il Minor-Trend è ora short da 16230 con primo livello di resistenza a 16530 punti circa.

Main-trend flat. 
Autore: Marco Benzoni Fonte: News Trend Online

Nessun commento:

Posta un commento