-
.....................

PER MANTENERTI SEMPRE IN CONTATTO CON LATOOSCURO-TRADING.COM TWITT

venerdì 4 novembre 2016

Facebook vince sui conti ma non convince il mercato. Perchè?


Il paradosso di chi ha abituato il mercato a performance spettacolari. Una sorta di “Sindrome da Apple” che potrebbe essere deleteria e che, a quanto pare, sta coinvolgendo sempre più spesso i titoli del settore tecnologico.

Il caso Facebook

L’ultimo caso è quello di Facebook: il padre di tutti i social ha pubblicato il resoconto sui suoi conti trimestrali, resoconto che ha evidenziato come ormai la piattaforma sia sempre più vicina ai 2 miliardi di utenti.

Il cammino verso al cifra tonda, adesso, si è fermato a circa 1,8 miliardi ma non è il solo dato incoraggiante. Ad aiutare, e non poco, sono anche i 2,4 miliardi di dollari di guadagni e l’entrata in scena dei video in diretta. Proprio sui video il numero uno di FB, Marck  Zuckerberg ha dichiarato di puntare per gli sviluppi futuri volendo porre le dirette al primo posto delle applicazioni per gli utenti appoggiato, in questo caso, anche da Instagram, l’app specializzata nelle foto ma che adesso ha anche lei una finestra sui video.  Ma il ventaglio di colonne portanti del gruppo è ampio e ben fornito se si pensa a nomi come  WhatsApp e Messenger (vicine al miliardo di utenti), la già citata Instagram con i suoi 500 milioni presto in corsa con nuovi filtri ed effetti speciali per riuscire a far concorrenza a Snapchat a sua volta intenzionata a sbarcare in borsa.  Guardando al lato finanziario c’è da segnalare i 2,4 miliardi di dollari di guadagno pari a uno straordinario +166% rispetto ai 896 milioni dello stesso periodo del 2015 e entrate che alla voce pubblicità vedono un + 59% a 6,816 miliardi.
Anche sul fronte degli utenti attivi si vede un costante progresso pari a +17% per quelli giornalieri anno su anno con la fascia del mobile che campeggia al primo posto tra gli accessi (+ 22%) mentre per quelli attivi mensilmente si arriva a +16%.

Ma dove sarebbe il paradosso? 

Il paradosso si trova nel fatto che tutto questo non è ancora sufficiente per evitare vendite sul titolo.

Il motivo? Il mercato della pubblicità televisiva, solo negli Usa arriva a sfiorare i 70 miliardi di dollari, ma tra le voci in aumento il News Feed non avrà grande impatto nella crescita futura. In altre parole: quello che tutti cercano è l'unica voce che non avrà grande forza per Facebook.
Una situazione che contrasta, invece, con la view degli analisti: per Credit Suisse il rating è Outperform con un target a 170 dollari confortato anche da Merrill Lynch che ha ribadito il rating Buy e 150 dollari come prezzo obiettivo.
Fonte: News Trend Online

Nessun commento:

Posta un commento