-
.....................

PER MANTENERTI SEMPRE IN CONTATTO CON LATOOSCURO-TRADING.COM TWITT

martedì 1 novembre 2016

Enel: bene il riassetto in America Latina. Ottimisti i broker


Arriva al giro di boa delle 12:30 con un buon rialzo il titolo Enel, che sopraperforma un Ftse Mib poco tonico e fermo poco sopra la parità (+0,11% a 17143 punti). 
Il titolo della società , che si è spinto in mattinata fino a un massimo intraday a 3,98, viaggia al momento a 3,96 euro, in rialzo dell'1,22% e con oltre 9 milioni di pezzi scambiati, circa un terzo dei volumi di scambio giornalieri registrati negli ultimi tre mesi e parti a circa 30 milioni di pezzi.

Il riassetto societario in America Latina

La performance di questa mattina è in parte spiegabile con i commenti positivi giunti nelle scorse ore dagli analisti sulla conclusione del piano di riorganizzazione degli asset del gruppo in America Latina. 
L'ultimo passaggio, reso possibile dalla scadenza dei termini per l'esercizio di recesso, è la fusione tra Endesa Americas e Chilectra Americas.

Arriva a conclusione anche l'opa sulle minoranze della società Endesa Americas, il cui esito verrà esposto in dettaglio nei prossimi giorni.

La view di Equita Sim

E le novità arrivata da oltreoceano hanno spinto diversi analisti a valutare l'impatto del nuovo riassetto sul titolo della società guidata da Francesco Starace. Per gli analisti di Equita Sim, "si tratta di una notizia positiva per Enel, che porta a casa un'operazione davvero complessa", grazie alla quale la società potrà risparmiare nei prossimi anni tra i 400 e i 500 milioni di euro.
Dalle nuove operazioni deriveranno inoltre, secondo quanto si legge nella nota, "una maggiore visibilità dell'equity story del gruppo, benefici sul refinanziamento, sopratutto per gli asset cileni, e un maggiore efficientamento della struttura fiscale visto che non ci sarà più una doppia tassazione"
Gli esperti della Sim milanese ribadiscono dunque la raccomandazione buy sul titolo Enel con un prezzo obiettivo di 4,7 euro.

Berengerg alza il target price

Un miglioramento delle stime arriva oggi anche dagli esperti di Berenberg, che in un report diffuso oggi confermano il rating buy e alzano il prezzo obiettivo su Enel da 4 a 4,50 euro, con possibilità per Enel di raggiungere nello scenario migliore quota 5,64 per azione, prezzo che equivarrebbe a un rialzo del 43% rispetto alle valutazioni correnti.
Il broker rivede le stime sull'ebitda (14,9 miliardi rispetto ai 15,297 miliardi del 2015), ebit (9,131 miliardi quest'anno dai 7,685 miliardi del 2015), eps (0,31 euro nel 2016) e dividendo (0,17 euro per azione sul bilancio 2016, 0,16 euro sul bilancio 2015).
Le nuove stime di Berenberg implicano una previsione rispetto all' utile per azione per gli anni dal 2017 al 2019 superiore rispettivamente del 5%, del 9% e del 18% nel confronto con le valutazioni del consenso.
Per gli esperti, il ciclo che ha visto ridursi l'eps di Enel del 66% dal 2009 al 2015 si è adesso verosimilmente concluso e ed è adesso prevedibile "un tasso di crescita medio annuo dell'eps dell'8% nel periodo 2016-2020".
 Infine, Berenberg evidenzia il fatto che i multipli sono in questo momento ai minimi storici e si aspettano un trend in rialzo per i dividendi. 

La conferma di Banca Akros 

Manifestano infine soddisfazione per la conclusione del piano di riorganizzazione in America Latina anche i colleghi di Banca Akros, per i quali "l'esito positivo di questo processo rappresenta un aspetto fondamentale dell'equity story di Enel."


Fonte: News Trend Online

Nessun commento:

Posta un commento