-
.....................

PER MANTENERTI SEMPRE IN CONTATTO CON LATOOSCURO-TRADING.COM TWITT

venerdì 4 novembre 2016

Azioni sottovalutate con forti catalizzatori in arrivo

I 2 titoli di seguito indicati, potrebbero ottenere una spinta dai forti catalizzatori in arrivo. Ormai l’anno sta per concludersi, e siamo a meno di una settimana dalle elezioni conviene investire in titoli ?. Il 2016, da un punto di vista degli investimenti, è stato simile al 2015, ma con una maggiore volatilità.
Gli indici di mercato sono prevalentemente saliti, ma gli investitori continuano ad essere ossessionati dalla prossima mossa della Federal Reserve, l’economia continua a zoppicare, e c’è poco in termini di crescita delle entrate o degli utili all’interno del mercato globale.
Il terzo trimestre ha fatto vedere un PIL migliore, ma l’economia è cresciuta ad ritmo anemico del 1,5% nel corso dell’ultimo anno.

E’ difficile fare previsioni, soprattutto per il futuro, tuttavia, ci sono un paio di temi, che penso possano dare una mano al mercato il prossimo anno.
I titoli Biotech potrebbero riprendersi.
Dopo il primo dibattito presidenziale e alcuni casuali video datati più di dieci anni fa, che hanno messo in evidenza il comportamento maleducato del sig.
Trump, sembrava fosse possibile che i democratici riuscissero a fare piazza pulita alla Camera, al Senato, e alla Casa Bianca il prossimo 8 novembre nonostante i giudizi negativi sulla signora Clinton. Questo avrebbe dato un’enorme influenza all’ala Sanders e Warren del partito. La loro concentrazione sui settori farmaceutici e biotecnologici, la retorica e il tweet sul prezzo dei farmaci, sono ben noti e hanno portato più di un amministratore delegato di case Pharmaceutiche davanti ad una sottocommissione del Congresso.
Questo è stato il driver primario del calo del 10%, che il settore biotech ha sperimentato nel mese di ottobre.

Il settore è attualmente giù del 35% dal suo ultimo picco durante l’estate del 2015.
Tuttavia, la corsa presidenziale era già in bilico prima della bomba del FBI di Venerdì scorso che stavano riaprendo le indagini sullo scandalo e-mail della Clinton. La Camera probabilmente rimarrà in mani repubblicane e il Senato siamo per ora su un 50/50.
Se dovesse esserci un governo misto il 9 novembre, mi aspetterei un rally di fine anno per il settore, visto che le modifiche legislative che avrebbero potuto influenzare negativamente le industrie biotecnologiche e farmaceutiche saranno in gran parte fuori dal tavolo delle discussioni. Se invece, i repubblicani riuscissero a trattenere la Camera e il Senato, il rally potrebbe essere notevole.
Le occasioni prosperano nel settore visto che i grandi nomi vendono a loro più bassi livelli di valutazione di almeno cinque anni.

Molte le small cap che sono diminuite dal 25% al 30% in ottobre per nessun altro motivo che il sentimento triste sul settore. Nella prima categoria, troviamo Celgene (CELG) ai livelli attuali. Questo vigoroso biotech ha facilmente battuto le aspettative con la sua relazione trimestrale la scorsa settimana grazie ad un impulso migliore del 25% su base annua dei ricavi.
Meglio quindi investire in titoli scambiati con forte sconto per la loro traiettoria di crescita a lungo termine.
Celgene Corp. è una società biofarmaceutica integrata e globale impegnata principalmente in ricerca, sviluppo e commercializzazione di terapie per il trattamento delle neoplasie e delle patologie infiammatorie attraverso la regolazione dei geni e delle proteine.

E’ stata fondata da David Stirling e Sol Barer nel 1986 e ha sede a Summit, New Jersey.
Il prezzo del petrolio dovrebbe aumentare nel 2017.
Dopo essere precipitato da oltre $ 100 al barile, nell’estate del 2014, il petrolio ha toccato il fondo di $ 20 dopo la vendita da panico che ha aperto il 2016.
Nel corso degli ultimi sei mesi più o meno, il petrolio è scambiato in un range relativamente stretto tra i $ 40 e i $ 50 al barile. Sia il supporto che la resistenza di questo range sono stati testati più volte nei mesi precedenti, ma questo sembra essere l’intervallo in cui rimarremo almeno fino a fine anno prima di investire in titoli.
Purché non si veda una recessione globale nel 2017, il greggio dovrebbe probabilmente salire un pò più in alto.

Centinaia di miliardi di dollari di progetti a lungo termine sono stati accantonati, rinviati o annullati nel corso degli ultimi due anni, dato che i produttori hanno ridotto i budget per gli investimenti. Inoltre, l’enorme calo dei prezzi del petrolio hanno gravemente ferito le finanze degli Stati produttori di petrolio.
Pensiamo che il tanto sperato accordo, di cui tanto si è parlato, “il congelamento della produzione” tra le nazioni dell’OPEC e la Russia verrà ratificato presto nel 2017.
Pensiamo che dovremmo vedere una rottura al rialzo dalla sua recente gamma, nella prima metà del 2017.

Non ci aspettiamo che il petrolio possa arrivare vicino ai livelli che abbiamo visto nel recente passato, però. I produttori di scisto nordamericani sono diventati i “produttori alternativi” nel mercato globale. Hanno ridotto drasticamente i costi di produzione e possono mettersi in moto in tempi relativamente brevi.
Detto questo, io non sarei sorpreso se il petrolio oscillasse in un range tra i $ 60 e i $ 75 nel 2017.
Questo dovrebbe essere di grande aiuto per investire in titoli del settore esplorazione ed estrazione, soprattutto quelle con una buona superficie estrattiva, cariche di debito relativamente bassi e attraenti costi operativi.

Un produttore ben posizionato potrebbe essere Synergy Resources (SYRG). La società ha grande superficie, bassi costi e ha visto anche l’acquisto delle sue azioni di recente da parte di insiders.
Synergy ha anche ottenuto diversi buy da analisti nell’ultimo mese.
Synergy Resources Corp. è una società di esplorazione ed estrazione di petrolio e gas naturale. La società è stata fondata il 11 Maggio 2005 e ha sede a Denver, CO.
Quello che dovete fare, cosi come ogni altro investitore in questo contesto di mercato è acquistare i titoli con le migliori prospettive di crescita per i prossimi 10 anni.

Sembra un gioco da ragazzi, ma anche con la nostra ultra decennale carriera di analisti, servono giorni o settimane per trovare la giusta azione e analizzare le sue prospettive.
Come dice John Allen Paulos:
L’incertezza è l’unica certezza che ci sia, e saper convivere con l’insicurezza è l’unica sicurezza.
Se tutto va bene, investire in titoli nel corso del prossimo anno potrebbe avere un valore significativamente più elevato rispetto a quello che attualmente commerciano.

Ogni azione ha importanti, eventi aziendali in via di definizione che, se positivi, renderebbero il loro business molto più prezioso.
Autore: Dominosolutions.it Fonte: News Trend Online

Nessun commento:

Posta un commento