-
.....................

PER MANTENERTI SEMPRE IN CONTATTO CON LATOOSCURO-TRADING.COM TWITT

venerdì 25 novembre 2016

Atlantia: apprezzate operazioni sui bond. I broker dicono buy


Quest'ultima seduta della settimana prosegue all'insegna della debolezza per Atlantia che si mantiene poco al di sotto della parità, complice l'incertezza palesata dall'indice di riferimento. Il titolo, che perde terreno per la terza seduta consecutiva, dopo aver chiuso la giornata di ieri con un ribasso di circa un punto percentuale, quest'oggi passa di mano a 19,54 euro, con un calo dello 0,36% e oltre 1,5 milioni di azioni scambiate fino ad ora, rispetto alla media giornaliera degli ultimi tre mesi pari a circa 2 milioni di pezzi.

Buy-back su 3 bond per 2,75 mld di euro.

Nuovi bond per 600 mln

Ieri la controllata Autostrade per l'Italia ha lanciato un'operazione di riacquisto parziale di 3 bond con scadenza 2017-2020 per complessivi 2,75 miliardi di euro. 
Contestualmente la società ha emesso un bond da 600 milioni di euro, con scadenza febbraio 2027 e un rendimento effettivo a scadenza pari all'1,853%, ossia 120 punti base sopra il tasso di riferimento mid-swap.

L'analisi delle banche d'affari e i giudizi sul titolo

Per gli analisti di Equita SIM si tratta di un costo medio in linea con la loro stima di rifinanziamento all'1,8%, ma va sottolineato la rilevante crescita degli spreads per Atlantia, il cui bond con scadenza 2025 ha visto l’allargamento dello spread sul mid-swap da 40 a 100 punti base.
Confermata la view positiva sul titolo che per la SIM milanese resta da acquistare con un prezzo obiettivo a 25,7 euro.
Una strategia condivisa dai colleghi di Icbpi che fissano un target price meno elevato a 24,1 euro.

Gli analisti fanno notare che le operazioni annunciate da Atlantia rientrano nell'ambito della strategia di "Liability management del gruppo, finalizzata ad ottimizzare le scadenze e il costo dell'indebitamento attuale.  
Un invito all'acquisto arriva anche da Banca IMI che su Atlantia ha un fair value a 29,2 euro.
Per gli analisti le operazioni di rifinanziamento seguono quelle già promosse da altri gruppi italiani come Enel, Hera, Iren e Salini Impregilo, e permettono ad Atlantia di fissare una scadenza media più lunga e un giusto costo del debito.  
Ad apprezzare il basso costo del bond è Banca Akros che suggerisce di accumulare il titolo in portafoglio con un target price a 27 euro.
Per Mediobanca invece Atlantia è destinata a sovraperformare il mercato, con un fair value a 27,4 euro.

Gli analisti accolgono con favore il buyback dei 3 bond in quanto contribuisce alla riduzione del costo del debito e conferma l'ottima reputazione di Atlantia sui mercati del credito, il suo forte impegno per la ristrutturazione del debito per ridurre il costo complessivo nel lungo termine e la capacità del gruppo di emettere a rendimenti inferiori a quelli sovrani italiani.
Questo dimostra che Atlantia non sembra essere condizionata dall'aumento dei tassi di interesse che si è avuta in seguito alla vittoria di Trump negli Stati Uniti e che ha portato ad un forte sell-off su tutte le azioni del settore delle infrastrutture.
Fonte: News Trend Online

Nessun commento:

Posta un commento