-
.....................

PER MANTENERTI SEMPRE IN CONTATTO CON LATOOSCURO-TRADING.COM TWITT

mercoledì 2 novembre 2016

5 buy immediati sulle telecomunicazioni


AT&T Inc. (NYSE: T)

Dopo un rally estremamente interessante, partito già da inizio anno, il più grande fornitore al mondo di pay tv che vanta una clientela divisa tra Stati Uniti e 11 paesi latino-americani ha rallentato la sua corsa ma non per questo è uscito dalle preferenze degli esperti come Lee Jackson. Le sue azioni sono particolarmente a buon mercato visto che vengono scambiate a 14,3 volte le stime 2016 sui guadagni, il tutto mentre l'azienda continua ad espandere la sua base di utenti, sia sul settore mobile che su quello, più difficile, della telefonia fissa.

Come fa notare l'analisi, AT & T ha diversi catalizzatori importanti che probabilmente guideranno una forte domanda di traffico sulla rete nell'immediato futuro: dopo l'acquisizione di DirecTV con "Data-Free TV" e le nuove offerte per gli utenti, è arrivata anche l'acquisizione di Time Warner per 80 miliardi di dollari, il che permette alla società di chiudere il cerchio su tutta la rete dell'offerta per le telecomunicazioni.
Per questo motivo sono in molti a Wall Street a credere che la società sia ben posizionata per affrontare le nuove esigenze e le future sfide del traffico Internet grazie all'implentazione tecnica su tutta la sua rete. A questo si aggiunga l'ultimo vantaggio dato dal dividendi di AT & T che è del 5,33%.

CBS Corp.

(NYSE: CBS)

Reduce da un rimbalzo che potrebbe offrire ancora nuovi rialzi, la società televisiva vanta una grande e soprattutto diversificata offerta al pubblico sui vari settori dell'intrattenimento, compresa l'offerta sportiva. Da un punto di vista strettamente finanziario, il gigante è al centro di una vasta operazione di buyback che potrebbe ridurre del 25% la quantità di azioni sul mercato, nel corso dei prossimi due anni.
La vendita delle licenze di programmazione e la pubblicità hanno permesso un rialzo degli utili del terzo trimestre che ha battuto le stime di consenso, nonostante una leggera perdita sul fronte delle entrate. A questo sia ggiunga un dividend yield dell'1,27%.

Comcast Corp.

(NASDAQ: CMCSA)

Specializzato nella fornitura di video e accesso a internet ad alta velocità, l'azienda è anche fornitore di telefonia fissa per clienti residenziali con il marchio XFINITY. I sui punti di forza sono gli investimenti per migliorare la velocità della propria rete di trasmissione ma anche una crescita delle strategie di buyback e i conti che vedono una continua crescita di ricavi e guadagni, due voci, queste ultime, che gli analisti vedono in aumento nel prossimo futuro con l'aggiunta dell'offerta sportiva.

Ultima nota positiva del report, un dividend yield dell'1,7%.

Walt Disney Co. (NYSE: DIS)

Attualmente le azioni sono leggermente in calo, il che permetterebbe agli investitori di avere un'interessante finestra d'ingresso che potrebbe presto sfruttare il miglioramento in arrivo del business riguardante gli studi cinematografici, i parchi a tema e anche l'entrata in scena dell'offerta sportiva, una tematica sulla quale la Disney punta molto.

In particolare il segmento di Disney Media Networks gestisce le reti di radiodiffusione e televisione via cavo, stazioni televisive nazionali Usa oltre a gestire le aree di produzione e distribuzione. Il dividend yield è dell' 1,51%.

Verizon Communications Inc. (NYSE: VZ)

Azioni in calo con un prezzo interessante per un dividendo particolarmente alto di un'azienda leader globale nella fornitura di servizi su tutto il mondo digitale.
A Verizon Wireless si appoggiano servizi di comunicazione, informazione e intrattenimento su una rete nazionale a fibre ottiche tra le più avanzate tecnologicamente. La società ha registrato solidi guadagni del terzo trimestre e operazioni di acquisizione tra le quali quella di Yahoo! per 4,8 miliardi di dollari in contanti, una mossa, quest'ultima, che gli analisti ritengono ininfluente per il lato finanziario, non avendo impatto sui conti, ma strategica per Verizon che vuole espandersi nel settore della pubblicità e dei contenutiUltima nota, il dividend yield del 4,8%.

 
Fonte: News Trend Online

Nessun commento:

Posta un commento