-
.....................

PER MANTENERTI SEMPRE IN CONTATTO CON LATOOSCURO-TRADING.COM TWITT

martedì 29 novembre 2016

3 azioni consigliate da Jefferies per un rally di fine anno

Dopo il rally post-elezione e con i 4 principali indici Usa che hanno testato nei giorni scorsi insieme i massimi di un anno come non accadeva dal 1999, è l'idea di Lee Jackson, diventa necessario trovare, tra i titoli con una solida raccomandazione d'acquisto, quelli che promettono i migliori potenziali di rialzo.
Il rischio dietro l'angolo? Quello di scegliere dei nomi che potrebbero arrecare brutte sorprese se il mercato inciampa. Per orientarsi allora tra le scelte disponibili, Lee Jackson prende in mano, sulle pagine di 24/7 WallSt, una nuova nota degli analisti di Jefferies, che si concentra sui titoli 'buy' ('acquistare') più promettenti alle valutazioni attuali.

Vediamoli.

Twenty-First Century Fox Inc. (NASDAQ: FOXA) 

Il primo nome estratto da Lee Jackson tra i titoli con le più attraenti valutazioni nella lista della spesa di Jefferies c'è il colosso dell'entertainment USA Twenty-First Century Fox Inc.
Le azioni della società, ricorda Jackson, sono rimaste indietro rispetto alla concorrenza e al mercato nel suo complesso e potrebbero dunque rappresentare una buona scommessa ai livelli di prezzo correnti. I pregi del gruppo: diversificazione e asset ben bilanciati e con alti livelli di crescita.

"Riteniamo" scrivono gli analisti di Jefferies, "che la società sia ben posizionata per sovraperformare il mercato nell'esercizio 2017. Ci aspettiamo che il ritmo di crescita sul mercato internazionale superi la crescita complessiva: mentre il mercato internazionale contribuisce per il 17% all'ebitda nel 2016, prevediamo un'espansione al 28% nel 2020." Quanto ai multipli: "Il titolo scambia 7,8 l'ebitda 2017, sotto la media di 10,2 e a sconto del 16% rispetto ai concorrenti." Jefferies fissa il target price sul titolo a 35 dollari, che implica un potenziale di rialzo di oltre il 23% rispetto alle quotazioni attuali (28,31 dollari alla chiusura di ieri).

DTE Energy Inc.

(NYSE: DTE)

Da comprare per gli esperti di Jefferies è anche DTE Energy Inc., utility company con sede a Detroit che ha già messo a segno un ottima performance nel 2016 e promette di far bene anche nell'esercizio 2017. Con un portafoglio ben diversificato, la società opera principalmente attraverso le due sussidiarie DTE Energy Electric Company e DTE Gas Company e possiede gasdotti, sedi di stoccaggio e servizi di commercializzazione di energia.
Quanto alle politiche di redistribuzione degli utili agli azionisti, DTE ha recentemente annunciato un dividendo trimestrale di 0,825 dollari per azione, che rappresenta un incremento del 7,1% della cedola rispetto al trimestre precedente e riflette le buone aspettative del management rispetto alla crescita futura.

Da non sottovalutare che DTE Energy ha pagato dividendi agli investitori per oltre 100 anni, che attualmente possono contare su un dividend yield del 3,51%. Jefferies ha da poco avviato la copertura sul titolo con una raccomandazione buy e target price a 102 dollari (le azioni di Dte passavano di mano alla chiusura di ieri a 95,80 dollari).

Hewlett Packard Enterprise Co.
(NYSE: HPE)

L'ultima indicazione d'acquisto  selezionata da Lee Jackson tra i titoli 'buy' di Jefferies è Hewlett-Packard Enterprise Co., la società nata dallo spin off dello scorso anno dalla casa madre Hewlett Packard (NYSE: HPQ) e in cui sono confluite tute le attività enterprise del gruppo.

La società, che vanta uno dei più ricchi portafogli tra i titoli del comparto, dalle nuove tecnologie cloud ai datacenter, ha annunciato all'inizio di quest'anno una nuova partnership con Microsoft per offrire le innovazioni del cloud attraverso la piattaforma Microsoft Azure e le infrastrutture e i servizi di HPE.
"Consideriamo attraente" scrivono gli analisti di Jefferies "l'attuale valutazione dal momento che la società scambia ~5 volte l'Enterprise Value sulla base delle stime di ebitda 2018." Il target price fornito di Jefferies è di 27 dollari, a fronte di una chiusura ieri a 23,34 dollari. 

Fonte: News Trend Online

Nessun commento:

Posta un commento