-
.....................

PER MANTENERTI SEMPRE IN CONTATTO CON LATOOSCURO-TRADING.COM TWITT

venerdì 18 novembre 2016

3 azioni che Warren Buffett stamettendo in portafoglio


Warren Buffett, è l'idea di Todd Campbell, è uno dei migliori investitori di sempre, e dunque tenere d'occhio la sua attività d'investimento può essere un ottimo modo per scoprire nuove idee per il proprio portafoglio. Come farlo? Semplice. I grandi investitori come Buffett devono inoltrare ogni trimestre un report alla Sec (l'equivalente statunitense della Consob) con il dettaglio di ciò che hanno comprato e venduto nei tre mesi precedenti.
Ecco allora cosa si ricava dall'ultima documentazione, che ha riservato al pubblico degli addetti ai lavori qualche sorpresa.

Visa (NYSE: V)

Dai dati della Sec viene fuori che la Berkshire Hathaway, creatura di Buffett, ha aggiunto alla propria quota in Visa 323mila nuove azioni, che implicano un incremento del 3% della propria posizione rispetto al trimestre precedente.

Il totale delle azioni detenute da Buffett ammonta ora a 10,6 milioni di azioni, per un valore di 828 milioni. Un segnale, suggerisce Campbell, che Buffett, insieme a Ted Weschler and Todd  Combs - i due co-manager che gestiscono il portafoglio della Berkshire - pensano che la transizione dal contante ai pagamenti con carta di credito non sia ancora finita.
Negli ultimi dieci anni, un'esplosione dei pagamenti online ha spinto i volumi delle transazioni, e il risultato è che i ricavi di Visa sono cresciuti da 3 a 15 miliardi. Quanto all'ultimo trimestre, l'ammontare dei pagamenti è cresciuto del 10% a 1300 miliardi e i ricavi sono migliorati del 19% a 4,3 miliardi.

Il net income adjusted del quarto trimestre fiscale è stato di 1,9 miliardi.

Phillips 66

Phillips 66, ricorda Campbell, è diventato col tempo uno dei più grossi investimenti della Berkshire, e nell'ultimo trimestre il team di Buffett ha aggiunto un altro 2,4% alla sua posizione.
L'ammontare totale della quota raggiunge così l'impressionante cifra di 6,7 miliardi di dollari, pari a 80,7 milioni di azioni. La spiegazione dell'interesse di Buffett per il titolo è probabilmente da legare, suggerisce Campbell, al fatto che i ricavi di Phillips 66 non sono legati al segmento esplorazioni.

Il business della società è legato alla raffinazione del greggio e gas naturale e commercializzazione dei raffinati. E questa assenza dal mercato dell'esplorazione l'ha tenuto al riparo dai grossi problemi legati al calo dei corsi del petrolio che hanno afflitto il settore. Nel terzo trimestre, l'utile adjusted ssi è attestato a 556 milioni e dall'inizio dell'anno l'utile ammonta a 1.4 miliardi.
Tra l'altro, la capacità del gruppo di generare reddito anche in un contesto sfavorevole suggerisce che se il clima nel mercato dell'energia dovesse cominciare a mostrarsi un po' più sereno, le azioni potrebbero puntare a un significativo rialzo. Nel frattempo, un buon dividendo del 3% può servire da incoraggiamento. 

American Airlines (NASDAQ:AAL)

E per chiudere, il dato che nei giorni scorsi più ha fatto discutere.

E' stata per molti una sorpresa infatti che Berkshire Hathaway abbia fatto incetta di azioni di compagnie aeree. Ancora nel 2013, Buffett mostrava di considerare i titoli del settore come investimenti da evitare, ma adesso risulta che nell'ultimo trimestre la Berkshire ha acquisito circa 1 miliardo di azioni di American Airlines, 300 milioni di azioni Delta, e 285 milioni di United Continental.
La decisione di comprare azioni in un settore storicamente afflitto da grossi problemi e spesso a rischio di bancarotta, è una intrigante sorpresa visto il passato disprezzo di Buffett. Tra l'altro, l'acquisto di 4 differenti società suggerisce che si tratti di una scommessa sul comparto in generale più che su un titolo in particolare.

Se è così, suggerisce Campbell, probabilmente la scelta è stata dettata dall'impatto positivo dei minori costi del carburante quest'anno. Secondo la IATA, il carburante ha un costo inferiore del 5,5% anno su anno. I quattro titoli hanno generato ritorni medi del 21% dalla fine del terzo trimestre, e se il prezzo del carburante non subirà rialzi e i flussi di passeggeri restano favorevoli, queste azioni potrebbero mettere a segno buone performance ancora per un po'. 

Fonte: News Trend Online

Nessun commento:

Posta un commento