-
.....................

PER MANTENERTI SEMPRE IN CONTATTO CON LATOOSCURO-TRADING.COM TWITT

mercoledì 5 ottobre 2016

Sotto La Lente Dell'Analisi Tecnica: attese e obiettivi sui principali titoli

La lista che segue è composta da alcuni dei titoli appartenenti al principale indice di benchmark italiano, il FTSE MIB, ritenuti tra i più significativi in base ai criteri di liquidità dell'analisi tecnica e tali da garantire una rappresentazione complessiva dei vari settori ICB italiani. L'analisi interpreta i valori di supporto e resistenza secondo un orientamento temporale di breve periodo (1-2 giorni).
Brembo
Brembo (+1,68%) prova ad allungarsi oltre i record di giugno a 54,9 euro e raggiunge quota 55,15, salvo poi tornare sui propri passi.

L'ascesa viene infatti bloccata dal lato superiore del canale che contiene le oscillazioni dai minimi di metà agosto, i cui riferimenti si collocano attualmente a 51,90 e 55,15. La rottura del limite superiore del canale permetterebbe di ambire a target più ambiziosi in area 56,30 e 60 circa. Sotto area 51,90 rischio invece di approfondimenti verso area 50,20, la cui tenuta sarà determinante per garantire la realizzazione di tali prospettive.

-Target: 56,3 euro
-Negazione: 51,90 euro
-RSI (14): neutrale
Exor
Exor (+2,04%) si scontra con la linea che scende dai top di settembre a 36,50. Servirebbe quindi la rottura decisa di questa soglia per far ripartire l'uptrend verso target a 39,30 euro circa, poi fino a 40 e 43 euro.

Sotto la linea che sale dai minimi di febbraio in area 34,50 invece via libera verso 32,70/33 circa. 
-Target: 39,30 euro
-Negazione: 34,50 euro
-RSI (14): neutrale
I.M.A.
I.M.A. (+0,08%) ha saggiato la consistenza della resistenza definita dai record dell'8 settembre a 60,85 euro salvo poi venirne respinta.
Il trend resterà comunque saldamente orientato al rialzo fintanto che area 57 resterà intatta. Solo la violazione di questi livelli, minimi ripetutamente toccati nel mese di settembre, preluderebbe a un test dei supporti successivi a 54,90. Oltre area 60 atteso un allungo verso area 63.
-Target: 63 euro
-Negazione: 54,90 euro
-RSI (14): neutrale
Tenaris
Tenaris (+1,50%) prolunga la reazione messa a segno la scorsa ottava dai supporti a 11,20 circa fino al test a 12,85 circa della linea che unisce i massimi di luglio a quelli di agosto.

La rottura di questo ostacolo permetterebbe di ambire al test di obiettivi a 13,45 e successivamente fino a 13,70. Solo nel caso di perentorio ritorno sotto area 12 verrebbero vanificati i recenti sforzi e i prezzi potrebbero capitolare anche sotto 11,07 euro, minimi di agosto. 
-Target: 13,45 euro
-Negazione: 12 euro
-RSI (14): neutrale
*Unicredit
*
Unicredit (-1,08%) continua a seguire il tracciato della trend line che scende dai top di marzo.
I prezzi stanno scivolando progressivamente sotto area 2. Sotto 1,97 rischio di affondo sulla base del canale che sale dai minimi di luglio a 1,83 circa. AL contrario, il superamento della linea citata rappresenterebbe il primo passo per credere in un miglioramento del quadro grafico, ma solo la rottura decisa a 2,45 circa del lato alto del canale che sale dai minimi di luglio, seguita dalla ricopertura del gap lasciato aperto a 2,514 il 24 giugno scorso invierebbero segnali di forza per obiettivi a 2,73, top del 23 giugno, e 3,14, picco del 25 maggio.


-Target: 2,514 euro 
-Negazione: 1,97 euro
-RSI (14): neutrale
(CC)
Autore: Financial Trend Analysis Fonte: News Trend Online

Nessun commento:

Posta un commento