-
.....................

PER MANTENERTI SEMPRE IN CONTATTO CON LATOOSCURO-TRADING.COM TWITT

giovedì 13 ottobre 2016

S&P500: short sopra 25 di volatilità

I prezzi degli strumenti finanziari quotati hanno, in genere, una maggiore velocità di espansione in un trend discendente rispetto ad una salita del mercato. I movimenti veloci delle quotazioni sono misurabili, considerando l’escursione rispetto ad un prezzo medio di periodo, dalla volatilità ossia l’indice della paura.
Quale è la soglia che trasforma una situazione tranquilla di mercato in panico da sell off? Di seguito un esempio operativo sullo S&P500.
  1. Il prezzo comanda su tutto quindi fare l’analisi grafica è fondamentale. L’indice americano è uscito da una compressione dei prezzi, con baricentro 2.150 punti, andando a testare il supporto della Brexit a 2.120 punti.

    La rottura ha coinciso con la trendline rialzista che parte dai minimi del 19 maggio e che si può ritenere valida considerando la Brexit “rumore” (noise) momentaneo sui prezzi riassorbito in poche sedute (falsa rottura della tendenza di fondo)
  2. Analisi della volatilità guardando i prezzi.
    Considerando il grafico dall’estate 2015 è evidente come ci siano state tre fasi di aumento di volatilità e sell-off: crisi Cina, crisi banche europee e Brexit. In queste fasi quand’è che la volatilità ha dato un segnale di accelerazione e quindi successivo forte ribasso? Il valore chiave è ben evidente: 25!
  3. Operatività.

    Le condizioni per il ribasso sono legate a due parametri: a) esplosione volatilità sopra 25 b) rottura del supporto Brexit. L’ingresso sarebbe sul pull back del livello 2.120 oppure a favore di trend sulla fine di un ritracciamento del trend ribassista già partito. La tenuta del livello implicherebbe invece il ritorno del trading range 2.120-2.190 presumibilmente fino a fine anno o almeno alle elezioni americane o alle decisioni della Fed.
    Il rialzo, sfruttabile soprattutto in intraday, ha una strada minore rispetto al ribasso che potrebbe, nel caso si verificasse, portare l’indice ai livelli di minimo della Brexit a 1.980 punti. Attendere indicazioni da prezzi e volatilità
Riassumendo: il prezzo comanda sempre ma, la volatilità, conferma il trend e la relativa velocità.
Autore: Guido Gennaccari Fonte: News Trend Online

Nessun commento:

Posta un commento