-
.....................

PER MANTENERTI SEMPRE IN CONTATTO CON LATOOSCURO-TRADING.COM TWITT

lunedì 3 ottobre 2016

Piazza Affari torna indietro, ma nessun allarme per ora


La giornata odierna si è conclusa in rialzo per le Borse europee che hanno registrato volumi di scambio inferiori alla media per via della chiusura del mercato azionario tedesco. Dopo un avvio incerto gli altri listini del Vecchio Continente sono riusciti a cambiare marcia, presentandosi in chiusura con il segno più: il Ftse100 ha avuto la meglio con un progresso dell'1,22%, mentre il Cac40 si è accontentato di un frazionale incremento dello 0,12%.

Ftse Mib respinto dai 16.500, ma ancora sopra il supporto

Non è riuscita a fare altrettanto Piazza Affari che ha visto il Ftse Mib fermarsi a 16.273 punti, in calo dello 0,77%, dopo aver segnato nell'intraday un massimo a 16.470 e un minimo a 16.210 punti.


Dopo aver testato l'area dei 16.000 punti venerdì scorso. il Ftse Mib ha avviato un recupero in direzione dei 16.500 punti, avvicinati anche nella sessione odierna prima di un ripiegamento poco al di sotto dei 16.300 punti in chiusura di sessione.
Da una parte è stata certificata la bontà del supporto in area 16.000, ma dall'altra il mercato ha mostrato una buona solidità dell'ostacolo a 16.500.
Sarà proprio tra questi due livelli che si giocherà la partita del Ftse Mib nel brevissimo, visto che dalla rottura di uno di questi si svilupperà un movimento direzionale più deciso.
Discese al di sotto dei 16.000 punti costringeranno a guardare in primis al supporto dei 15.800/15.700, sotto cui la flessione proseguirà verso i 15.500 punti, ultimo baluardo da difendere prima di un ritorno sui minimi dell'anno in area 15.000.
Al rialzo con il superamento dei 16.500 punti si avranno ulteriori allunghi in direzione dei 17.000 punti.

Oltre questa soglia di prezzo il Ftse Mib si spingerà a testare i recenti massimi in area 17.400, con eventuali estensioni fino ai 17.500 nella migliore delle ipotesi.
Lo scenario del mercato è ancora molto incerto e non è facile fare previsioni sui movimenti di brevissimo, visto che i corsi sono sostanzialmente a metà tra un supporto e una resistenza che potrebbero essere violati con uguale probabilità, il primo al ribasso e la seconda al rialzo.

E' bene pertanto muoversi ancora con molta cautela a Piazza Affari in attesa di maggiore visibilità.

I market movers in America e in Europa

Per domani non sono previsti aggiornamenti macro in America fatta eccezione per l'indice settimanale Redbook relativo alle vendite al dettaglio con riferimento alle maggiori catene americane.


In agenda un discorso di Jeffrey Lacker, presidente della Fed di Richmond, mentre sul versante societario si segnalano i risultati degli ultimi tre mesi di Micron Technology per i quali si prevede una perdita per azione di 0,12 dollari.
In Europa si conoscerà l'indice prezzi alla produzione che ad agosto dovrebbe mostrare una variazione negativa del 2,2% su base annua, in recupero rispetto al calo del 2,8% precedente.
Prevista una riunione di politica non monetaria della BCE.

Sotto i riflettori Fca a Piazza Affari

A Piazza Affari da seguire Fca dopo che a settembre le vendite di auto in Italia sono salite del 17,43% rispetto allo stesso mese dello scorso anno. Il gruppo del Lingotto è riuscito a fare ancora meglio con una crescita delle immatricolazioni nell'ordine del 20,49%, a fronte di una quota di mercato salita al 29,02% dal 28,36% dello stesso mese dello scorso anno.
Fonte: News Trend Online

Nessun commento:

Posta un commento