-
.....................

PER MANTENERTI SEMPRE IN CONTATTO CON LATOOSCURO-TRADING.COM TWITT

venerdì 28 ottobre 2016

Mediobanca: il mercato premia i conti. I broker restano bullish


L'andamento negativo registrato oggi da Piazza Affari non sembra influire più di tanto su quello di Mediobanca, che pur essendo in qualche modo condizionata dal sentiment generale del mercato, si conferma in territorio positivo. Il titolo, che guadagna terreno per la terza seduta consecutiva, da subito ha imboccato la via dei guadagni e pur avendo ripiegato dai massimi intraday a 7,12 euro, si mantiene in rialzo, passando di mano a 7 euro, con un progresso dello 0,88%.
Vivaci i volumi di scambio visto che fino ad ora sono transitate sul mercato oltre 5,2 milioni di azioni, rispetto alla media giornaliera degli ultimi tre mesi pari a circa 4,6 milioni di pezzi.

I risultati del 1° trimestre dell'esercizio 2016-2017

Mediobanca guadagna posizioni dopo la diffusione dei risultati del primo trimestre dell'esercizio 2016-2017, archiviato con un utile netto in rialzo dell'11% a 270,7 milioni di euro, il miglior risultato trimestrale dal 2008.

Da notare che il dato rispetto allo scorso anno include l'apporto di Cairn Capital e dal 26 agosto del ramo d'azienda delle attività retail di Barclays Italia acquisito da CheBanca!.
I ricavi sono cresciuti del 4% a 526 milioni di euro, mentre il margine di interesse è salito del 4% a 314 milioni di euro.
Il costo del rischio è diminuito da 141 a 98 punti base grazie al buon andamento della qualità degli attivi in tutte le divisioni e al consolidamento degli impieghi Barclays, privi di sofferenze. 
Sostanzialmente stabili gli indici di capitale con il Common Equity Tier 1phased-in al 12,1% e quello fully phased al 12,5%.

L'outlook per l'intero esercizio

In occasione della diffusione dei conti trimestrali Mediobanca ha fatto sapere che per l'intero esercizio in corso prevede una tenuta del margine di interesse, sostenuto da consumer e retail banking e un miglioramento del costo del rischio, mentre i costi di struttura sono previsti in crescita coerentemente con i progetti pianificati.


Per l'esercizio le previsioni restano condizionate da un quadro macroeconomico ancora debole, cui si aggiungono incertezze politiche nei mercati di riferimento del gruppo.

Le reazioni e i giudizi delle banche d'affari

Commentando i numeri diffusi da Mediobanca, gli analisti di Equita SIM segnalano che le sorprese positive sono tutte nel business retail.
A livello consolidato viene definito ottimo il margine di interesse e il rating, solo in parte compensati da maggiori costi. 
Per gli analisti è plausibile un moderato aumento delle stime di utile adjusted e intanto la SIM milanese conferma la sua strategia bullish su Mediobanca, con una raccomandazione "buy" e un prezzo obiettivo a 7,6 euro. 
A consigliare l'acquisto del titolo è anche Kepler Cheuvreux che fissato un target price a 7,4 euro.

Il broker parla di una trimestrale migliore delle attese, con numeri forti sia a livello operativo, con una buona crescita dei ricavi e accantonamenti in calo, sia con un inatteso contributo da 110 milioni di euro derivante da guadagni su cessioni di asset.
Indicazioni positive anche da Banca Akros che suggerisce di accumulare Mediobanca in portafoglio con un fair value a 7,5 euro, sulla scia dei buoni dati trimestrali in attesa del piano industriale in agenda il 17 novembre.
Fonte: News Trend Online

Nessun commento:

Posta un commento