-
.....................

PER MANTENERTI SEMPRE IN CONTATTO CON LATOOSCURO-TRADING.COM TWITT

venerdì 14 ottobre 2016

La Cina riporta gli acquisti in Borsa. Ricca agenda in Usa


L'ultima seduta della settimana si è conclusa bene per la piazza azionaria giapponese che dopo la flessione di ieri è tornata a guadagnare terreno. L'indice Nikkei 225 è salito dello 0,49% sulla scia di alcune buone notizie arrivate dalla Cina che hanno allentato i timori sullo stato di salute dell'economia del Paese.
I prezzi alla produzione sono aumentati per la prima volta in quasi cinque anni, registrando a settembre una variazione positiva dello 0,% rispetto alla flessione dello 0,8% precedente, e battendo le previsioni degli analisti che si erano preparati ad un calo dello 0,3%.
In Cina si è avuta inoltre un'accelerazione dei prezzi al consumo, visto che a settembre l'inflazione ha mostrato un progresso dell'1,9% dall'1,3% di agosto, superando anche in questo caso le attese del mercato che stimava un incremento meno marcato dell'1,6%.
Le buone notizie arrivate dalla Cina hanno riportato il sorriso sulle Borse europee che dopo tre giornate consecutive in ribasso hanno imboccato da subito la via dei guadagni.

Il Ftse100 sale dello 0,75%, ma procedono in maniera decisamente più spedita il Dax30 e il Cac40 che avanzano rispettivamente dell'1,58% e dell'1,84%. 
Per oggi non sono previsti dati macro di rilievo in Europa e così l'attenzione sarà rivolta agli aggiornamenti attesi in America, dove saranno diffuse anche alcune trimestrali societarie.
Bene Piazza Affari che vede il Ftse Mib spingersi poco al di sopra dei 16.500 punti, con un vantaggio dell'1,69%.

Tutte le blue chips oggi sono precedute dal segno più e tra i più gettonati dagli acquisti troviamo i titoli del settore bancario. Ubi Banca scatta in avanti del 4,46%, ma riescono a fare bene anche Banca Popolare di Milano e Banco Popolare, in rally del 4,3% e del 4,25% alla vigilia delle assemblee sul progetto di fusione tra i due gruppo.
In ascesa del 3,78% Banca Popolare dell'Emilia Romagna, mentre Mediobanca guadagna il 2,73%, seguito da Intesa Sanpaolo che si apprezza del 2,43%.

Più cauti Unicredit e Banca Monte Paschi che viaggiano in salita dell'1,55% e dello 0,81%.
Rimbalzano gli assicurativi che dopo la debacle di ieri risalgono con decisione la china con Unipol e UnipolSai in corsa del 4,3% e del 4%, mentre è meno tonico Generali che sale dell'1,5%.
In buon recupero Telecom Italia che si riporta sopra quota 0,7 euro con un vantaggio del 2,49%.
Acquisti su Fca che avanza dell'1,87% dopo che a settembre le vendite di auto in Europa sono cresciute del 14,2% rispetto al rialzo del 7,3% del mercato di riferimento.
Sul fronte macro Usa oggi saranno diffusi i prezzi alla produzione che a settembre dovrebbero mostrare un rialzo dello 0,3% rispetto alla lettura invariata di agosto, mentre per la versione "core", depurata cioè delle componenti più volatili quali alimentari ed energia, si stima una variazione positiva dello 0,1%, in linea con la lettura precedente.
Per le vendite al dettaglio di settembre le previsioni parlano di un incremento dello 0,5% contro la flessione dello 0,3% precedente, mentre al netto della componente auto si dovrebbe avere un rialzo dello 0,4% dopo il calo dello 0,1% di agosto.
Le scorte delle imprese ad agosto dovrebbero salire dello 0,1% dalla lettura sulla parità di luglio, mentre il dato preliminare della fiducia Michigan ad ottobre è visto a 91 punti dai 91,2 di settembre.
Previsto un discorso del numero uno della Fed, Janet Yellen, ma anche un intervento di Eric Rosengren, a capo della Fed di Boston e a prendere la parola sarà anche Neel Kashkari, presidente della Fed di Minneapolis.
Da seguire prima dell'avvio degli scambi a Wall Street i risultati del terzo trimestre di Citigroup, con un eps atteso di 1,16 dollari, ma in agenda troviamo anche i conti trimestrali di Jp Morgan e di Wells Fargo che per non deludere le attese dovranno centrare l'obiettivo di un utile per azione pari rispettivamente a 1,39 e a 1,01 dollari.
Fonte: News Trend Online

Nessun commento:

Posta un commento