-
.....................

PER MANTENERTI SEMPRE IN CONTATTO CON LATOOSCURO-TRADING.COM TWITT

lunedì 3 ottobre 2016

Italia Mib 40: ancora vendite a settembre

Il principale indice italiano chiude settembre con un calo del -3,2%, confermandosi il peggior indice mondiale del 2016 (-23,4% ad un trimestre dalla fine). Settembre segnato di nuovo dalla debolezza delle banche, anche se stavolta il focus non è stato su quelle di casa nostra, ma fucili puntati su Deutsche Bank, impegnata in una difficile negoziazione con il governo Usa dopo la richiesta di una multa di 14 miliardi di euro.


ANALISI GRAFICA MENSILE

La candela di settembre nega in buoni propositi del mese di agosto, che aveva formato una candela con conformazione di proseguimento rialzista dopo i minimi di giugno a 15.000. Di fatto negli ultimi 3 mesi i prezzi hanno oscillato con aperture e chiusure nel ristretto range 16.000/17.300 senza alterare il quadro di fondo, che rimane ribassista su tutti i timeframe (mensile, settimanale, ad oggi anche giornaliero). RSI in zona ipervenduto, ma senza quei picchi che generalmente anticipano le inversioni. MACD orientato al ribasso dall’ agosto 2015. Solo oltre 19.200 potremo cominciare a parlare di inversione rialzista.

Da considerare anche il contesto: dati macro stabili ma non esaltanti rendono poco credibile una inversione al rialzo in autonomia rispetto agli indici più importanti (S&P500, DAX), che hanno trend rialzisti ma naturalmente soggetti a cicliche correzioni. Comincia poi ad accendersi l’interesse per il referendum del 3 dicembre, con i grossi investitori poco interessati ai cavilli costituzionali, ma che percepiscono la possibile vittoria del no come un elemento non invitante di stallo della azione politica.




SINTESI OPERATIVA

Neutrale da questi livelli. Per acquisti di breve attenderei sulla debolezza il re-test di 15.000, che rimane il supporto principale di periodo e che ha alte probabilità di essere di nuovo interessato dai prezzi.
Al momento rimane più interessante l’operatività ribassista, con primo livello di possibile entrata proprio in area 17.300/17.500 e soprattutto area 18.200, attualmente resistenza di medio periodo.

Riccardo Zarfati

Autore: Riccardo Zarfati

Nessun commento:

Posta un commento